Restyling per la fontana di Piazza Risorgimento a Torre di Palme

2' di lettura 18/05/2022 - Un risultato che fa seguito ad un’opera di restauro e recupero certosino e attento che ha riportato il manufatto alla sua originaria bellezza, eseguita da Davide Borzacchini, restauratore e conservatore beni culturali, nell’ambito del Bando Pubblico GAL Fermano (Misura 19.2 Sottomisura 19.2.7.2.A). Sono stati eseguiti interventi di pulitura, consolidamento e restauro degli elementi lapidei che compongono la fontana, che versava in uno stato di degrado naturale.

La fontana è realizzata su un alto basamento di pianta ottagonale alto quasi 50 centimetri realizzato in cemento. Sopra il basamento è posta la vasca vera e propria a pianta centrale con il parapetto di 80 cm. All’esterno il basamento si manifesta con un parapetto con ampie bombature curvilinee. Al centro della forma geometrica è posto un elemento circolare. Il tutto per un’altezza totale di circa 3 metri. L’acqua fuoriesce da una serie di cannelle che provengono dalla bocca di quattro pesci posti nei quattro lati, scolpiti, posti sul blocco centrale appena sopra la vasca, lavorato secondo la forma di una roccia.Il recupero a cura di Borzacchini è consistito, dopo uno studio preliminare con il prelievo di campioni e analisi chimiche, in un’adeguata pulitura, l’effettuazione di trattamenti biologici, la ricucitura delle lesioni del manufatto, il mettere insieme gli elementi in pietra componenti l’opera mediante utilizzo di malte naturali adeguate; ripristinare un’adeguata stuccatura di connessione tra le parti in pietra.“Un altro elemento che concorre nell’opera di valorizzazione di Torre di Palme, da cui si gode un bel panorama sul mare, cui i residenti sono molto legati ma anche i visitatori, insieme ai siti culturali esistenti, apprezzano - come hanno ricordato il Sindaco Paolo Calcinaro e l’Assessore ai lavori pubblici Ingrid Luciani al termine dell’intervento, eseguito da Davide Borzacchini, con il coordinamento dell’Ufficio Tecnico Comunale, in particolare dell’ing. Daniela Diletti, la direzione dei lavori dell’arch. Cinzia Guarnieri e il progetto dell’arch. Monia Ferroni.“Un’opera compiuta dopo aver partecipato al Bando Gal che ringraziamo per questa attenzione a tutte quelle che sono le azioni di valorizzazione dei siti culturali, al loro recupero” – ha detto l’assessore alla cultura Micol Lanzidei.“Un lavoro compiuto a regola d’arte che esalta e mette in rilievo un manufatto cui i residenti sono legati, un segno di attenzione, un simbolo del borgo che il tempo e le intemperie avevano intaccato ma che ora risalta con la sua bellezza” – ha aggiunto l’assessore Mauro Torresi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 18-05-2022 alle 13:50 sul giornale del 19 maggio 2022 - 126 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, Comune di Fermo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c711