Giornata dell'infermiere e convegno Cives a Casabianca: fari accesi sul ruolo dell'infermiere in Protezione Civile

4' di lettura 18/05/2022 - All'evento che si è tenuto presso l’Hotel Royal a Casabianca di Fermo, hanno partecipato 40 infermieri di varie Unità Operative provenienti dalla provincia di Fermo e Macerata e 10 docenti formati nell’ambito della comunicazione e della multiculturalità

Lo scorso 11 Maggio 2022 si è aperto il Convegno Itinerante di CIVES “Nursing in Protezione Civile” con il corso “Il Ruolo dell’Infermiere in Protezione Civile” che ora seguirà varie tappe in tutta Italia. Corso rivolto agli Infermieri, con il fine di promuovere la cultura di quest’ultimi nel Sistema di Protezione Civile. L’Infermieristica in Protezione Civile, infatti, è un campo molto complesso, in cui il CIVES, con i suoi professionisti Infermieri, vuole definire teorie e peculiarità.

All'evento che si è tenuto presso l’Hotel Royal a Casabianca di Fermo, hanno partecipato 40 infermieri di varie Unità Operative provenienti dalla provincia di Fermo e Macerata e 10 docenti formati nell’ambito della comunicazione e della multiculturalità, tema molto importate in questa nuova emergenza che si sta trattando a livello nazionale dovuto al conflitto Ucraino..

"Si è trattato di un momento importante per la nostra professione, peraltro caduto proprio a ridosso del 12 Maggio, giornata internazionale dell'infermiere, che ha definito nuovi percorsi e nuove realtà in ambiti paralleli al nostro- ha commentato la Presidente del gruppo Cives fermano Samanda Pettinari- A Fermo nel 2017 si creó il primo nucleo delle Marche. Di strada ne è stata fatta tanta come si può vedere dai risultati di oggi e per questo ringrazio tutti gli Infermieri volontari che si sono resi disponibili per questo preziosissimo servizio. Giorno dopo giorno, siamo sempre più consapevoli che le nostre competenze girano tutte intorno al paziente, dobbiamo donare tempo e spazio per costruire la relazione con il paziente e con i famigliari per fare la differenza. Abbiamo studiato ma dobbiamo continuare a farlo, per essere bravi nel saper utilizzare le tecniche, per poter collaborare in modo ottimale sia durante le pratiche ordinarie che in quelle urgenti. Ma la vera differenza, che va oltre il successo della messa in atto di una tecnica o dell’esito di una patologia, è quando si riesce a costruire una relazione di qualità, in ogni contesto."

Sono state molte le autorità del mondo istituzionale, politico e ordinistico che hanno partecipato, in collegamento e in presenza, all’apertura del Convegno.

Sono intervenuti: la Presidente IV Commissione sanità regione Marche Elena Leonardi; l’Assessore alla Protezione Civile del Comune di Fermo Ingrid Luciani; il Direttore generale Asur Marche Nadia Storti; i Presidenti OPI Fermo Giampietro Beltrami e OPI Macerata Sandro di Tuccio; la Presidente CSV Provinciale Fermo, Annalaura Stopponi delegato del Presidente regionale Simoni Bucchi; il Direttore delle professioni sanitarie AV4 Fermo Dott. Ricchi Renato.

Hanno integrato gli interventi anche i rappresentanti delle varie specialità della Protezione Civile.

Francesco Lusek delegato del prefetto di Fermo sul sistema di protezione civile ha sottolineato come “La figura dell’Infermiere è strategica nell’intervento di protezione civile a supporto delle comunità locali, non solo nelle prime fasi dell’emergenza ma anche nel delicato percorso di ritorno alla normalità”

Mauro Perugini, responsabile volontariato protezione civile regione Marche ha parlato del volontariato in protezione civile e del supporto di CIVES Nazionale nel PASS di Porto Sant’Elpidio durante l’evento Sisma Centro Italia 2016.

Roberto Toscanelli responsabile p o. territoriali AV4 ha ricordato l'esperienza condivisa con il CIVES Nazionale durante l'attivazione per l'emergenza Sisma 2016, Erano presenti anche Laura Mariani Responsabile p.o. cure intermedie AV4, Piergiorgio Matteucci rappresentante delle associazioni di volontariato della provincia di Fermo, e anche un rappresentante per ANPAS e MISERICORDIA.

“Il momento più toccante è stato il collegamento con i colleghi volontari CIVES, presenti negli Hub di Fernetti e Ugovizza per l’accoglienza dei profughi Ucraini che hanno raccontato la loro esperienza e proposto un report sulle prestazioni sanitarie di cui necessitano le persone che vi transitano, dove trovano un Team, composto da varie professionalità messe insieme: Infermieri, Psicologi, Medici e Volontari di protezione Civile”- conclude la Pettinari

In questa 1° Edizione del Convegno presso Fermo è stato anche inaugurato il camper acquistato dal CIVES Nazionale allo scopo di far crescere la colonna mobile a disposizione e garantire una risposta migliore in caso di maxi emergenze.






Questo è un articolo pubblicato il 18-05-2022 alle 06:20 sul giornale del 19 maggio 2022 - 308 letture

In questo articolo si parla di cronaca, articolo, marina vita

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c7WJ





logoEV
logoEV
logoEV