L’Accademia della Cucina premia Amandola. La marmellata di mela rosa dei Sibillini trionfa.

3' di lettura 01/09/2021 - All’Azienda Le Spiazzette assegnato il “Premio Alberini” per la coltivazione e la sapiente lavorazione della mela rosa, eccellenza della zona montana. La Delegazione di Fermo ha poi premiato altre attività e strutture ricettive fermane che si sono distinte a livello culinario-turistico. Hanno partecipato all’iniziativa, oltre ad Amandola, anche i Comuni di Porto San Giorgio, Belmonte, Campofilone, Montegiorgio e Sant’Elpidio a Mare.

Dopo un lungo periodo di stasi, dovuta al lockdown, l’Accademia della Cucina torna a far parlare di se e lo fa attraverso la Delegazione di Fermo che, nella scorsa settimana, ha deciso di celebrare e premiare aziende, strutture ricettive e attività dell’intero territorio fermano che si sono distinte per la promozione ed il rilancio dei prodotti tipici. Con alle spalle i due anni di stop causa covid, i premi da assegnare erano diversi: Nuvoletti, Alberini, Villani e Buona Cucina, questi i riconoscimenti nazionali consegnati. La premiazione si è svolta presso Villa Bonaparte a Porto San Giorgio, dove a fare da cornice c’è stato un apprezzato momento conviviale con musica e cucina di alto livello. Tra i premi assegnati, a trionfare è stata anche la Città di Amandola, che, ormai da diversi anni, porta avanti una politica mirata sulla promozione delle eccellenze territoriali e sul rilancio delle infinite qualità culinarie e turistiche dell’area dei Monti Sibillini. Il Comune montano è salito sul gradino più alto del podio grazie all’Azienda Le Spiazzette, che è stata premiata con il “Premio Alberini”, un riconoscimento nazionale molto ambito. “L’Azienda amandolese si è distinta per la coltivazione e la lavorazione di composte e marmellate della mela rosa dei Sibillini – ha spiegato la Commissione – stiamo parlando di un prodotto unico nel suo genere che trova la sua massima espressione nel territorio montano ed in particolare ad Amandola. La sapiente preparazione del prodotto finale è sinonimo di grande conoscenza della materia prima, che si presta a molteplici utilizzi e questo ne fa una delle eccellenze fermane più apprezzate”. Ad Amandola non solo tartufo dei Sibillini, stavolta, infatti, a rubare la scena sono state mele rosa e marmellate. Dopo le premiazioni del tubero amandolese ad Acqualagna e Cortina, arriva anche un meritato riconoscimento per la mela rosa, un altro prodotto tra i più apprezzati della zona, che, attraverso la lavorazione in marmellata, si trasforma in un’autentica eccellenza dei Sibillini. A creare la deliziosa confettura ci pensa “Le Spiazzette”, ormai storica azienda Amandolese, che nonostante le gravi difficoltà causate dal sisma del 2016, ha rialzato la testa e scommesso di nuovo sulle potenzialità del territorio montano, diventando uno dei migliori produttori di marmellata di mela rosa a livello regionale. La gestione dell’azienda è affidata a Martina Gravucci, ragazza di 24 anni, che con coraggio e determinazione ha preso in mano l’attività di famiglia. Superando i disagi legati al terremoto e credendo fortemente nella propria terra natale, Martina e l’Azienda “Le Spiazzette ” hanno ampiamente meritato questo riconoscimento. Oltre al premio ottenuto da Amandola, sono stati assegnati riconoscimenti anche a Porto San Giorgio, Belmonte, Campofilone, Montegiorgio e Sant’Elpidio a Mare, tutti comuni dove attività, aziende e strutture ricettive hanno promosso prodotti tipici ed eccellenze uniche, capaci di far apprezzare il territorio fermano a livello nazionale.








Questo è un comunicato stampa pubblicato il 01-09-2021 alle 22:12 sul giornale del 02 settembre 2021 - 612 letture

In questo articolo si parla di cronaca, enogastronomia, cucina, amandola, premio, Comune di Amandola, premiazione, prodotti tipici marchigiani, marmellata, mela rosa dei monti sibillini, accademia della cucina, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/chea





logoEV
logoEV