Uno spiraglio verso l'inclusione: nothing about us without us!

4' di lettura 21/05/2022 - Presentazione del film “CODA – I segni del cuore” alla SSML San Domenico di Fermo.

Il 19 Maggio 2021 l'Italia ha finalmente approvato il riconoscimento della LIS. Un atto dovuto che la comunità segnante attendeva da anni e per cui non si sono mai perse le speranze. Da lì, passo dopo passo, molto è stato fatto e molto altro ancora attende di essere costruito verso una sempre maggiore accessibilità e condivisione.
Un anno dopo, nella cornice di Fermo Learning City dell'UNESCO, in occasione dell’Open Day dell’istituto universitario San Domenico, si è tenuto l'incontro con le delegazioni delle associazioni dei sordi del territorio, quella dell’Ens Ascoli-Fermo guidata dalla Presidentessa Virginia Basili e quella del circolo sordi di Fermo guidata dal Presidente Luciano Santoni.
Grazie al supporto dell’interprete LIS Sara Brunellini, il Direttore della San Domenico, Prof. Carlo Nofri, ha potuto illustrare l’imminente progetto “Fermo Città Deaf Friendly”, vincitore di un avviso della Regione Marche nell’ambito del turismo accessibile e in partenza a Ottobre, nonché la prossima Masterclass residenziale e intensiva sulla Lingua dei Segni Americana (ASL) che si svolgerà a Fermo dall’11 al 16 Luglio con la partecipazione del professore universitario Keith Lockwood in arrivo dagli Stati Uniti. Lockwood è già docente del corso di laurea sperimentale per Mediatori Internazionali delle Lingue dei Segni, attivo presso la sede di Fermo e in linea con il nuovo Decreto del Ministero della Disabilità.
Durante l’incontro i partecipanti hanno potuto apprezzare il film “CODA - I segni del cuore” nella versione con sottotitoli per sordi. Il film ha trionfato alla 94.ma edizione degli Academy Awards vincendo l'Oscar per il miglior film, la miglior sceneggiatura non originale e il miglior attore non protagonista, Troy Kotsur. Quest'ultimo è il secondo attore sordo a vincere una statuetta, dopo Marlee Matlin, anch’essa nel cast, che nel 1987 fu premiata per “Figli di un dio minore”. Nel caso di CODA, parliamo di un remake del film La Famiglia Bélier, uscito nel 2014, per la regia di Éric Lartigau. “CODA – I Segni del Cuorerisulta essere a tutti gli effetti un film capace di toccare le corde dell’anima dello spettatore che, se non è capace di comprendere la situazione in prima persona, può quanto meno calarsi nei panni dei protagonisti per tentare di immaginare cosa voglia dire vivere in bilico tra due mondi. Inoltre, mentre ne La Famiglia Bélier abbiamo soltanto attori udenti, il remake di Sian Heder tenta di coinvolgere ancora di più lo spettatore, portando in scena degli attori sordi. CODA persegue di fatti un'altra rotta scegliendo di assegnare i ruoli dei genitori di Ruby, coprotagonisti della storia, direttamente a due attori professionisti sordi. La ragazza è un'adolescente come tanti, eppure rispetto ai suoi coetanei si fa carico di maggiori responsabilità. Questo è ciò che accade realmente a molti figli di genitori sordi, abituati a crescere troppo in fretta e a farsi da ponte tra due universi apparentemente ben distinti e separati tra loro. Tornando al film, significa molto per la comunità segnante essere rappresentata da persone che vivono da vicino determinate dinamiche e che tuttavia dimostrano di condurre una vita normale. Non sentirsi quindi emarginati o esclusi, né essere visti semplicemente come una minoranza. Come affermava Irving King Jordan, primo presidente sordo della Gallaudet University, «i sordi possono fare tutto tranne udire.»
Coda (Children of deaf adults) è un acronimo internazionale nato negli Stati Uniti nel 1983 e scelto per indicare i figli udenti di genitori sordi. Fino al 14 ottobre 2014, data di inaugurazione dell'Associazione Coda Italia, nel Belpaese non si sapeva neanche chi fossero i CODA. Ad oggi si ha una maggiore consapevolezza sia dei CODA stessi, sia dei genitori sordi che iniziano a chiedersi come approcciarsi alla realtà udente dei propri figli. Ogni anno, inoltre, la quarta domenica del mese di aprile, come per tutte le altre Associazioni CODA nel mondo, si celebra la festa dei genitori sordi. Tutto ciò ha permesso di creare una rete di persone che gravitano attorno a questa realtà e la supportano.

Prossimo appuntamento con l'Open Day di giovedì 26 maggio, dalle ore 15 alle 18, presso la sede dell'università San Domenico. Per maggiori informazioni e prenotazioni rivolgersi a: info@ssmlfermo.it


di Michele Peretti
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 21-05-2022 alle 16:46 sul giornale del 22 maggio 2022 - 420 letture

In questo articolo si parla di cultura, sordità, genitori figli, sordi, articolo, Michele Peretti, sordi segnanti, udenti, CODA Italia, Lingua dei Segni Americana, espressioni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c8t1

Leggi gli altri articoli della rubrica Espressioni





logoEV
logoEV
logoEV