Sutor: brutta sconfitta per i gialloblù a Faenza, la Raggisolaris vince per 80-59

3' di lettura 28/11/2021 - Ancora un sconfitta netta per la Sutor Montegranaro battuta a Faenza dalla Raggisolaris per 80-59. I gialloblù hanno retto bene per 15’ andando anche avanti nel punteggio poi, Faenza ha chiuso avanti il primo tempo sul 40-31 e nella seconda parte della gara no ha lasciato scampo ai veregrensi. I calzaturieri non sono stati in grado di ripetere la bella prova fornita con Rieti, hanno subito le transizioni degli avversari che in quelle occasioni hanno trovato facili conclusioni e in attacco hanno dimostrato di avere troppi limiti quando la sfida entra nel vivo.

Buon avvio di gara dei padroni di casa che si portavano avanti sul 12-4 dopo 2’30” di gioco. La Sutor però grazie a quattro punti di Galipò, tre di Botteghi e 2 di Crespi tornava in partita sul 14-13 con un controparziale di 2-10. Faenza basava il suo gioco sul contropiede e con un parziale di 6-0 chiudeva a proprio favore il primo periodo sul 20-13. Il secondo quarto si apriva con una tripla di Angellotti subito bissata da un tiro pesante di Korsunov per il 22-19. Alberti in contropiede e due liberi di Masciarelli regalavano il primo vantaggio ai calzaturieri, 22-23 con un controparziale di 2-10 al 12’30”. La sfida viveva di folate improvvise anche se per un po' si stabilizzava sui binari dell’equilibrio. Faenza però tornava ad essere precisa e dopo il 26-27 con un parziale di 14-2 si riportava avanti sul 40-29. Due liberi realizzati da Galipò fissavano il punteggio al 20’ sul 40-31. Dopo il riposo lungo, Galipò realizzava il primo canestro del secondo tempo, poi Faenza iniziava a difendere forte e a trovare buoni canestro sia dal campo che da sotto. La Sutor sprofondava a meno 20 al 28’ sul 57-37 con il quarto che si chiudeva sul 57-39 con un parziale di 17-8. La musica non cambiava neanche nell’ultimo periodo con i padroni di casa che toccavano in ben due occasioni il più 24, 70-46 e 77-53. Mariani e Galipò erano gli ultimi a cercare qualcosa di positivo 77-59 poi la tripla di Faenza chiudeva le ostilità con il punteggio finale di 80-59. “Quella con Faenza è stata una brutta partita della Sutor – ha detto coach Massimiliano Baldiraghi – non approcciata con il piglio giusto. Abbiamo resistito due quarti e mezzo rimanendo aggrappati alla partita nonostante l’aver commesso troppi errori in difesa e in attacco. La squadra ha sofferto la fisicità di Faenza ponendo poca attenzione sulle loro transizioni e concedendo canestri facili in contropiede. Questo non è assolutamente accettabile poi però devo rimarcare alcune cose che non mi sono piaciute perché, quando abbiamo cercato di riavvicinarci nel punteggio, ci sono stati due, tre fischi davvero brutti da parte della coppia arbitrale. In quel frangente eravamo sotto di dieci punti e la sfida poteva riaprirsi sulle penetrazioni di Masciarelli e Galipò e un tiro da sotto di Crespi. Questi episodi non sono stati sanzionati e dall’altra parte abbiamo regalato canestri e falli che hanno scavato il solco nel punteggio. Oggi non abbiamo giocato bene e da squadra che si deve salvare, con sacrificio però, basta con queste situazioni arbitrali che ci vedono quasi presi per i fondelli e questa cosa mi fa tanto, tanto arrabbiare”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 28-11-2021 alle 22:32 sul giornale del 30 novembre 2021 - 119 letture

In questo articolo si parla di basket, sport, Montegranaro, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cwYx





logoEV
logoEV