Lapedona: l'audioguida che fa conoscere le bellezze del borgo ai viaggiatori

2' di lettura 22/01/2022 - Presentata nella splendida cornice della piccola chiesa di San Nicolò la guida turistica multimediale firmata Lapedona, fruibile da smartphone e perfettamente allineata con le esigenze digitali dei turisti 4.0.

A delucidare sul nuovo progetto, sotto lo splendido soffitto di legno dipinto della chiesa, il consigliere con delega al turismo Massimo Ferranti, che espone le ragioni di una scelta ben calcolata, rientrante in quella branca del marketing territoriale che impatta in maniera prominente sulla promozione del territorio: “Nelle Marche possiamo avere un turismo di mare e di montagna, ma le prime colline dalla costa fino ai Sibillini, come nel nostro caso, risentono di una mancanza forte di presenze. Perché?”. La risposta potrebbe risiedere in quel fenomeno che ormai è evidente agli occhi di tutti da molti anni, lo spopolamento dei borghi, che trascina via con sé tutto ciò che resta di un antico villaggio medievale, dalle botteghe artigianali ai luoghi di interesse storico e culturale. Il risultato? Un disinteresse a non investire e dunque a non promuovere.

L'audioguida interattiva, con i suoi 16 luoghi di interesse segnalati su un percorso ben preciso, è stata pensata per il turista digitale, che si informa virtualmente prima di visitare un luogo di villeggiatura, come durante così anche dopo il soggiorno. E proprio in virtù di questo aspetto, per ovviare dunque al desiderio del viaggiatore di informarsi sulla storia del luogo, sono state affisse alcune targhe per il borgo di Lapedona che permettono di scaricare la guida multimediale, in italiano e inglese, attraverso un qr code scansionabile o un tap su cui appoggiare lo smartphone, così da avere informazioni, video, testi, foto e panoramiche sulla location che si sta visitando in tempo reale. “Un'idea buona e condivisa dall'amministrazione comunale; – commenta il Sindaco di Lapedona Giuseppe Taffetani, cui è stata consegnata la targa simbolo del progetto – ci siamo confrontati spesso e abbiamo capito che da qui può iniziare un'idea di progetto valida che andrà sicuramente a rinvigorire l'intero borgo di Lapedona”.

Ed infatti gli itinerari specifici, come in particolare un tour delle chiese lapedonesi, piccoli gioelli architettonici incastonati nel tempo, o più in generale declinati sul cicloturismo e sull'enogastronomia, fruibili digitalmente e dunque a portata di click, possono essere la soluzione al problema delle presenze mancanti nei borghi, poiché il viaggiatore, più consapevole, ha ora la facoltà di personalizzare la sua esperienza all'insegna di quello che a lui può maggiormente interessare su un vasto range di offerte digitali; basta solo fornirgli gli strumenti adatti. “Quello che abbiamo sul nostro territorio – conclude Ferranti - non fa rumore, ma fa storia. Il borgo è una piccola economia, un microcosmo fatto di storia, cultura, arte e pertanto deve essere promosso”.






Questo è un articolo pubblicato il 22-01-2022 alle 16:13 sul giornale del 24 gennaio 2022 - 597 letture

In questo articolo si parla di attualità, turismo, territorio, borgo, Lapedona, guida turistica, promozione, tour, multimedia, cicloturismo, Bike, enogastronomia locale, articolo, borgo antico, Luigi De Signoribus, tour culturale

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cGVh





logoEV
logoEV