Montegranaro, astio in consiglio comunale: "Intolleranza verso la minoranza, e non per via della mozione sui diritti civili"

2' di lettura 01/12/2021 - "Ci sembra opportuno mettere un punto alla polemica esasperata che il Sindaco e la sua maggioranza hanno messo in atto in questi giorni, in risposta alla nostra accusa di maleducazione e carenza di democraticità".

Così il gruppo consiliare veregrense Avanti - Con l'altra politica, che rilancia: "Come sono andate realmente le cose lo abbiamo già espresso, ma in sintesi: il Sindaco, per la seconda volta, non ha trattenuto l'astio in Consiglio comunale mandando a quel paese Perugini che chiedeva il rispetto del regolamento per poi appellarlo come "avvocatuccio". Da lì due giorni di fuoco in cui Ubaldi a colpi di comunicati, commenti e post ha cercato di schivare ogni critica. Fino al momento in cui ha chiamato in campo Gastone Gismondi e Giacomo Beverati per mettere una pezza al suo comportamento. Comportamenti dettati dall'esasperazione, ma non per la discussione di una mozione sui diritti civili. Esasperazione ed intolleranza verso la minoranza che trascina dalla campagna elettorale ormai conclusa, che lo ha visto anche vittorioso, anche se sembra non essersene accorto. La negazione della realtà fatta da Beverati offende l'intelligenza nostra, e dei cittadini presenti nella sala consiliare. Tutti abbiamo sentito le parole pronunciate da Ubaldi, ed anche si volesse negare ciò, il gesto è chiaro e difficilmente interpretabile in altre maniere. Basta continuare a distorcere la realtà per non ammettere i propri errori, perseguendo mediaticamente chiunque tenti di criticare, o mettere in discussione il nostro primo cittadino. Basta polemizzare su comportamenti errati scaricando la colpa sulla minoranza, la cui unica colpa è quella di aver pensato che una battaglia per i diritti civili potesse essere anche una battaglia per il futuro di Montegranaro. Noi continueremo con la serenità e serietà che ci ha contraddistinto fino ad ora a portare avanti le nostre battaglie. Le prossime saranno su ambiente, salute e lavoro. Speriamo che stavolta vi sia uno spirito più costruttivo e meno demolitore".




Redazione VivereFermo


Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-12-2021 alle 13:47 sul giornale del 02 dicembre 2021 - 593 letture

In questo articolo si parla di attualità, Redazione VivereFermo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cxxN





logoEV
logoEV