Moresco: Patrizio Gennari, storia di uno scienziato

2' di lettura 24/11/2021 - Nasceva a Moresco il 24 Novembre 1820 Patrizio Gennari, scienziato, accademico, botanico nonché patriota e testimone del Risorgimento italiano.

Avente per natali uno dei borghi considerati oggi più belli d'Italia, Moresco, Patrizio Gennari studia dapprima a Macerata per poi laurearsi a Bologna in medicina. Sin da giovane avrà modo di coltivare la sua più grande passione, le piante, lo studio delle quali lo porterà ad importanti risultanti nel corso della sua carriera. Neanche trentenne, Gennari svolgerà la sua attività di insegnamento nella città emiliana fino a quando, nel '48, non abbandonerà lavoro e famiglia per arruolarsi nella Legione Romana. Combatterà infatti nella prima guerra d'indipendenza italiana contro le forze austriache comandate dal maresciallo Radetzky, allora impegnate nella conquista della città di Vicenza, nella battaglia di Monte Berico. Effettivamente soggiogata dagli invasori con una notevole perdita di uomini, Vicenza cadrà in mano agli austriaci e Gennari, uscitone vivo ma gravemente ferito, tornerà al suo insegnamento non prima di essere stato, però, eletto deputato alla Costituente Romana nel 1849.

Qualche anno più tardi, gli verrà offerta una cattedra presso l'Università di Cagliari, città presso la quale si trasferirà fino alla sua dipartita. In Sardegna, Gennari ha modo di approfondire i suoi studi naturalistici, portando alla raccolta e alla catalogazione di tantissime specie di piante che di lì andranno a costituire la base di quello che oggi è il Museo Erbario dell'Università di Cagliari. Prolifica sarà la sua produzione scientifico-letteraria dalla seconda metà degli anni Cinquanta fino alla fine dell'Ottocento, tra cui si ricordano Specie e varietà rimarchevoli da aggiungersi alla Flora di Sardegna, 1867, Florula di Caprera, 1870, Repertorium Florae Calaritanae, 1893, e tanti altri. Amico di Giuseppe Mazzini, Giuseppe Galletti ed Aurelio Saffi, non si esclude la possibilità di rapporti intercorsi con Garibaldi durante l'ultimo periodo di vita del generale sull'isola di Caprera.

Pioniere di quella che fu la botanica di fine Ottocento, Gennari darà grande impulso alla materia: si impegnerà al massimo delle sue finanze per la costruzione di un orto botanico presso l'università cagliaritana, ancora oggi in attività e riconosciuto a livello nazionale ed europeo, università di cui diverrà anche rettore, e soprattutto nella formazione di un suo erbario personale, di principale importanza per gli studi a lui successivi, che attualmente è conservato nell'orto botanico di Torino. Morirà a Cagliari nel febbraio del 1897.






Questo è un articolo pubblicato il 24-11-2021 alle 11:25 sul giornale del 25 novembre 2021 - 164 letture

In questo articolo si parla di attualità, università, cagliari, botanica, moresco, italiano, risorgimento, orto botanico, patriota, scienziato, articolo, Luigi De Signoribus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cvYF





logoEV