x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
articolo

Finalmente edita " La Torretta de Gabbià". L'opera postuma del Maestro Manlio Massini sarà presentata al pubblico a quasi 100 anni dalla sua morte

3' di lettura
823

di Marina Vita

fermo@vivere.it


L'evento venerdì 5 agosto alle 21,15 nel Chiostro Sant'Agostino a Montegiorgio.

Monte Giorgio- ‘ Llu sor JeremiCeli, Sor Vuscìa, stalu ‘ na sera là la Portarella donche se ‘ ngondra porbio, come scia, con Righetto, lu Rocciu e con Pecella…..” E’ questo l’incipit che già presenta i nomi dei protagonisti di “ La Torretta de Gabbià”, storia picaresca, poemetto in ottava rima in dialetto marchigiano che Manlio Massini iniziò a scrivere nel 1933 e concluse nel 1943. Opera postuma che finalmente vede la luce a quasi 100 anni dalla stesura e a circa 60 anni dalla morte del suo autore, grazie alla volontà indefessa della nipote Elena e di un gruppo di appassionati ( Valerio Liberati, Francesco Pasquali, Mario Liberati) che con lei hanno collaborato alla traduzione dal dialetto del manoscritto originale, vergato di proprio pugno dal nonno Manlio, anche esso contenuto insieme alla traduzione nel libro edito da Giaconi che sarà presentato in prima assoluta venerdì 5 agosto alle 21,15 presso il Chiostro Sant’Agostino di Montegiorgio. Un evento per ridare alla storia e al pubblico un’opera ritenuta un capolavoro da quanti l’avevano letta in fieri, come ad esempio il noto folklorista Luigi Mannocchi di Petritoli che di Massini fu il talent scout e lo spronò a terminarla.

“ La pubblicazione di questo volume è un sogno che non immaginavo si realizzasse – commenta entusiasta Elena Massini- Mi auguro che ora l’opera entri nelle case dei marchigiani, perché mio nonno era un grande folklorista che attingeva alle fonti storiche e riporta tante curiosità fornendo uno spaccato della civiltà contadina e delle leggende di questi territori che non devono andare persi. Spero che ovunque siano, sia mio padre che non era riuscito a pubblicarla, che mio nonno che ne è l’autore, siano contenti di questo risultato”.

Maestro, musicista, pittore, poeta, nato a Massa Fermana nel 1889 e vissuto a Montegiorgio fino alla morte nel 1964, Manlio Massini è molto conosciuto per la sua raccolta di poesie “ Lu Torrò de Massa”, ristampata di recente. A lui nel 2020 è stata dedicata anche la 24° pubblicazione della raccolta “ Quaderni Montegiorgesi” sempre a cura della nipote Elena e di Valerio Liberati.

All’evento di presentazione del volume “ La Torretta de gabbià” oltre alla nipote e a quanti l’hanno aiutata nel lavoro di ricostruzione dell’opera sopracitati , interverranno l’assessore alla cultura Michela Vita, l’editore Simone Giaconi, Ciro Stajano che ha corredato il testo con 7 tavole che esporrà e Giocondo Ronconi. Sarà inoltre proiettato un filmato realizzato da Francesco Pasquali con un drone nei luoghi originari della storia narrata.

“ Sarà una presentazione vivace e fuori dall’ordinario, come lo è l’opera, con interventi brevi e brani recitati, per parlare di una parte dei misteri che ancora sono tali”. A settembre il libro sarà poi presentato a Massa Fermana, luogo natio di Massini, che quest’anno parteciperà alla rassegna regionale “ Marchestorie” con uno spettacolo identitario, curato dalla regista Donatella Calamita, liberamente tratto proprio dalla Torretta de Gabbià.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 03-08-2022 alle 07:46 sul giornale del 04 agosto 2022 - 823 letture






qrcode