x

SEI IN > VIVERE FERMO > CRONACA
articolo

Scoperta una targa in ricordo del Dottor Tolmino Rossi presso l'Ospedale di Comunità di Montegiorgio

4' di lettura
916

di Marina Vita
fermo@vivere.it


Alla significativa manifestazione hanno partecipato l'assessore regionale Saltamartini, il Direttore di AV4 Grinta, l'Onorevole Lucentini, il consigliere regionale Marinangeli, il Sindaco Ortenzi e tutta la giunta, Il Viceprefetto Denotari Stefani, La Presidente dell'Ordine dei Medici e Odontoiatri Calcagni con tutti i consiglieri e Don Pierluigi Ciccarè in rappresentanza del Vescovo Pennacchio. A scoprire la lapide i 2 amati nipotini del Medico scomparso.

Montegiorgio. Il Dottor Tolmino Rossi è morto di Covid il 29 marzo del 2021, a neppure un anno dal suo pensionamento, e la ferita nei cuori di pazienti, colleghi e quanti hanno avuto la fortuna di conoscerlo è viva e resterà sempre aperta.

L’Ordine dei Medici e Odontoiatri della provincia di Fermo, congiuntamente con l’AV4 e il Comune , hanno voluto intitolargli una targa ricordo che è stata scoperta stamattina presso l’ospedale di comunità di Montegiorgio in seno ad una manifestazione a cui non sono voluti mancare tutti i vertici istituzionali e sanitari del territorio. “ Perchè la presenza più che le parole sottolineano la grandezza di questo medico che è stato un esempio per tutta la comunità sanitaria e umana”-come ha dichiarato l’on Lucentini..

“Un medico di antichi tempi per umanità, capacità di accoglienza e ascolto verso tutti, ma anche di tempi moderni per la capacità di aggiornamento informatico e formativo che lo distinguevano – l’ ha definito la Presidente dell ‘Ordine dei Medici Anna Maria Calcagni, descrivendolo come il braccio destro e sinistro per l’organizzazione di cui è stato anche consigliere.

“ Un uomo di profonda fede, parte attiva del Consiglio pastorale e del Gruppo “ Rinnovamento dello Spirito”, che ogni mattina andava a Messa, la cui saggezza e disponibilità nasceva proprio dalla sua esperienza ecclesiale tanto da essere,oltre che medico, un padre spirituale”- le parole nel ricordo di Don Pierluigi Ciccarè.

Toccante l’intervento del Sindaco di Montegiorgio Michele Ortenzi, carico di tutt quell’emozione che può avere solo chi una persona come il dott Rossi, per tutti Tolmino, l’ha vissuta molto da vicino . “ La sua capacità di entrate in armonia con tutti ci sia di esempio e da monito per le nostre vite, perché non diventino meno vividi i ricordi che serbiamo di lui, ma si rinverdiscano ogni volta che incontriamo qualcuno o che ne condividiamo il cammino” – ha esortato, ridando voce a quanto aveva scritto alla notizia della sua morte.

“ Umiltà e disponibilità sono i termini che ricorrono nella descrizione di questo medico, esattamente le qualità imprescindibili nella gestione delle persone malate e quindi fragili" - ha sottolineato il consigliere regionale Marco Marinangeli- ringraziando tutta la Sanità per l’impegno instancabile che profonde ogni giorno nonostante le tante difficoltà.

“Quando la Calcagni mi ha proposto di commemorare con una targa questo Medico morto per Covid, ho accolto subito l’idea ritenendola il giusto riconoscimento a lui e a tutta la categoria dei sanitari che in questi anni hanno dato anima e corpo per salvare vite- ha esordito il Direttore dell’area vasta Grinta. Che ha poi ricordato che l’Ospedale di comunità di Montegiorgio entro il mese di aprile sarà oggetto di bonifica dell’amianto. Mentre a maggio inizierà l’intervento di consolidamento di tutta la struttura che sarà terminato entro l’anno. Grinta ha colto l’occasione anche per inaugurare, a fine cerimonia, i 2 nuovi eco cardiografo e ortopantomografo che ora arricchiscono la radiologia del nosocomio montegiorgese.

“Per questo uomo e medico che ha speso la vita a servizio della comunità, che incarna il senso civico e ha lasciato la sua grande impronta nel cuore di tutti non basta questa targa commemorativa -.ha concluso l’ Assessore regionale Saltamartini invitando il Sindaco Ortenzi ad intitolargli anche una via. “ Perché passando in quella via le persone dovranno ripercorrere Il percorso di una umanità come la nostra, che vive grandi tragedie come quella del covid o quella attuale della guerra, ma che deve essere pronta a risolvere i problemi che attraversa”.

Poi si è rivolto alla vedova di Rossi che aveva ascoltato in silenzio tutti gli interventi: “ Signora noi siamo orgogliosi di aver conosciuto quest’uomo che verrà annoverato tra i cittadini più importanti di questo territorio per l’impegno, la professionalità e l’incarnazione di tutti i valori umani che nella sua vita ha espresso e noi condividiamo”.

Sono stati infine i 2 amati nipotini del Medico scomparso a scoprire la targa , che ora testimonierà anche alle future generazioni la vita esemplare del Dottor Rossi. Perché chi Tolmino l’ha vissuto, lo porta già impresso nel cuore per sempre, senza bisogno di targhe.


È attivo il servizio di notizie in tempo reale tramite Whatsapp e Telegram di Vivere Fermo.
Per Whatsapp iscriversi al canale https://vivere.me/waVivereFermo oppure aggiungere il numero 351.8341319 alla propria rubrica ed inviare allo stesso numero un messaggio.
Per Telegram cercare il canale @vivere_fermo o cliccare su t.me/vivere_fermo.




Questo è un articolo pubblicato il 09-04-2022 alle 19:32 sul giornale del 10 aprile 2022 - 916 letture