Uno sguardo alla stagione turistica di quest’anno: i servizi offerti dai camping

4' di lettura 18/09/2021 - Un questionario ai turisti che hanno soggiornato sulla costa, per tirare le somme sull'andamento del turismo nel fermano

Dopo lo studio dei B&B, l’attenzione ora si sposta sulla costa. Attraverso il contatto diretto con i turisti realizzato dalla società TEC Turismo Enogastronomia e Cultura, una cooperativa che si occupa di servizi turistici e valorizzazione del territorio, possiamo approfondire l’andamento turistico del fermano. Il questionario e il contatto diretto con i turisti sono stati utili per cogliere alcune informazioni interessanti: da dove provengono, cosa cercano nel nostro territorio e quali esperienze turistiche vorrebbero vivere durante la permanenza.

In generale, i camping sono molto soddisfatti della stagione turistica. Gli ospiti di quest’anno sono maggiormente clienti italiani, perlopiù provenienti dal Nord (in particolare Lombardia e Veneto) ma anche centro Italia (dall'Emilia-Romagna, dall’Umbria e dalla Campania). Il Camping Paradiso, per esempio, ha ospitato maggiormente clienti italiani e solamente a fine stagione ha registrato l’arrivo di qualche turista tedesco. Un altro esempio è lo Spinnaker, che ha registrato un forte calo di turisti stranieri, solamente un 3%, che proviene da Olanda, Germania, Svizzera e - a sorpresa- la Polonia. In ogni caso, si tratta soprattutto di famiglie con bambini, coppie e persone in età avanzata, che arrivano in auto o in camper e rimangono, in media, da 7 a 15 giorni.

Dalla lettura dei dati, è evidente che i turisti visitano la zona balneare di Fermo per diversi elementi, come la bellezza del mare, la posizione strategica lungo la costa Adriatica, la vicinanza tra mare e montagna, i borghi, il verde, la genuinità, il buon cibo e l'accoglienza. La maggior parte dei turisti intervistati concordano che i punti di forza della zona sono la tranquillità e il prezzo ragionevole.

Inoltre, oltre agli stagionali che conoscono questa zona da sempre e a coloro che visitano il fermano grazie al potere enorme del passaparola, anchet Internet sembra aver assunto un ruolo di primo piano come strumento “informativo”. Indagando le attività che vorrebbero svolgere durante la vacanza, i turisti hanno sottolineato soprattutto la degustazione di vini e del patrimonio enogastronomico locale e le visite in luoghi d’arte.

I camping sono un elemento importante del sistema di accoglienza e dei servizi turistici perché offrono un numero importante di posti letto, assicurando molte presenze nel territorio. In questo periodo di pandemia, molte famiglie scelgono i camping per trascorrere le loro vacanze perché offrono spazi liberi, autonomia e sicurezza. È importante sottolineare che esiste una rete di camping che lavorano uniti nella promozione e promo-commercializzazione con altre strutture, l'associazione “Villaggi Marche”, che può accogliere circa 20mila turisti. I turisti scelgono i camping anche perché negli anni si sono rinnovati e ora offrono maggiori servizi: lo Spinnaker, ad esempio, offre oltre alla spiaggia e alla piscina, il centro benessere “Brezza Marina”, l’animazione diurna e serale e offre particolare attenzione agli amici a quattro zampe, con una spiaggia riservata per cani e un servizio di Educatore Cinofilo serale. Allo stesso molto anche altri camping offrono numerosi servizi: è sempre più presente l'animazione sia di giorno per i bambini, sia di sera con l'animazione e la musica (in qualche caso ci sono veri e propri spettacoli e numerose attività di aggregazione).

Sicuramente, ci sono ancora miglioramenti da fare. Molti camping lamentano la difficoltà di spostamento tra il Comune di Fermo e di Porto San Giorgio, e lo scarso collegamento con Torre di Palme. Secondo i direttori dei camping, l’ideale sarebbe una pista ciclabile, per invogliare il turista a spostarsi sulla costa, facendo anche sport. Inoltre, i turisti hanno bisogno di più materiale per pianificare al meglio il loro viaggio, ad esempio mappe che illustrino i borghi del fermano e dove fare shopping, oltre alle informazioni sui percorsi ciclo-turistici. Il materiale informativo cartaceo può essere utile per chi viaggia e si sposta con più frequenza nel nostro territorio, e deve sempre accompagnare l’informazione digitale. Sono stati apprezzati i servizi e le iniziative dedicate alla conoscenza della zona montana e dei borghi, che necessitano una maggiore valorizzazione.

L'analisi sul campo permette di capire da dove iniziare per migliorare i servizi sul nostro territorio, attirando così sempre più turisti e curiosi, cogliendo i cambiamenti nei flussi turistici che, con l'emergenza sanitaria, evidenziano l'incremento del turismo di prossimità che nel breve periodo potrebbe sostituire i turisti stranieri che sono mancati a causa della pandemia e che – probabilmente - saranno assenti anche il prossimo anno.






Questo è un articolo pubblicato il 17-09-2021 alle 21:23 sul giornale del 18 settembre 2021 - 232 letture

In questo articolo si parla di attualità, turismo, fermo, costa, Camping, articolo, Silvia Cotechini, covid

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cjR9





logoEV
logoEV
logoEV