Palio del mare 2022: l’edizione 0 con la voglia di ricominciare

6' di lettura 25/06/2022 - A girare con il naso all’insù per il quartiere Faleriense di Porto Sant’Elpidio ci si ritrova sotto ad un cielo pieno di colori. È il mese del Palio del Mare, in programma per il 2 luglio, ed è da inizio giugno che i residenti abbelliscono le proprie case con nastri e fiocchi del colore del proprio rione.

La zona marchesa/San Filippo si tinge di giallo per il rione squali, sopra la ferrovia il cielo è bianco per le balene e verde per i delfini, mentre Via Marina si colora di rosso per i cavallucci e di blu per le sirene. Quasi da ogni balcone sventolano bandiere e striscioni, il fermento è palpabile, così come l’attesa.

La 17° edizione, dopo un lungo periodo di pausa dovuto a motivi organizzativi e un altro di due anni a causa della pandemia, è quasi un’edizione zero per gli organizzatori della manifestazione. Genny Cinesi, Serena Camela e Wais Ripa si sono avvalse da sempre della consulenza di Mauro Leoni, che è definito la memoria storica del palio, e che ricorda il motore della primissima edizione, venuto a mancare improvvisamente: Bruno Brasili, a cui il Palio del Mare 2022 è dedicato da due anni. Sante Isidori, organizzatore insieme a Brasili del primissimo Palio nel 1992, è presidente della ASD Atletica. “L’atletica di Porto Sant’Elpidio è fiera di farne parte e di preparare dieci atleti per ogni rione. Abbiamo avuto poco tempo per organizzarci, ma c’è stata tanta voglia di ricominciare”.

“Anni fa c’è stato un rinnovo nella squadra organizzativa – ricorda Wais Ripa – e quindi c’è stato entusiasmo e attesa, mentre per quest’anno l’entusiasmo è sceso. Questo dimostra che per far funzionare un evento al meglio non devono esserci pause”. C’è un buco generazionale creato a causa delle sette mancate edizioni, per il quale i ragazzi che non hanno potuto vivere il Palio in passato, ora non sanno cosa sia. Ma è una mancanza che pian piano verrà colmata, affermano all’unisono i cinque caporioni. Michela Incipini per gli Squali racconta che “quest’anno, prendendo le decisioni in brevissimo tempo, è stato difficile reperire atleti per la staffetta perché dopo la pausa molti non avevano idea di cosa fosse il palio, ma abbiamo comunque raggruppato cento i figuranti per la sfilata”. Simone Passamonti, dei Cavallucci: “A differenza dei colleghi noi siamo i meno numerosi ma ben organizzati. La squadra è preparata da Pamela Sgariglia e la coreografia da Tania Paoletti”. La storica caporione dei Deflini Orietta Cicchiné sottolinea l’unione del suo gruppo: “nonostante la difficoltà nel reperire i ragazzi, soprattutto intorno ai vent’anni, i delfini partecipano da sempre e sono caratterizzati da molta tranquillità ed è con questo sentimento che viviamo la competizione”. “La difficoltà di quest’anno è stata alzarsi dal divano dopo due anni di Covid – scherza Matteo Simoni, caporione Balene, - per la corsa ringrazio mio padre Giancarlo Simoni che si è impegnato andando a cercare casa per casa gli atleti”. Infine è il turno di Fabio Alcida, per le Sirene: “siamo partiti lentamente in quanto a entusiasmo, ma piano piano che ci avviciniamo al giorno del Palio tutti vogliono partecipare, il rione è sempre stato unito e affiatato per cui ringrazio la vecchia guardia che mi affianca”.

Partire tardi e non avere certezze sui finanziamenti (anche se poi, grazie a un lavoro capillare e alla generosità dei cittadini, si è riusciti a risolvere), sono state due varianti che hanno causato la modifica di alcuni punti di riferimento, uno tra tutti la presenza dei carri alla sfilata. La novità di quest’anno è infatti il carro unico al posto dei singoli carri per ogni rione, ed è stato creato in collaborazione con il carnevale di Cento e di Fano per fare in modo che rispondesse al meglio all’unione dei cinque rioni.

Il percorso partirà come sempre da Piazza F.lli Cervi, passando in Via Marina prima di arrivare al lungomare Faleria. La staffetta, come al solito, si svolgerà nei pressi del Villaggio Le Mimose (ore 23) e sarà presentata da Paolo Paoletti, Mauro Leoni, Wais Ripa e Valentina Angelini, accompagnati da Radio Faleria che darà la diretta della gara e curerà il dj set a chiusura della manifestazione presso la piattaforma a mare.

Un’altra novità è caratterizzata dagli angoli dedicati ad ogni rione e allestiti in tutto il lungomare sud. Ogni angolo avrà un punto audio per allietare con musica e allegria i tifosi che avranno voglia di essere accolti dal proprio rione.

“Si tratta di una seconda ripartenza per la manifestazione – dichiara il Sindaco Franchellucci - una grandissima parte di manifestazioni come questa muore dopo uno stop di due anni come quello che abbiamo avuto, invece il Palio del Mare ha resistito, e questo è sentore di quanto tutta la cittadinanza sia partecipativa, dimostra la voglia e lo sforzo di supportare un evento considerato ormai parte integrante di Porto Sant’Elpidio”.

Ogni via chiusa o vicolo nascosto del quartiere sono infatti presi d’assalto da atleti e ballerini che da un mese si allenano. E non solo, tra un balcone e l’altro si può vedere quanto il vicinato si sia impegnato per abbellire casa e strada con fiocchi e nastri colorati. Sottoscrive le parole del Sindaco l’assessore Canzonetta: “è importante impegnarsi affinché la macchina riparta dopo tutto questo tempo di pausa, e la festa è un orgoglio per chi l’ha messa in piedi e continua a lavorarci mettendoci faccia, risorse e tempo, è uno dei fiori all’occhiello della città”. L’assessore Ferracuti ringrazia tutti coloro che organizzano la festa: “il plauso va a tutti loro, in bocca al lupo agli atleti”.

Presente il consigliere regionale Andrea Putzu poiché quest’anno il Palio ottiene il patrocinio della Regione Marche. “Ricordo che quando avevo 10 anni andavo a vendere i biglietti della lotteria per finanziare il Palio del Mare, che è sempre stato momento di festa e di aggregazione, e sono sicuro che piano piano anche la nuova generazione riuscirà a capire quanta unione ci sia dietro. Nel 2018, dopo anni di pausa, quando nessuno pensava più di farlo, c’è stato un gruppo di volenterosi che non si sono dati per vinti. Questa manifestazione rappresenta un po’ la nostra storia, ed è per questo che ho fortemente supportato il patrocinio”.

Prima dell’inizio ufficiale del diciassettesimo Palio del Mare, l’appuntamento per tutti i rioni è il 30 giugno presso la Chiesa Sacro Cuore per la consueta cerimonia di giuramento.


di Marina Mannucci
redazione@viverefermo.it





Questo è un articolo pubblicato il 25-06-2022 alle 23:26 sul giornale del 26 giugno 2022 - 654 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, marina mannucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dc1v





logoEV
logoEV
logoEV