Potenziamento delle modalità di integrazione tra forze dell’ordine e personale volontario nell’attivazione del ‘Piano Provinciale per la ricerca delle persone scomparse’

2' di lettura 19/10/2021 - Una giornata dedicata alla promozione ed alla sensibilizzazione volta a porre l’accento sulla ricerca di persone scomparse, con attività formative teorico-pratiche organizzata e coordinata dalla Prefettura di Fermo lo scorso sabato 16 ottobre allo scopo di garantire la massima efficienza nell’attivazione del ‘Piano Provinciale per la Ricerca delle Persone Scomparse’.

La sessione didattico istruttiva, infatti, è stata riservata in particolare al personale volontario che può essere chiamato ad intervenire in ausilio alle Forze dell’Ordine e ai Vigili del Fuoco nelle ipotesi di attivazione del predetto piano provinciale. Un obiettivo pienamente raggiunto grazie alla nutrita partecipazione registrata sia al mattino, per la parte teorica, che al pomeriggio con l’esercitazione sul campo. La sessione teorica, svolta in videoconferenza dalla sede della Prefettura, dopo i saluti del Prefetto in collegamento video, si è arricchita dei contributi del Capo di Gabinetto della Prefettura, coordinatore dell’iniziativa, che ha illustrato la figura del Commissario Straordinario di Governo per la ricerca delle persone e scomparse e il documento di pianificazione provinciale attualmente vigente per il territorio fermano, quindi sono seguiti gli interventi della Questura di Fermo (‘Denuncia di scomparsa e attività di Polizia Giudiziaria’), del Comando Provinciale dei Carabinieri (‘Scena del crimine’), del Servizio regionale della Protezione Civile (‘Modalità di impiego del volontariato di protezione civile’) ed infine dell’Ufficio Circondariale Marittimo di Porto San Giorgio (‘Coordinamento operazioni marittime e sicurezza’). Nel pomeriggio i partecipanti, oltre 100 unità e 16 mezzi di soccorso, si sono cimentati in un’esercitazione pratica che ha avuto luogo in località montuosa sita nel Comune di Amandola. L’obiettivo è stato quello di ottenere la massima efficienza dei risultati derivanti dall’integrazione e complementarietà d’azione tra le componenti volontarie e le forze dell’ordine coinvolte nel Piano, andando a ricreare e simulare le condizioni che normalmente si verificano nell’ipotesi di ricerca di persone scomparse che comportino l’inclusione dei volontari di protezione civile. In particolare è stata affrontata una simulazione per la ricerca di una persona scomparsa con conseguente attivazione del Piano. Le componenti di Protezione Civile, pertanto, sono state impegnate nella predetta ricerca in aree boschive; ciò ha consentito di testare le migliori tecniche con l’utilizzo di unità cinofile e l’assistenza di strumentazione GPS. Il recupero della persona scomparsa, avvenuto in area impervia, ha consentito di testare e rendere maggiormente integrata l’opera dei Vigili del Fuoco e del Soccorso Alpino mediante tecniche speleo alpino fluviali.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 19-10-2021 alle 13:52 sul giornale del 20 ottobre 2021 - 171 letture

In questo articolo si parla di attualità, fermo, prefettura di fermo, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cpcs





logoEV