x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

Fermana, ai playout contro la Viterbese sarà dentro o fuori

8' di lettura
750

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


FERMO - Domani pomeriggio, sabato, ore 17:30 allo stadio Bruno Recchioni di Fermo andrà in scena la gara di andata dei playout salvezza del gruppo B di serie C tra Fermana e Viterbese. I canarini devono vincere almeno una partita. L'altro playout in programma è Pistoiese-Imolese.

La classifica finale aveva stabilito altri accoppiamenti ma una settimana dopo la fine del campionato (anomalia tutta italiana…) il Collegio di garanzia dello sport del CONI ha annullato una penalizzazione in classifica all'Imolese che è risalita di ben due posizioni, mettendo nei guai soprattutto la Pistoiese, mentre per la Fermana è cambiata solo l'avversaria, che inizialmente doveva essere la squadra arancione toscana, invece ora è quella gialloblù laziale.
La gara di ritorno si giocherà sabato prossimo, 14 maggio.

Come ripetuto molte volte la Fermana, essendosi piazzata peggio della Viterbese nella classifica finale (penultima posizione), dovrà giocare la partita di ritorno in casa della Viterbese che, oltre ad avere il fattore campo dalla propria parte, sarà avvantaggiata dal regolamento: nel caso di due pareggi con qualsiasi punteggio i laziali si salveranno. La Fermana per restare in serie C dovrà vincere almeno una partita, con la speranza che l'avversario non vinca l'altra partita con un punteggio almeno uguale: in caso di migliore differenza reti nei due scontri, prevale questa rispetto alla posizione in classifica (ad. es. se la Fermana vince a Fermo 2-0 e perde a Viterbo 1-0, si salva la Fermana).

In questo campionato appena concluso tra Fermana e Viterbese ci sono stati due pareggi. 3-3 all'andata a Fermo, fu la prima giornata: canarini in vantaggio per ben 3-0 (con gol di Urbinati, Bolsius e Nepi) e che si fecero acciuffare nella ripresa con i centri di Murilo, Volpicelli e Capanni-Dias; al ritorno nel Lazio fu 0-0.
A prescindere da questo, nell'ultimo scorcio di campionato la Viterbese è parsa più in forma: nelle ultime tre partite i laziali hanno conquistato 4 punti, la Fermana purtroppo zero punti nelle ultime tre gare e solo due nelle ultime cinque!
Volendo andare ai tabù, la Fermana al “Recchioni” non ha mai vinto contro la Viterbese, ha invece perso due volte (vedi tutti i precedenti completi in basso). Anche questa statistica però conta poco perché l'esperienza (anche degli stessi spareggi giocati in passato dalla Fermana) insegna che nei finali di campionato, e poi negli spareggi, succedono spesso fatti imprevedibili.

I gialloblù, come già accennato, sono usciti vincitori da tutti gli spareggi salvezza della loro storia: sei tra il 1951 e il 2005. I primi tre spareggi (contro Pistoiese, Sulmona e Canosa) vincendo, gli altri tre (playout contro Trapani, Taranto e Chieti) con due pareggi, come da regolamento in vigore ancora oggi, ma in tutti i casi la Fermana era piazzata meglio dell'avversaria nella classifica finale.

Perché i canarini non dovrebbero riuscire a farcela anche questa volta? L'avversaria di domani sarà una squadra alla loro portata perché naviga negli stessi problemi di classifica e di formazione. C'è un però: i canarini non dovranno affrontare queste due partite con lo stesso approccio e con la stessa distrazione con cui hanno giocato le ultime partite, soprattutto quelle contro Imolese Olbia. Servirà la stessa intensità e concentrazione viste, ad esempio, contro il Cesena all'esordio di Gabriele Baldassari sulla panchina gialloblù, almeno fino al gol del pareggio dei romagnoli al 91': dopo quella mazzata è sembrato che la Fermana non si sia più ripresa.

Che partita si potrà prevedere per domani pomeriggio? Sicuramente un incontro teso, duro, con molto agonismo, poche belle azioni. Entrambe le squadre punteranno a non far giocare l'avversario. È un tipo di gioco in cui la Fermana è abituata, anzi esperta, però in campionato ha sempre sofferto quando anche le avversarie hanno giocato allo stesso modo. Al contrario i canarini, sia con Baldassarri che con Riolfo, si sono trovati a maggior agio quando l'avversario ha provato a giocarsi la partita a viso aperto, senza speculazioni, arrivando i gialloblù spesso a mettere in difficoltà anche squadre di alta classifica (vedi appunto Cesena, Reggiana, Ancona etc.), ma difficilmente sarà il caso di questi due playout.

RITIRO ALL'HOTEL ASTORIA

Per migliorare la concentrazione dei giocatori e farli sentire un po' di più a contatto di città e tifoseria, la società ha deciso questa settimana di portare la squadra in ritiro nel cuore del centro storico, nell'Hotel Astoria, dove ieri sera tardi i tifosi si sono radunati e con cori e fumogeni hanno incitato lungo la squadra chiedendo un ultimo sforzo per mantenere la categoria tanto difficilmente riconquistata cinque anni fa dopo undici lunghi e duri campionati dilettantistici, anche regionali.

LE PAROLE DELL'ALLENATORE DELLA FERMANA

Ecco le dichiarazioni del tecnico gialloblù canarino alla vigilia della gara, diffuse dall'Ufficio stampa della Fermana:
Abbiamo l'assoluta consapevolezza della posta in palio e anche il ritiro che abbiamo scelto di fare è stato importante per creare un corpo unico con la tifoseria e la città di Fermo. La città sente l'importanza della gara e della posta in palio assolutamente. Noi sappiamo bene cosa ci attende in campo ma dobbiamo anche avere la grande lucidità di capire che si gioca in 180 minuti una sfida decisiva. Serve equilibrio, attenzione e grande concentrazione contro una squadra che in questo girone di ritorno ha tenuto un ritmo incredibile in termini di punti e prestazioni. Ai playout lo sappiamo bene che tutto si annulla, si riparte da zero anche se noi dobbiamo, in virtù della classifica finale, vincere almeno una delle due gare. Serve una doppia grande prestazione e serve l'appoggio dell'intero ambiente: ai tifosi c'è poco da chiedere, sono sempre stati vicini alla squadra, anche dopo la sconfitta con l'Olbia ci hanno sostenuti. Sono encomiabili e meritano il massimo impegno di tutti noi".

"La squadra in questi giorni e in queste settimane ha lavorato bene, abbiamo rimesso del carburante nelle gambe ed era importante dopo una stagione molto lunga. A Chiavari nell'ultima di campionato abbiamo visto buone cose, il risultato non è arrivato per un paio di distrazioni ma la prestazione è stata fatta e i segnali sono stati importanti. Per me una gara da ex? Si conoscono l'ambiente, lo scorso anno ero li e so che tipo di organizzazione e di lavoro viene fatto li a Viterbo. Della squadra che avevo io sono rimasti in pochi ma è chiaro che i numeri del girone di ritorno sono importantissimi, il mercato di gennaio ha portato ottimi innesti e di grande qualità. Noi abbiamo le nostre armi indubbiamente e lo dobbiamo mettere in campo per raggiungere il nostro obiettivo, daremo fino all'ultima goccia di sudore per ottenerlo".


I CONVOCATI: NON CE L'HA FATTA TASSI, RECUPERATO GRAZIANO, RISOLUZIONE CONTRATTUALE CON SIMONELLI

PORTIERI: 1 Ginestra, 22 Moschin, 41 Manardi;

DIFENSORI: 2 Rossoni, 3 Parodi, 6 Spedalieri, 14 Scrosta, 15 Giannò, 21 Rodio, 23 Alagna, 30 Sperotto, 99 Blondett;

CENTROCAMPISTI: 4 Urbinati, 8 Sangiorgi, 11 Bugaro, 18 Frediani, 20 Capece, 24 Mbaye, 25 Graziano;

ATTACCANTI: 7 Marchi, 9 Cognigni, 16 Kyeremateng, 17 Boateng, 26 Molinaro 77 Panittieri;

NON CONVOCATI: 5 De Pascalis, 19 Pistolesi, 31 Ajradinoski, 32 Tassi;

Con Marco Simonelli, di proprietà della Viterbese, raggiunto l'accordo pochi giorni fa in via consensuale per la risoluzione del contratto per motivi di opportunità e possibile conflitto di interesse.

BIGLIETTI: NON VALGONO GLI ABBONAMENTI

Ricordiamo che per questa gara non saranno validi gli abbonamenti stagionali.
I biglietti sono disponibili sul circuito Vivaticket.
Sarà possibile acquistare i biglietti anche recandosi presso il Fermana Store (viale Trento) nei seguenti giorni e con i seguenti orari:
- oggi, venerdì 6 maggio, ore 11-20
- domani, sabato 7 maggio, dalle ore 10 fino alle 13:30
- domani dalle ore 13:30 fino ad inizio gara presso la Biglietteria vicino a Villa Vitali.

Ecco i prezzi dei biglietti (tutti i prezzi compresi di diritto di prevendita):
- tribuna centrale “Paolo Belleggia”: ingresso unico: 30 euro,
- tribuna laterale ovest: intero 12 euro, ridotto (meno di 18 anni e più di 65 anni di età) 8 euro.

SQUADRA ARBITRALE

Dirige Ermanno Feliciani della sezione di Teramo. Due i precedenti con i gialloblù fermani per il fischietto abruzzese: nella stagione 2017-2018 Sudtirol – Fermana 2-2 mentre nella stagione 2018 – 2019 Ravenna – Fermana 1-0. Sarà coadiuvato da Luca Testi di Livorno e Marco Ceolin di Treviso. Quarto ufficiale di gara Luca Angelucci di Foligno.

SETTE PRECEDENTI (SEI IN CAMPIONATO E UNO IN COPPA): FERMANI MAI VITTORIOSI AL “RECCHIONI” CON I GIALLI LAZIALI CHE HANNO VINTO DUE VOLTE A FERMO

Padroni di casa mai vittoriosi a Fermo nei sette precedenti ufficiali contro la Viterbese (sei in campionato e uno in coppa).
4 i pareggi: in C1 nel 2001/02 (1-1), stesso risultato l'anno dopo mentre due stagioni più tardi, sempre in C1 nel 2003/04 fu 0-0; l'ultimo in ordine di tempo è all'inizio di questo campionato: 3-3, già descritto sopra.
Due invece i successi ospiti: il primo nel CND del 1992/93 (0-2), il secondo (per 2-3) nella C1 del 2000/01.
Anche in Coppa Italia si registra un successo dei gialloblù laziali nel 1995/96, in C2 (1-2). Più soddisfazioni la diede la formazione Berretti che negli anni Novanta incrociò alcune volte i pari età viterbesi.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2022/04/30/fermana-lavversaria-ai-playout-sar-la-viterbese/2100170642/

https://www.viverefermo.it/2022/04/24/game-over-per-la-fermana-playout-in-svantaggio-contro-viterbese-o-pistoiese/2100165780/

https://www.viverefermo.it/2022/05/06/1997-contro-il-trapani-il-quarto-spareggio-salvezza-vinto-dalla-fermana/2100174694/

https://www.viverefermo.it/2022/05/04/nel-1986-terzo-spareggio-salvezza-della-fermana-vinto-contro-il-canosa/2100172585/

https://www.viverefermo.it/2022/05/01/nel-1954-il-secondo-spareggio-salvezza-della-fermana-vinto-contro-il-sulmona/2100171240/

https://www.viverefermo.it/2022/04/28/fermana-storia-degli-spareggi-salvezza-il-primo-nel-1951-con-la-pistoiese/2100168315/





Questo è un articolo pubblicato il 06-05-2022 alle 15:32 sul giornale del 07 maggio 2022 - 750 letture


Paolo Bartolomei




qrcode