Porto San Giorgio: Spazio Giovani 'CreArea' e la sua corsa verso il benessere sociale ed educativo dei giovani

3' di lettura 15/10/2021 - Sulla scia dei pacchetti famiglia annunciati nelle settimane precedenti, il nuovo Spazio Giovani 'CreArea' si sta dimostrando catalizzatore di aggregazione per giovani grazie alle sue attività.

Doposcuola, ludoteca ed informa giovani: sono queste le attività principali che il nuovo spazio CreArea sta promuovendo regolarmente, nonostante il progetto, come riferisce la coordinatrice dei servizi, cooperativa il Faro Manuela Gaspari, sia partito un po' in sordina, senza dunque avere avuto un giusto livello di pubblicità né spazi ben identificati fino ad oggi. “Abbiamo cominciato il nostro operato con la sola funzione di aiuto compiti – spiega Gaspari – ma con un aiuto arrivato dalla direttrice Daniela Medori dell'Isc Nardi, che ha spinto gli allievi della sua scuola e le loro famiglie a rivolgersi a noi. Abbiamo proseguito poi con attività legate all'arte ed al cinema nei mesi estivi, che hanno visto un afflusso importante nonostante la stagione. Un fatto da sottolineare questo, perché indica che il centro sta diventando punto di riferimento dei ragazzi sangiorgesi, dagli 11 ai 18 anni, che si dimostrano molto interessati alle nostre attività”.

“Convinti che il progetto abbia ad interesse il benessere sociale dei giovani e delle loro famiglie”: a parlare è l'assessore alle politiche sociali nonché vicesindaco Francesco Gramegna, che non perde occasione di ringraziare il servizio sociale professionale ed il Faro per aver reso possibile il successo di questo nuovo punto di aggregazione per le attività scolastiche e non solo dei giovani sangiorgesi. “Stiamo assistendo ad un nuovo tipo di congregazione giovanile – continua il discorso Gramegna - grazie ai diversi laboratori che raccolgono diverse fasce d'età”.

Con oltre un centinaio di iscrizioni infatti, che si riferiscono ai diversi servizi offerti dal centro, tra aiuto compiti, ludici e quelle che arrivano da altri ricreatori delle scuole primarie come il Don Bosco e il San Giorgio, il Centro Giovani CreArea offre anche laboratori manuali, psicomotori e, novità di quest'anno, avrà a disposizione anche un orto. “L'intento è quello di creare una efficiente rete di servizi educativi – continua Gaspari – che inglobino anche le famiglie dei ragazzi. Occorre infatti partire dal bisogno di chi si rivolge a noi ed agire in base alla corrispondenza delle necessità riscontrate”. A tal proposito, Gaspari, espone anche un altro servizio, quello di uno sportello di ascolto psicologico completamente gratuito che non si rivolge solo ai ragazzi, ma anche alle loro famiglie e a tutti gli operatori della cooperativa il Faro che gravitano intorno al nuovo spazio.

“Si è passati da mera assistenza ad un protagonismo attivo dei servizi offerti ai ragazzi” commenta il Sindaco Loira che, nella cornice del murales del centro realizzato dai ragazzi iscritti con l'aiuto dell'artista Francesco Valeri, ribadisce il fatto che le attività promosse non sono estemporanee, ma si inseriscono in una rete solida di servizi e di politiche sociali volte alla salvaguardia e all'ascolto di una parte importante del tessuto cittadino, e questo anche grazie all'aver trovato nei locali del comune un preciso punto di riferimento. “Un cambio di passo importante - conclude Loira – a dimostrazione che l'amministrazione comunale crede in tutto questo”.








Questo è un articolo pubblicato il 15-10-2021 alle 14:45 sul giornale del 16 ottobre 2021 - 182 letture

In questo articolo si parla di attualità, ragazzi, ludoteca, comune, famiglie, doposcuola, laboratori, attività, aiuto, compiti, articolo, porto san giogio, Luigi De Signoribus, centro giovani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/coBV





logoEV
logoEV