Attacco alla sede della Lega di Fermo. Marchetti: "Un oltraggio alla democrazia e alla libertà di pensiero"

1' di lettura 18/08/2022 - Adesivi sulla vetrata e serranda forzata: a denunciare l’accaduto l’onorevole Mauro Lucentini, il Consigliere regionale Marco Marinangeli e il referente provinciale della Lega Fermo, Alan Petrini, che si stavano recando in sede per una riunione.

“Non si tratta soltanto di un attacco alla sede della Lega, ma di un oltraggio alla democrazia e alla libertà di pensiero - commenta il Commissario della Lega Marche, Riccardo Augusto Marchetti - un atto vandalico a opera di chi, come si evince dagli adesivi apposti sulla vetrata della sede, vuole combattere il fascismo, ma di fatto si serve degli stessi metodi"

“Oltre agli adesivi, - racconta Marchetti - i vandali hanno anche forzato il motore che consente di azionare meccanicamente la serranda, che non è più funzionante. Ringrazio l’onorevole Lucentini, il consigliere Marinangeli e il referente provinciale Petrini per aver denunciato l’accaduto e grazie anche alla Polizia Scientifica che ha tempestivamente fatto i rilievi - sottolinea Marchetti - auspichiamo che i responsabili vengano rintracciati e che tutte le forze politiche condannino questo atto di violenza”.

"Nelle Marche non è la prima volta che una sede del nostro movimento viene presa di mira dai vandali - conclude Marchetti - gesti del genere non possono passare sotto silenzio perché rappresentano una minaccia per la democrazia del nostro Paese”.






Lega Fermo


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-08-2022 alle 16:02 sul giornale del 19 agosto 2022 - 171 letture

In questo articolo si parla di attualità, lega, comunicato stampa, lega fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dlqo





logoEV
logoEV
logoEV