CNA Fermo: a Montappone per parlare di ripartenza, credito, formazione e prospettive. In arrivo ufficio finanziario di Banco Marchigiano

2' di lettura 29/11/2021 - Ottimo riscontro per l’appuntamento "Credito alle imprese: supporto alla ripartenza e nuove prospettive", organizzato a Montappone, negli spazi di Palazzo Riccucci, da CNA Fermo e Banco Marchigiano giovedì scorso. Oltre 50 gli imprenditori del territorio presenti, a testimonianza che c’è voglia di guardare avanti e di puntare verso nuove prospettive. Sul tavolo della discussione il tema della ripartenza, ma anche quelli della formazione e del rapporto con gli istituti di credito, oltre ad un importante annuncio da parte dello stesso Banco Marchigiano.

“E’ stato un importante momento di incontro dedicato al territorio – riferiscono il Presidente CNA Fermo Emiliano Tomassini e il Direttore Generale Alessandro Migliore - e all'approfondimento di tutti gli strumenti necessari per una ripartenza concreta del nostro tessuto produttivo. Tra questi c’è senza dubbio la formazione delle professionalità necessarie alle imprese: lo ribadiamo con forza. Stiamo lavorando per dare il nostro contributo concreto all’orientamento degli studenti che devono scegliere i percorsi scolastici più idonei all’ingresso nel mercato del lavoro di oggi, per essere in grado quindi di rispondere alle esigenze dell’impresa”. Un tema affrontato nella declinazione più strettamente aziendale anche da Paolo Marzialetti, Presidente Nazionale Settore Cappello e Vice Presidente Federazione Italiana TessiliVari: “Le imprese devono evolversi e innovare, sfruttando tutte le possibilità del 4.0. La formazione continua in azienda è strategica per crescita e competitività”. Su questo passaggio, nell’interloquire con la banca Marzialetti ha precisato: “Non parliamo di crescita ad ogni costo, ma tendenziale e a misura di azienda. Per questo siamo convinti che, nella valutazione dell’impresa, sia necessario uscire dai canoni della crescita dimensionale a tutti i costi, puntando l’attenzione piuttosto sulla bontà della sua filiera e sulla sua capacità restitutiva”. Marco Moreschi, il Direttore Generale del Banco Marchigiano ha ripercorso la storia dell’istituto di credito, evidenziando le caratteristiche di una banca in salute: “Da 12 filiali, in 4 anni e mezzo siamo arrivati a 28 filiali su 4 province delle Marche, con un progetto di espansione, patrimonio e liquidità importanti, che superano di molto i vincoli normativi. Siamo una banca sana, con costi sotto controllo. Crediamo da sempre nei sistemi di rete e nella reciprocità con i principali portatori di interesse del territorio, istituzioni e associazioni di categoria. Lavoriamo quasi mai sul solo rating, ma piuttosto su una conoscenza vera delle aziende, degli imprenditori, li guardiamo negli occhi, conosciamo la loro storia, capiamo se il futuro è chiaro e se l’azienda funziona”. L’incontro si è chiuso con l’impegno, chiarito dal Direttore Moreschi, di Banco Marchigiano ad aprire un ufficio finanziario in zona, sulla base di un patto con il territorio e i suoi stakeholders. Un primo passo che servirà da strumento per valutare, sulla base dei risultati ottenuti, una presenza ancora più strutturata.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-11-2021 alle 13:00 sul giornale del 30 novembre 2021 - 184 letture

In questo articolo si parla di attualità, Cna Fermo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cw39





logoEV
logoEV