Il progetto che assiste gli over 75 e unisce un’intera Provincia. “Smart Village, vera innovazione”.

5' di lettura 23/10/2021 - Servizi socio-sanitari, assistenza agli anziani e tele-medicina, tutto in un unico pacchetto. Presentato a Servigliano, coinvolgerà 11 Comuni e tanti partner come Aziende, Università e cooperative sociali. Coinvolte anche l’Inrca e l’Area Vasta 4, oltre all’Ats XIX. Scendoni: “Adesso stiamo monitorando 50 anziani, ai quali offriamo servizi personalizzati ed assistenza mirata, confrontandoci con i medici di famiglia. L’obbiettivo è arrivare a 1000 pazienti ed allargare il progetto a tutta la Regione”. Castelli: “Un progetto dettato dalle esigenze del momento. È questo quello che serve adesso, ma va fatto coincidere con il nostro sistema sanitario”.

Un nuovo modello di assistenza socio-sanitaria per anziani over 75. Potrebbe essere questa una prima sintesi del progetto “Smart Village”, presentato a Servigliano presso la Casa della memoria.

L’iniziativa propone molti altri risvolti, che vanno a toccare diversi settori e questo grazie soprattutto ai tanti partner coinvolti. 11 sono, infatti, i Comuni che hanno preso parte al progetto, tutti membri dell’Ats XIX: Servigliano, Falerone, Belmonte, Massa Fermana, Montappone, Monte Vidon Corrado, Monteleone, Monsampietro Morico, Mogliano, Ortezzano e Petriolo.

Ulteriori attori coinvolti sono: l’Università Politecnica delle Marche, l’Inrca, l’Area Vasta, le cooperative sociali Agenzia Res Nuova Ricerca, Idea, Utopia, COSS Marche e le aziende del terzo settore Wega, New System, Itaca e Namirial.

Nel dettaglio in cosa consiste Smart Village? “La nostra finalità è quella di offrire un modello di assistenza, sia sociale che sanitaria, agli anziani, il tutto garantendo prossimità, ovvero i nostri servizi assistenziali saranno domiciliari e personalizzati in base al paziente che tratteremo – spiega Ranieri coordinatore dell’Ats 19 – grazie all’impiego di moderne tecnologie ed una piattaforma web, monitorata dai medici di famiglia, andremo a prevenire gli eventi acuti, le emergenze e allo stesso tempo la qualità della vita degli over 75 migliorerà”.

Ma dove nasce l’idea? “Tutto è nato dall’analisi del contesto in cui viviamo. Nel 2021 gli over 65 rappresentano oltre il 20% della popolazione europea e questo dato è destinato a salire. Inoltre il modello attuale di assistenza sociale si basa sulla famiglie, con badanti o operatori simili, il nostro sistema sanitario non privilegia la prevenzione o il miglioramento della qualità della vita – sottolinea Ranieri – a questo quadro vanno inserite difficoltà economiche legate alla sanità, oltre alla carenza di medici di base e all’intenso spopolamento dei Comuni del cratere. Tutta questa situazione generale, nel 2017 ci ha spinto a degli incontri preparatori con i Sindaci, i quali hanno subito espresso l’esigenza di operare in tal senso, proponendo un nuovo modello di benessere”.

Smart Village, oltre ad essere promosso in prima battuta dall’Ats 19 e dai Comuni memrbi, vede coinvolte diverse Cooperative sociali ed aziende del terzo settore: “Stiamo parlando di un progetto innovativo, che guarda ad una totale intesa tra pubblico e privato, tra Enti ed Aziende capaci di garantire servizi. Dobbiamo agire per migliorare il benessere del nostro territorio” commenta il Coordinatore delle cooperative sociali coinvolte.

Uno dei finanziatori del progetto è il Gal, rappresentato dalla Presidente Borri: “E’ la prima volta che il Gal collabora ad un progetto socio-sanitario. Era nostro dovere esserci ed investire risorse per lo sviluppo del territorio".

Oltre ai tanti Sindaci presenti, alla giornata hanno preso parte molte autorità, come il Prefetto Filippi ed i Direttori dell’Area Vasta 4 e dell’Inrca Grinta e Genga: “La pandemia ci ha tolto molte certezze, ma da questa esperienza abbiamo compreso che la tele-medicina è il futuro e questo progetto è un modo nuovo per rapportarci con la sanità e con i pazienti – ha sottolineato Grinta, al quale fa da eco il Direttore Genga – attraverso Smart Village si potrà dare una lettura precisa delle problematiche attuali ed allo stesso tempo assistere gli anziani con moderne tecnologie”.

A scendere nel dettaglio delle dinamiche sanitarie ed assistenziali, ci pensa il Dottor. Scendoni: “Al momento stiamo monitorando 50 pazienti. Entro il 2025 vorremmo arrivare a 1000. Il gruppo di anziani in esame è stato scelto con uno screening multifunzionale, che metteva in evidenza diversi parametri, così da stilare il loro stato di salute. In base a questo controllo primario, abbiamo potuto stabilire il tipo di intervento e di servizi da fornire – ribadisce Scendoni – abbiamo effettuato varie valutazioni sugli over 75 come quella fisiatrica, cardiologica, nutrizionale, psicologica e sociale e da queste abbiamo evidenziato diverse problematiche”.

A questa età gli anziani possono andare incontro a cadute, problemi cardiovascolari, malnutrizione, depressione e solitudine. “A queste analisi, affiancheremo un’assistenza mirata, monitorata e condivisa con i vari medici di famiglia, che saranno una figura fondamentale in questo processo e allo stesso tempo forniremo ai pazienti dispositivi di monitoraggio, per i quali verranno seguiti da operatori specializzati che spiegheranno il funzionamento”.

In chiusura, è intervenuto l’Assessore regionale Castelli: “Dal fermano è nata una grande idea di modernità. Smart Village è ciò che serve adesso al nostro territorio. Già nei mesi scorsi, in Regione, avevamo pensato di inserire qualcosa di simile nel piano sanitario regionale e ben vengano Sindaci che hanno deciso di prendere la palla al balzo – sottolinea l’Assessore – ora la vera sfida è quella di rendere coerente questo progetto con il nostro sistema socio-sanitario. Va reso sinergico il lavoro di chi sperimenta con l’intera programmazione regionale. Per una buona riuscita vanno rese armoniose tutte le componenti in gioco – conclude Castelli – sappiamo che l’obbiettivo è dare assistenza sociale e sanitari agli over 75, attraverso monitoraggio e tele-medicina, ma serve dare unitarietà all’intero sistema”.












logoEV
logoEV
logoEV