È intesa tra l’IISS “C. Urbani” di Porto Sant’Elpidio e Condotta Slow Food Fermano

3' di lettura 19/10/2021 - Da sempre l’IISS “Carlo Urbani” di Porto Sant’Elpidio valorizza l’idea di scuola intesa come comunità attiva, aprendosi al territorio e relazionandosi col mondo del lavoro, nel tentativo di sviluppare e aumentare l'interazione con le organizzazioni del Terzo settore, le associazioni e le imprese in attuazione del principio di sussidiarietà. Una politica questa condivisa dalla nuova Dirigente, prof.ssa Laura D’Ignazi che, con impegno e competenza, si è da subito dimostrata favorevole a qualsiasi iniziativa possa qualificare ancor più la scuola.

Da ciò nasce il protocollo d’intesa con la Condotta Slow Food del Fermano, associazione senza scopo di lucro, democratica, di promozione sociale, di formazione della persona e culturale, su base volontaria, che opera secondo i principi del “buono pulito e giusto” in particolare nel campo dell’alimentazione, per la difesa dei diritti primari, dell’ambiente e dei beni comuni, ponendo la centralità del cibo quale elemento imprescindibile di sviluppo equo e sostenibile, affinché tutti possano trarre piacere dal cibo. Scuola ed associazione uniti dunque per organizzare laboratori di cucina in sinergia; promuovere e sostenere iniziative con l’obiettivo di preservare e valorizzare l’identità storico-culturale del territorio; organizzare contest e concorsi; promuovere e organizzare scambi formativi; organizzare convegni, seminari, infoday, incontri, conviviali a tema, cene-studio; condurre studi e ricerca negli ambiti di competenza; proporre e organizzare programmi di cultura alimentare e sensoriale dirette a tutti i cittadini e agli operatori del settore enogastronomico, per una più diffusa conoscenza delle radici storiche e dei processi produttivi; promuovere la cura di un orto per gli aromi da utilizzare in cucina; organizzare eventi, manifestazioni e attività; promuovere iniziative di formazione rivolte agli alunni; partecipazione a progetti nazionali, europei e internazionali in partnership. Le dichiarazioni del fiduciario Slow Food del Fermano, Paolo Concetti, motivano la scelta di collaborazione col Carlo Urbani: “Siamo coscienti quanto sia fondamentale valorizzare il ruolo primario dell'educazione, per questo oggi siamo qui in questo Istituto che rappresenta un punto di riferimento del nostro territorio. I processi educativi per Slow Food sono scambio continuo di conoscenze ed esperienze tra le persone, non un processo unidirezionale da un docente ad un allievo. Per questo è importante riscoprire il ruolo della comunità che ruota intorno al cibo fatta di cuochi, produttori locali e contadini, che insieme sono garanti della trasmissione dei saperi e della memoria”. Fondamentali anche le dichiarazioni della prof.ssa Annalinda Pasquali, docente del Carlo Urbani, nonché vice presidente di Slow Food: “Ritengo che ci siano molte potenzialità nella collaborazione tra l'associazione e il nostro istituto, con la possibilità di coinvolgere tutti i corsi e non solo il professionale alberghiero. Nello slogan Buono, pulito e giusto di Slow Food si sintetizza l'impegno civico individuale verso l'ambiente e quello dei produttori per la sostenibilità dello sviluppo economico. La proposta della condotta fermana per l'IISS Urbani è favorire anche la conoscenza del territorio come previsto, peraltro, nelle linee guida del MIUR per l'inclusione degli studenti nel tessuto culturale e socio-economico locale".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-10-2021 alle 22:43 sul giornale del 21 ottobre 2021 - 236 letture

In questo articolo si parla di slow food

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cplu





logoEV
logoEV
logoEV