Una buona Sutor cede solo nel finale ad Imola. La Curti vince per 83-75

3' di lettura 27/02/2022 - Ancora una volta ,pur giocando una grande partita, la Sutor è stata sconfitta. Stavolta ad Imola contro la Curti per 83-75, un punteggio troppo severo per una squadra capace di restare nella gara fino alla fine.

I gialloblù hanno avuto il dominio dei rimbalzi 44 contro 31 degli avversari ma, ha totalizzato troppe palle perse e le 19 finali suonano come una sentenza scritta quando sopratutto le sfide si giocano punto a punto. La Sutor non ha sfigurato, però con i complimenti non si va troppo avanti, bisogna muovere la classifica e visto anche i risultati emersi sugli altri campi, bisogna farlo in fretta. Una cosa però non ci è piaciuta, il metro arbitrale cambiato nell’ultimo quarto che ha permesso ai padroni di casa di mettere le mani addosso ai veregrensi senza che la coppia designata facesse qualche cosa per poterlo evitare. Questo è stato troppo evidente ed ha permesso alla partita di prendere una direzione quasi obbligata. La Sutor inizia bene la gara e si porta avanti 0-4 con Crespi e Masciarelli dopo 1’45”. Carnovali e Cusenza ricuciono lo strappo ma, la squadra di Cagnazzo è presente 7-9 dopo 5’ e 10-13 dopo 6’ con un bel canestro di Crespi. Da qui alla fine del primo quarto regna l’equilibrio rotto solo da una tripla di Carnovali che fissa il punteggio dopo 10’ sul 20-19. Nel secondo periodo la Curti trova soluzioni importanti e grazie a quattro punti consecutivi di Trentin si porta al massimo vantaggio, 29-21 al 14’. Botteghi con una tripla, Montanari e Crespi con un controplarziale di 0-7 riportano la Sutor in scia degli avversari, 29-28 al 17’. Carnovali anche da tre punti opera un altro strappo poi, arrivano due palle perse di Galipò e Masciarelli con Imola che prova ancora a scappare sul 36-30. Korsunov prova a metterci una pezza con due tiri liberi ma, nel finale ancora una tripla di Carnovali fissa il punteggio sul 39-32 al riposo lungo. Al ritorno in campo, la sfida rimane sempre molto equilibrata con un tentativo di allungo da parte di Imola sul 51-43 dopo 25’30”. La Sutor con un controparziale di 15-4 rimetteva la testa avanti con una tripla di Korsunov, 55-58 a 40” dalla terza sirena. Wiltshire impattava dall’arco dei 6,75 per il 58-58 che fissava il punteggio al 30’. Nell’ultimo quarto, la sfida si manteneva in equilibrio poi, un fallo antisportivo strano fischiato a Galipò sparigliava il punteggio 69-63 al 36’. Botteghi provava a metterci una pezza, Galipò da tre punti tentava l’ultimo sussulto, 74-69 al 38’. La Sutor rispondeva colpo su colpo ma, Carnovali indirizzava la sfida a favore di Imola con canestri da campione che portavano la Curti al successo finale per 83-75. “Abbiamo disputato una buona gara – ha detto il coach Damiano Cagnazzo – ha tratti con discontinuità. La squadra ha approcciato bene al match poi, ha accusato un calo nel secondo periodo. Successivamente è stata nuovamente sul pezzo esprimendo una buona prestazione sia difensiva che offensiva poi, è arrivato un altro calo nella fase finale che ci ha precluso di giocarcela fino in fondo. E’ stata tutto sommato una buona prestazione che però non ci ha permesso di portare a casa i due punti. Ad un certo punto della contesa, loro hanno alzato la fisicità in difesa e sono stati bravi a farlo in cinque, gli arbitri in quel momento hanno concesso questo a loro e noi non siamo stati bravi ad adeguarci. Questo ci deve essere da lezione anche per le prossime partite perché sappiamo che questo è un torneo fisico da parte di tutte le squadre e noi dobbiamo essere pronti ad adeguarci. Nel corso della partita siamo stati bravi sotto questo aspetto nel quale siamo mancati nel finale”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 27-02-2022 alle 20:55 sul giornale del 01 marzo 2022 - 126 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, Montegranaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cOr7