Riforma concessioni, Confartigianato Imprese Demaniali: “Nostro modello un’eccellenza. Coinvolgete i balneari nelle decisioni”

2' di lettura 16/02/2022 - “Per come è stata strutturata, temiamo di primo acchito che questa riforma delle concessioni balneari non libererà il mercato, ma affosserà solamente un’eccellenza tipica del nostro turismo. Mandando all’aria la professionalità di 30.000 imprenditori”.

Sono le parole di Lauro Lillini, vicepresidente regionale di Confartigianato Imprese Demaniali e proprietario di una attività sul litorale di Porto Sant’Elpidio, all’indomani del via libera del Consiglio dei ministri sulla riforma.

“Così come è stata concepita la nuova normativa non sembra davvero aprire le porte a nuove attività - esordisce Lillini -, perché rischia concretamente di favorire il solo accesso di grandi gruppi stranieri, cancellando decenni di storia dell’accoglienza. Non è stata infatti messa al centro la salvaguardia, la promozione e la difesa delle PMI che hanno operato nel settore turistico balneare, creando sviluppo e crescita. La nostra è una peculiarità tutta italiana e se le liberalizzazioni non sono condotte con coerenza, equilibrio ed attenzione, la contropartita sarà la perdita secca di valore dell’intero settore. Tutto ciò non porta giovamento all’utenza, ma un eventuale e futuro abbassamento degli standard qualitativi da parte dei nuovi concessionari, i quali avranno come unica priorità quella di rientrare dall’investimento nel più breve tempo possibile”.

“Nell’attuale riforma approvata - prosegue Lillini - non è stato evidenziato il ruolo sociale delle nostre imprese, che garantiscono la manutenzione delle spiagge, la sicurezza in mare e la valorizzazione stessa di un bene pubblico. Creando un modello di balneazione che è fiore all’occhiello del nostro Paese. Queste specificità devono essere messe sul tavolo. Siamo d’accordo quindi su una riforma del settore che non vada in contrasto con l’UE, ma crediamo sia giusto coinvolgere in prima persona le imprese che conoscono bene il comparto e possono dare il proprio contributo nel formulare una vera riforma del sistema, con criteri corretti ed equilibrati”.

Per questo Confartigianato Imprese Demaniali sta organizzando una riunione rivolta ai balneari delle province di Macerata, Ascoli Piceno e Fermo, che si terrà a stretto giro. Sarà l’occasione per puntualizzare gli aspetti della riforma e stabilire le linee da adottare.


da Confartigianato Imprese
Macerata - Ascoli Piceno - Fermo





Questo è un comunicato stampa pubblicato il 16-02-2022 alle 17:39 sul giornale del 17 febbraio 2022 - 139 letture

In questo articolo si parla di lavoro, macerata, fermo, ascoli piceno, ascoli, confartigianato imprese, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cL0B





logoEV
logoEV
logoEV