Its, il sistema si mette in rete, nuovi corsi per far crescere le Marche

2' di lettura 04/05/2022 - La pandemia ha impattato sul sistema degli Its, Istituto tecnico superiore. La difficoltà delle aziende, come è emerso da numerose indagini nazionali, ha favorito l’ingresso nel mondo del lavoro di figure già esperte. Anche se, soprattutto in campo innovazione e digital, l’impatto dei giovani diplomati è indiscutibile.

sistema formativo della Regione Marche nel 2022 ha deciso di fare squadra. Tre Its si sono uniti in
una rete che ha obiettivi ambiziosi “pur mantenendo l’identità e le peculiarità di ogni Its che non
deve essere solo una buona scuola territoriale, ma un’eccellenza a livello nazionale” spiegano i tre
presidenti delle Fondazioni: Andrea Santori, Its Smart Nuove Tecnologie per il made in Italy,
Giancarlo Marcelli, Its Efficienza energetica, e Gabriele Marchetti, Its Turismo e Nuove tecnologie.
Una scelta ponderata, ancora più necessaria oggi con la classifica nazionale (Report Ranking Its)
che pone i corsi regionali in una fascia critica dopo anni di brillanti risultati, tolto l’Its Turismo che è
tra i corsi premiati per la sua ottima performance.

È evidente che soprattutto per il settore moda, in cui l’Its di Fermo è sempre stato un riferimento a
livello italiano, ha impattato la crisi del distretto che non ha attirato i giovani diplomati o laureandi
a cercare una specializzazione che ha sempre garantito quasi la piena occupabilità. Da qui la scelta
per il futuro di puntare maggiormente su smart manufacturing e Ict.

LO SVILUPPO
Gli Its delle tre Fondazioni (Fermo, Fano e Fabriano) nell’ultimo report di valutazione hanno
mostrato criticità che ora con il nuovo accordo di rete, supereranno. “Il piano prevede la creazione
di nuove specifiche competenze tecniche attraverso il processo di innovazione e trasferimento
tecnologico con la logica della smart specialization, competenze sviluppate ad hoc al fine di
incentivare lo sviluppo economico delle Marche” spiegano i tre presidenti che hanno nominato
capofila Gabriele Marchetti.

La rete in tre anni vuole raggiungere almeno 800 studenti, per farlo “miglioreremo la
comunicazione, attiveremo percorsi in modo capillare su tutto il territorio, promuoveremo attività
di ricerca, avvieremo attività di orientamento in scuole e famiglie”. Il tutto con il fine di garantire
almeno il 75% di occupati entro un anno dal diploma e di ridurre al minimo l’abbandono durante il
percorso di studi.

“Come rete – concludono i Presidenti – stiamo monitorando i vari percorsi di valutazione sui corsi e
le prime analisi mostrano che avremo al termine dell’anno alte percentuali di occupazione e di
conseguenza una maggiore attrattività. Insieme pianificheremo anche azioni di politica attiva del
lavoro, in modo da diventare un partner sempre più efficace della Regione Marche che crede molto
nella formazione. Siamo pronti alla sfida lanciata dal governo Draghi, che inserisce gli Its tra i perni
del Pnrr: questa rete è una prima risposta progettuale”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 04-05-2022 alle 14:41 sul giornale del 05 maggio 2022 - 146 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/c5xm





logoEV
logoEV
logoEV