Assicurazione moto: 5 motivi per scegliere la Garanzia Furto e Incendio

3' di lettura 23/06/2022 - Che sia per passione o praticità, sempre più italiani preferiscono acquistare moto e scooter da utilizzare negli spostamenti quotidiani. Salvo diverse necessità, infatti, il mezzo a due ruote offre da sempre una lunga serie di vantaggi irrinunciabili una volta conosciuti.

Pensiamo alle lunghe code che si creano negli orari di punta nelle metropoli come Roma, Napoli, Milano: chi tornerebbe indietro dopo aver provato la comodità di percorrere gli stessi chilometri nella metà del tempo? O immaginiamo di trovarci in una delle meravigliose colline del Mugello: avere una moto con cui godere del paesaggio e accarezzare le curve è un’emozione che altri mezzi di trasporto non concedono. Ecco allora che il mercato delle moto e degli scooter ha conosciuto un’impennata sempre maggiore.

In modo direttamente proporzionale, purtroppo, al crescere degli acquisti di mezzi a due ruote sono aumentati anche i furti, il più delle volte organizzati dal mercato nero dei pezzi di ricambio. Secondo le statistiche, con un +6% rispetto al 2020, il 2021 si è chiuso con il furto di 26.707 tra moto, scooter e ciclomotori. E, se già questo dato non fa sorridere, ancor più allarmante è il fatto che solo il 36% dei mezzi rubati torna poi nelle mani dei legittimi proprietari.

Sebbene siano molti gli strumenti ormai in commercio per evitare il furto, molto spesso catene, blocca dischi e antifurti satellitari non bastano a scoraggiare i malintenzionati. Ecco allora che avere un’ottima assicurazione moto diventa fondamentale. Per scegliere al meglio, tuttavia, bisogna rivolgersi a professionisti del settore: ConTe.it, ad esempio, offre un’esperienza decennale, un’ampia gamma di prodotti assicurativi distribuiti e consulenti in grado di guidare nella scelta di tutte quelle garanzie che si ritengono indispensabili. A volte si potrebbe trattare di un esborso economico anche importante sul momento, è vero, ma nulla paragonato rispetto ai benefici che potremmo trarne qualora si verificasse qualche spiacevole evento. È il caso proprio delle garanzie per furto e incendio.

Considerando che i veicoli nuovi catturano maggiormente l’interesse dei ladri, uno dei primi validi motivi per coprire il proprio mezzo con una polizza furto e incendio è proprio l’acquisto di una nuova moto. In caso di furto totale, senza ritrovamento, si avrebbe infatti diritto al risarcimento dell’importo secondo le clausole applicate al contratto che spesso, nei primi periodi, corrisponde al 100% del valore. Questo consentirebbe allo sventurato motociclista di poter riacquistare subito il proprio mezzo. Altro aspetto da considerare è il furto parziale: se il ladro si trovasse nell’impossibilità di rubare il mezzo o tentasse il furto solo ad alcune parti, l’assicurazione entrerebbe in gioco rimborsando il danno e consentendo dunque al proprietario di rimetterlo a nuovo quanto prima. Infine, sempre legata al furto, c’è la casistica di danni provocati al mezzo dalla circolazione conseguente al furto o alla rapina, in caso questo venga poi ritrovato e riconsegnato al legittimo proprietario.

Ma il furto (tentato o effettivo) non è l’unico pensiero dei motociclisti. Un'eventualità che spesso non viene considerata è quello di danni in caso di incendio. Si tratta di un’ulteriore garanzia offerta dalle compagnie assicurative che molto spesso viene ritenuta superflua, ma in caso di bisogno risulta fondamentale. Qualora si accerti che l’incendio non sia doloso da parte dell'assicurato, infatti, la polizza copre il danno riportato dalle fiamme. Parliamo quindi, con maggiore frequenza, dei danni subiti a seguito di azione del fulmine, scoppio o esplosione dell’impianto di alimentazione.






Questo è un articolo pubblicato il 23-06-2022 alle 12:35 sul giornale del 23 giugno 2022 - 13 letture

In questo articolo si parla di attualità, redazione, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/dcBi