x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
comunicato stampa

"Corsa contro la fame", ad Amandola sport e solidarietà per eliminare la fame nel mondo

2' di lettura
331

di Redazione Vivere Fermo

fermo@vivere.it


All’interno del curricolo di Educazione Civica, la Scuola Secondaria di Primo Grado dell’Istituto Omnicomprensivo di Amandola ha inserito il progetto promosso da “Azione contro la Fame” (organizzazione umanitaria internazionale che opera da oltre 40 anni nella cooperazione) e patrocinata dal CONI.

L’iniziativa internazionale ha l’obiettivo di sensibilizzare gli alunni, attraverso lo sport, ai problemi delle comunità più povere del mondo colpite dalla fame e dalla malnutrizione infantile, con l’intento di contribuire alla sfida lanciata dall’obiettivo n. 2 dell’Agenda ONU 2030: “Fame Zero”.

Da gennaio le classi di Amandola, Montefortino e S. Vittoria in Matenano lavorano sulle cause e le conseguenze della fame, piaga che colpisce 811 milioni di persone nel mondo di oggi, con materiali differenti e con la consulenza degli esperti di “Azione contro la Fame” che lo scorso 18 febbraio hanno tenuto un incontro, in modalità telematica, con i sette gruppi che hanno aderito all’iniziativa.

Dopo la prima fase di formazione, i ragazzi sono divenuti parte attiva del progetto: tramite il “passaporto solidale” e i materiali video forniti, hanno coinvolto familiari, vicini di casa e amici sulle tematiche affrontate. La loro opera di sensibilizzazione sta ricevendo promesse di donazione per ogni tratto di corsa che compiranno sabato 14 maggio, presso il Campo Sportivo di Amandola (Piazzale Pertini), giornata culminante del progetto: tutti gli sponsor sono invitati a partecipare e verificare l’effettiva realizzazione dei numeri di giri annunciati da ciascun alunno partecipante.

Seguirà la raccolta delle donazioni che serviranno ad acquistare bustine di cibo terapeutico per salvare la vita ai bambini malnutriti del Madagascar.

“Con questo progetto, grazie all’impegno di migliaia di studenti e dei docenti - ha dichiarato Simone Garroni, direttore generale di Azione contro la Fame - accendiamo i riflettori sulla crisi alimentare che colpisce le comunità più vulnerabili del mondo le quali, oltre alla attuale emergenza sanitaria, sono spesse già flagellate da guerre, povertà ed effetti dei cambiamenti climatici. Negli studenti e nei docenti troviamo i nostri principali ‘alleati’, a dimostrazione del fatto che la scuola, con il coinvolgimento di tutti i suoi attori, può trovare quelle sinergie utili per contribuire, davvero, alla creazione di un mondo migliore e, soprattutto, libero dalla fame”.



Questo è un comunicato stampa pubblicato il 10-05-2022 alle 08:31 sul giornale del 11 maggio 2022 - 331 letture


Redazione VivereFermo




qrcode