x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'
articolo

Storia e gaming: i giochi più belli ambientati nell’antico Egitto

4' di lettura
1037

di Redazione


Nel corso degli anni gli appassionati di gaming, giochi da tavolo e videogiochi hanno sempre accolto con enorme entusiasmo un filone decisamente particolare: i titoli a tema storico ambientati nelle epoche più importanti dell’umanità.

Tra tutti i giochi disponibili un posto importante se lo guadagnano i giochi a tema antico Egitto. Abbiamo provato a selezionare i migliori e i più interessanti tra grandi classici, titoli di società e uscite più recenti. Ecco gli immancabili nella nostra collezione.

Iniziamo dal gioco che forse ha dato il via ai giochi ad ambientazione storica. Stiamo parlando di King’s Valley per MSX. Un gioco primitivo (siamo negli anni ‘80) in cui dovevamo vestire i panni di un archeologo in cerca dei tesori nascosti nelle enormi tombe dei faraoni.

Un successo, quello di King’s Valley, che ha ispirato decine e decine di sviluppatori. E così negli anni successivi ci siamo divertiti con le prime avventure “egiziane” di Super Mario, con la Galassia delle Sabbie Mobili del capitolo Galaxy, con i deserti di Paper Mario Sticker Star e con molti altri capitoli dedicati a mummie, faraoni e piramidi.

Anche un altro grandissimo classico delle sale giochi prima e dei pc poi, ha rimandi importanti all’antico Egitto. Ci riferiamo all’intramontabile Metal Slug 2 con le mummie che ci hanno creato non pochi problemi con il loro fumo viola. Per quanto riguarda gli anni ‘90 sono due i titoli da citare quando si parla di piramidi: Crash Bandicoot (nel terzo capitolo della serie) e Sonic Adventure 2. Entrambi gli animaletti si sono ritrovati a correre e saltare tra sabbie mobili, deserti e cattivissime mummie.

Non mancano divertenti puzzle game e slot machine dedicate all’antico Egitto. Tra le ultime lanciate citazione d’obbligo per Pyramid Strike e John Hunter & The Tomb of The Scarab Queen. Divertentissime avventure con ambientazioni 3D e colonne sonore imperdibili che ci permetteranno di ripercorrere le orme dei più grandi faraoni della storia.

L’amore dei creatori di videogiochi per la storia dei faraoni non si è arrestato neanche in epoche più recenti. Arriviamo infatti al 2017 per parlare di Assassin’s Creed Origins. Origins è ambientato nel periodo tolemaico e ha rappresentato per Ubisoft il capitolo del definitivo rilancio dopo qualche passaggio a vuoto. Il merito è tutto delle nuove dinamiche inserite nel gioco con un’esplorazione ancora più realistica e dettagliata che ha alzato gli standard degli action stealth portandoli a un nuovo livello prestazionale più volte imitato negli anni successivi.

L’antico Egitto non occupa soltanto gli schermi dei nostri pc e degli smartphone. Esistono anche numerosissimi giochi da tavolo dedicati a piramidi e faraoni. Due, in particolare, sono perfetti per conoscere una delle epoche di maggior splendore della storia dell’uomo.

Il primo si chiama Imhotep come il più famoso e probabilmente più conosciuto architetto egiziano. Leggenda narra che la più antica piramide, quella a gradoni di Saqqara, fu proprio opera del suo genio. Nel gioco dovremo competere con gli avversari per garantire i rifornimenti di pietre e materiali necessari alla costruzione delle piramidi e delle tombe dei faraoni. Il rifornimento andrà fatto attraverso le tipiche barche egizie con gli altri giocatori che proveranno a metterci i bastoni tra le ruote piazzando pietre lungo il nostro percorso. Non tutti i cantieri hanno lo stesso valore e starà a noi scegliere quelli più convenienti e strategici.

Molto divertente e ben curato anche Egizia, gioco il cui tabellone ritrae la forma del fiume Nilo. Anche in questo caso lo scopo del gioco sarà quello di costruire monumenti che sono arrivati ai giorni nostri come la sfinge, gli obelischi e i templi. Fondamentale la componente strategica. Dovremo infatti curare la salute dei nostri operai, la bontà e la quantità dei materiali e valutare il costo della forza lavoro. Il tutto piazzando segnalini per raccogliere bonus lungo le sponde del Nilo. Un gioco meno banale di quello che sembra.



Questo è un articolo pubblicato il 04-03-2022 alle 08:59 sul giornale del 04 marzo 2022 - 1037 letture