La rabbia dell’UDC: “Vogliamo più controlli e sicurezza a Porto San Giorgio!”

3' di lettura 20/09/2021 - Questa mattina, in una conferenza stampa, Del Vecchio dell'UDC mostra la sua indignazione per le situazioni pericolose in cui si trovano coinvolti i giovani sangiorgiesi: " Vogliamo più vigilanza notturna sulla costa e più controlli alle baby gang!"

Questa mattina a Porto San Giorgio, Carlo Del Vecchio dell’UDC ha tenuto una conferenza stampa concordata con i vertici del partito, il segretario di partito Stefano Cencetti, il senatore Antonio Saccone e Moreno Bellesi, coordinatore del partito. La conferenza nasce dall’urgenza di fare il punto sulla sicurezza della città, alla luce dei fatti avvenuti sabato e domenica sul lungomare.

“Ormai ogni fine settimana si verifica sulla costa un evento spiacevole e poco gradito al turista, ai commercianti e a tutta la cittadinanza” esordisce Del Vecchio. “Come promotore della sicurezza e dell’ordine, sono molto indignato, perché i fatti avvenuti recentemente hanno avuto gravi conseguenze, e hanno coinvolto le persone comuni, che hanno rischiato la vita.”

L’urgenza di parlarne nasce anche dalle lamentele dei genitori sangiorgesi, preoccupati per la sicurezza dei loro figli che trascorrono il sabato sera sulla costa. Queste brutte situazioni, tra l’altro, si verificano nei luoghi più frequentati della città, dove le persone si radunano per stare insieme in tranquillità. Recentemente questa serenità viene compromessa da gesti di violenza, anche con l’uso di armi, come coltelli e bottiglie rotte, puntate addosso alle persone. Si tratta di vere e proprie baby gang, intorno ai 15 anni, perlopiù extracomunitari, provenienti dal Nord Africa e dalla Romania.

Non è la prima volta che Del Vecchio chiede all’amministrazione comunale una maggiore attenzione alla sicurezza: “Abbiamo bisogno di un organo di controllo, che soprattutto di notte garantisca l’ordine nella città. Non si può permettere che un ragazzino si trovi coinvolto in queste situazioni, i genitori sono molto preoccupati.” Secondo Del Vecchio, si presta attenzione alla città solo nei mesi estivi. Ma Porto San Giorgio è frequentata tutto l’anno; i commercianti non lavorano solo ad agosto, e sono stanchi di avere paura che queste gang possano entrare e fare danni.

La verità è che questi ragazzi sono stati individuati, e sono già stati presi, ma secondo Del Vecchio vengono rilasciati troppo presto. Le autorità sanno tutto di queste persone, ma sembrano non prendere seri provvedimenti. “Abbiamo sempre sostenuto le forze dell’ordine e continuiamo ad essere solidali, ma abbiamo bisogno del loro aiuto concreto per uscire da questa situazione pericolosa”, questo è un argomento che sta molto a cuore al partito, che punterà proprio sulla sicurezza nel programma elettorale del prossimo anno.

Quello del partito è un vero e proprio appello all’amministrazione: si richiede a gran voce di istituire un servizio notturno per la città, perché si necessita fortemente di qualcuno che vigili e che sappia gestire al meglio certe situazioni. “Vigilanza e protezione, è questo quello che chiediamo!” riassume Del Vecchio, che, poi, prega le autorità di controllare maggiormente i ragazzi extracomunitari, che spesso sono “persi” nel mondo della droga e della violenza.

Il partito si augura di vedere delle azioni concrete da parte dell’amministrazione, perché Porto San Giorgio è una città che vuole donare serenità al turista e ai suoi cittadini.






Questo è un articolo pubblicato il 20-09-2021 alle 13:35 sul giornale del 21 settembre 2021 - 369 letture

In questo articolo si parla di attualità, udc, violenza, porto san giorgio, baby gang, paura, articolo, Silvia Cotechini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cj95





logoEV
logoEV