Giornata della Memoria: cerimonia in Prefettura, medaglia d'onore ai familiari di Ezio Marinucci

2' di lettura 27/01/2022 - Quest’oggi, in occasione della Giornata della Memoria per l’anno 2022, a partire dalle ore 10, presso il Palazzo del Governo, il Prefetto ha provveduto alla consegna di una medaglia d’onore ai familiari del sig. Ezio Marinucci, non più in vita, che ha vissuto la drammatica esperienza della deportazione nei lager nazisti e del lavoro coatto durante la seconda guerra mondiale.

La cerimonia, organizzata in forma ristretta nel rispetto delle misure precauzionali dettate dall’emergenza pandemica, si è svolta alla presenza dei Sindaci sia del Comune capoluogo che del Comune di Moresco, luogo di nascita dell’insignito.

Per i familiari del sig. Marinucci la consegna ha rappresentato un momento particolarmente significativo, emozionante ed intenso, grazie al quale è stato possibile conservare la memoria ed il ricordo su episodi drammatici che hanno segnato profondamente la storia del nostro Paese.

A seguire, in videoconferenza, si è svolto un incontro con la partecipazione, oltre che del Prefetto e delle altre figure istituzionali del territorio già presenti, anche di alcune rappresentanze di studenti presenti in collegamento, come quelle del Liceo Classico Annibal Caro e del Liceo di Scienze Umane di Fermo, sul tema “La Memoria, l’Ebraismo e l’antisemitismo in Italia e nelle Marche” a cura del Direttore Scientifico della Casa della Memoria di Servigliano, Professor Paolo Giunta La Spada.

La celebrazione ha avuto, difatti, una particolare valenza nei confronti dei giovani studenti intervenuti e presenti in collegamento, in quanto ha rappresentato senza dubbio uno stimolo per le nuove generazioni ad una riflessione sui temi della persecuzione, della discriminazione, della deportazione e dello sterminio.

Ciò a dimostrazione dell’importanza di questa giornata e delle iniziative che in tale occasione vengono programmate, il cui scopo, appunto, è quello di non dimenticare mai questa drammatica pagina della nostra storia di italiani e di europei, affinché simili eventi non possano mai più ripetersi e continuare a perpetrare la memoria di milioni di vittime e delle loro famiglie, contro ogni forma di negazionismo.






Questo è un articolo pubblicato il 27-01-2022 alle 20:14 sul giornale del 29 gennaio 2022 - 156 letture

In questo articolo si parla di fermo, prefettura di fermo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cHXG





logoEV
logoEV