Porto San Giorgio, furto in uno chalet. Ladro seriale denunciato dalla Volante

polizia volante 3' di lettura 09/05/2022 - Pochi giorni fa in uno chalet di Porto San Giorgio è stato perpetrato il furto di alcune centinaia di euro conservate nel registratore di cassa.

Nel corso della notte un soggetto travisato con il cappuccio della felpa e mascherina di protezione delle vie aeree è entrato nel locale forzando una delle porte a vetri lato mare e dopo aver cercato eventuali oggetti di valore nei mobili ha raggiunto la cassa dalla quale ha estratto, forzandolo, il cassetto dei soldi, allontanandosi. Nelle prime ore della mattina il titolare dell’esercizio ha scoperto l’effrazione ed ha chiesto l’intervento della Volante gli operatori della quale hanno effettuato il primo sopralluogo e verificato con il personale le immagini riprese dall’impianto di videosorveglianza che hanno purtroppo solo reso le sembianze, di spalle, del ladro. Infatti, l’autore del furto, probabilmente a conoscenza della posizione delle telecamere, forse individuate nel corso di un precedente controllo, ha sempre dato le spalle alle riprese ma non si è accorto che la luce dei lampioni della strada che filtrava dall’esterno aveva riflesso, in molti momenti anche se non nitidamente, parte della sua fisionomia. Dalla disamina delle immagini è risultato infatti che nei pochi minuti della sua azione predatoria il soggetto aveva spesso abbassato la mascherina di protezione sotto il mento. I particolari estrapolati dalle diverse angolazioni dei frame sono stati tra loro uniti come le tessere di un puzzle rendendo l’immagine, disarticolata, del suo viso, come l’immagine di un quadro cubista, ma sufficiente per poter almeno indirizzare le indagini su un numero ristretto di soggetti, delinquenti seriali dediti ai furti in abitazioni ed esercizi commerciali, noti agli operatori della Polizia di Stato della Volante. La riprova della corretta individuazione del soggetto e la successiva certa identificazione dello stesso è derivata dalle tracce lasciate dal ladro e repertate dalla Polizia Scientifica sul luogo di commissione del reato che hanno consentito di indicare alla Procura della Repubblica l’autore del reato predatorio, un uomo di circa cinquanta anni residente a Fermo, già riconosciuto, anche nel recente passato, responsabile di analoghi delitti. Nel recente passato, si è detto, ma anche nell’immediato futuro perché, solo pochi giorni, dopo l’attività di indagine degli operatori della Volante e dei tecnici della Polizia Scientifica hanno consentito di riconoscere il soggetto, ladro seriale, anche quale responsabile di un tentato furto di un televisore all’interno di un altro chalet che per la solidità delle staffe sulle quali era stato apposto, non è andato a buon fine nei pochi minuti che il malfattore aveva preventivato di agire prima dell’arrivo della Volante attivata dalla sirena dell’impianto d’allarme dell’esercizio commerciale. Il ladro nel frattempo era scappato ma le prove del suo tentativo, raccolte dai poliziotti durante il sopralluogo, lo hanno incastrato. L’uomo, nel primo caso, è stato denunciato alla Procura della Repubblica per il reato di furto aggravato e di tentato furto aggravato per il secondo episodio.


di Redazione Vivere Fermo

fermo@vivere.it



Redazione VivereFermo


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 09-05-2022 alle 21:03 sul giornale del 11 maggio 2022 - 268 letture

In questo articolo si parla di cronaca, polizia volante, Redazione VivereFermo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c6BN





logoEV
logoEV
logoEV