x

SEI IN > VIVERE FERMO > SPORT
articolo

OP77 non basta, a Pistoia Fermana ko e spettro play out vicino

6' di lettura
493

di Paolo Bartolomei
fermo@vivere.it


PISTOIA - Un gran gol di Orazio Pannitteri (8° stagionale) illude i gialloblù che invece sono battuti (2-1) dalla Pistoiese, diretta concorrente. Seconda sconfitta consecutiva per i canarini che in classifica adesso sono più vicini alle squadre che seguono (oggi hanno vinto tutte!) rispetto a quelle che precedono.

Le due vittorie consecutive contro Ancona e a Pontedera avevano illuso i tifosi gialloblu su una possibile svolta di campionato, invece a Pistoia la Fermana è tornata la stessa di sempre: contenere l'avversario, puntare tutto sulle paratone di Ginestra che salvano più volte il risultato, costruire poche azioni di attacco sporadiche e affidarsi in avanti quasi solo alla fantasia di Pannitteri, ma il giocatore che porta sulle spalle il numero 77 non può giocare da solo contro tutti. E arriva la seconda sconfitta consecutiva contro un'altra direttta concorrente per evitare i play out dopo il mancato sorpasso sul Teramo di martedì scorso.

L'ottavo gol stagionale di OP77 non basta alla Fermana che a Pistoia non raccoglie punti e, quando mancano cinque giornate al termine, resta in griglia play out. Le prime squadre che precedono stanno a +4 sono quattro, Siena, Teramo, Montevarchi e Olbia, e solo quest'ultima incrocierà la Fermana, per di più al "Bruno Recchioni" alla penultima giornata: potrebbe essere l'ultimo treno per evitare la lotteria degli spareggi salvezza, ma da qui ad un mese la Fermana dovrà ridurre il distacco dalle avversarie che precedono. Gli undici gialloblu nel contempo devono guardarsi anche le spalle per non scivolare al terzultimo posto o penultimo posto, che adesso distano solo due e tre punti, e che farebbero disputare i play out nella posizione di svantaggio (gara di ritorno fuori casa, con due pareggi retrocedi), mentre la Pistoiese è solo un punto dietro la Fermana: oggi tutte le squadre in fondo alla classifica e che seguono la Fermana hanno vinto: Grosseto ultima, Imolese penultima, Viterbese terzultima e la stessa avversaria odierna dei gialloblu.

A Pistoia la Fermana trova tre ex che hanno segnato gli anni più belli della storia gialloblu: Marco Alessandrini, l'allenatore che nei play off del 1996 riportò la Fermana in C1 dopo 44 anni di serie minori; il suo vice oggi è Stefano Bettella, che di quella squadra era un pilastro e che siglò il rigore finale della promozione in C1; il direttore sportivo arancione è Gianni Rosati che quella compagine la costruì e il cui telaio (capitan Di Fabio, poi Di Matteo, Di Venanzio, Scoponi, compreso mister Ivo Iaconi) tre anni dopo portò la Fermana in serie B quando Rosati aveva lasciato Fermo e in serie cadetta c'era già arrivato poco prima (Genoa).

A proposito di serie B, era proprio tra i cadetti che Pistoiese e Fermana si sono incontrate l'ultima volta: 1999/2000, allo stadio Melani terminò 1-1 (vantaggio canarino ad inizio gara di Chianese, pareggio in extremis di Ricchiuti), poi per trovare un altro incrocio occorre andare indietro di mezzo secolo: nel 1950/51 (serie C) in Toscana ternminò 2-1 come oggi, gol della bandiera canarina del sangiorgese doc Italo Cossiri.

33° giornata di serie C. Oggi allo stadio Marcello Melani l'allenatore della Fermana Riolfo (anche lui un ex: lo scorso anno per pochi mesi sulla panchina arancione) conferma modulo e grosso modo anche formazione di martedì con le differenze di Cognigni centravanti anziché l'infortunato Tassi (affaticamento muscolare) e del ritorno di capitan Urbinati al posto di Graziano. Prima convocazione stagionale per l'ex infortunato Boateng che però a Pistoia si accomoda in tribuna. Out per infortunio anche Parodi, Sangiorgi, Tassi, e ovviamente De Pascalis che lo sarà fino a fine stagione.
Nella formazione iniziale mister Alessandrini schiera ben sette under, Riolfo solo due.

CRONACA - Al 12' la Pistoiese sblocca da corner con un colpo di testa in schiacciata di Vano che in area si eleva senza alcuna opposizione: 1-0. La Pistoiese insiste, Ginestra evita il raddoppio diverse volte, soprattutto al 22' su Mezzoni. La prima risposta della Fermana al 27' con Marchi dalla distanza al termine di una rara bella azione corale dei canarini, Seculin blocca a terra. Gli "orange" insistono e le loro discese veloci preoccupano, per il portiere fermano è un bombardamento da tutte le direzioni, i gialli si mettono a quattro dietro e nel finale di tempo costruiscono un paio di azioni in area con Pannitteri e Marchi.

La ripresa si apre col pareggio di Pannitteri, un gran gol dalla distanza al termine di uno slalom, un premio meritato per il miglior giocatore canarino che raggiunde quota 8 in campionato: 1-1. La Pistoiese non ci sta e Folprecht manda sul palo un rigore in movimento: dopo Ginestra ci pensa la fortuna ad evitare un altro gol arancione che però arriva lo stesso dopo una bello schema da punizione, la deviazione di Sottini inganna il pur bravo estremo difensore gialloblu, uno dei pochi incolpevoli: 2-1. Gli arancioni insistono e riprendono a bombardare Ginestra, poi arriva la girandola delle sostituzioni. La Fermana non si da per vinta, ogni tanto si rovescia in avanti più con disperazione e con poca lucidità che altro, ma lascia tutto il Melani col fiato sospeso per paura di qualche altra invenzione di Pannitteri che invece non arriva.

Termina 2-1, Fermana in posizione di classifica sempre più problematica. Domenica al Recchioni arriverà il Cesena, terzo in classifica, che gioca il presente turno nel posticipo di lunedì prossimo contro la vicecapolista Reggiana; in questo modo i bianconeri avranno due giorni in meno di riposo rispetto ai gialloblu e dopo uno scontro al vertice molto impegnativo: un piccolissimo punto a favore degli undici capitanati da Urbinati.


PISTOIESE (3-5-2): Seculin; Sottini, Moretti, Portanova; Mezzoni (39' st Nica), Folprecht, Marcucci, Suciu (28' st Paolini), Pertica (14' st Di Massimo); Vano (39' st Pinzauti), Bocic (39' st Venturini). A disp. Pozzi, Crespi, Florentine, Castellano, Di Matteo, D'Antoni, Martina. All. Marco Alessandrini.

FERMANA (3-4-2-1): Ginestra; Rossoni, Blondett, Scrosta; Rodio (20' st Bugaro), Mbaye (20' st Graziano), Urbinati (31' st Capece), Sperotto; Pannitteri, Marchi (31' st Kyeremateng); Cognigni. A disp.: Moschini, Spedalieri, Pistolesi, Alagna, Giannò, Frediani, Molinaro, Simonelli. All. Giancarlo Riolfo.

ARBITRO: Eugenio Scarpa di Collegno; ass. Francesco Lipizer di Verona e Andrea Cecchi di Roma 1; quarto ufficiale Andrea Pasqualetto di Aprilia.

RETI: 12' pt Vano, 5' st Pannitteri, 18' st Sottini

NOTE: ammoniti Urbinati, Mbaye, Sottino, Blondett, Sperotto; recupero 3+4.

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2022/03/16/la-fermana-fallisce-il-sorpasso-il-teramo-vince-e-mette-la-freccia/2100126607/

https://www.viverefermo.it/2022/03/13/la-fermana-vince-in-trasferta-dopo-5-mesi-e-rivede-la-luce/2100124078/

https://www.viverefermo.it/2022/03/07/fermana-un-lampo-di-pannitteri-accende-il-derby-e-brucia-lancona/2100117092/



Questo è un articolo pubblicato il 19-03-2022 alle 19:44 sul giornale del 20 marzo 2022 - 493 letture


Paolo Bartolomei