Ecoelpidiense: "Il Tar ci ha dato ragione. Esclusione illegittima dalla gara per la gestione della raccolta rifiuti a Sant'Elpidio a Mare"

3' di lettura 29/07/2021 - “La Provincia non può modificare la disciplina di gara, variando in maniera interpretativa il bando”. Il Tar delle Marche nella sentenza con cui ha accolto il nostro ricorso, contro l’esclusione decisa dalla Provincia su proposta dei commissari di gara di Fermo, ha indicato la strada: riammissione dell’Ecoelpidiense nella gara d’appalto per la gestione della raccolta rifiuti nel comune di Sant’Elpidio a Mare.

Ma non solo, il Tar dice di più: la Provincia di Fermo ha promosso atti illegittimi nel corso dell’iter di valutazione. E questo significa che la gara va annullata, in autotutela da parte dell’ente stesso o in seguito a un nostro sicuro ulteriore ricorso in caso di assegnazione definitiva dell’appalto.

Una vicenda che amareggia, ma che dimostra la correttezza dell’operato dell’Ecoelpidiense Srl.

LA VICENDA

Il termine di presentazione delle offerte è stato il 10 agosto 2020. Da quel giorno è partito l’iter di valutazione affidato alla Stazione appaltante della Provincia di Fermo. Tre buste: una amministrativa, una tecnica e una economica. Tutto è esploso all’apertura della seconda busta. Da bando andava inserito il computo metrico estimativo del nuovo ecocentro. La Stazione Unica Appaltante della Provincia di Fermo, prima della consegna delle buste, ha comunicato che il computo metrico non doveva essere inserito. Noi lo abbiamo presentato come da bando di gara, unici tra i quattro partecipanti. La Stazione Unica Appaltante, sentita la commissione di gara, ci ha comunicato il 18 febbraio 2021 la nostra esclusione. Da qui il ricorso al Tar delle Marche.

LA SENTENZA

Dopo l’esclusione, assistiti dal legale Carlo Nunzio Sforza, abbiamo presentato ricorso al Tar delle Marche per l’annullamento della stessa. Il 22 luglio 2021 è stata pubblicata la sentenza del Tar che ribaltato la decisione della Provincia di Fermo e del Comune di Sant’Elpidio a Mare che si erano costituiti affidandosi allo stesso legale.

Il Tribunale amministrativo ha sottolineato come “la Provincia sia rimasta ferma sulle sue posizioni nonostante l’informativa dell’Ecoelpidiense”, mentre sarebbe bastata la riammissione dell’azienda per evitare di arrivare in tribunale.

Il Tar Marche ha così deciso: “Annullamento della determina di esclusione dell’Ecoelpidiense Srl”. Oltre a questo ha messo in discussione la validità della stessa gara in quanto il chiarimento fornito dalla Sua, che ha portato al non inserimento da parte delle altre aziende del computo metrico, è illegittimo.

LA RICHIESTA

La sentenza del Tar delle Marche non lascia adito a dubbi e offre due strade di uscita: esclusione delle tre ditte partecipanti che non hanno presentato il computo metrico e quindi assegnazione dell’appalto all’Ecoelpidiense Srl o annullamento della gara.

Solo di fronte a queste decisioni eviteremo di ricorrere nuovamente e di arrivare a una richiesta di risarcimento danni per la condotta illegittima della commissione esaminatrice e della Provincia, titolare del procedimento.

Inoltre è da tenere in considerazione che l’importo messo a gara era stato calcolato sulla base di un progetto che ormai ha più di due anni. Il progetto prevedeva l‘acquisto di attrezzature e mezzi che con l’attuale rincaro dei materiali sarebbe impossibile da sostenere, cosi come previsto dal decreto legge n.73 del 25 maggio 2021. Tutto ciò sicuramente comporterà la necessità di dover revisionare l’importo di gara, prevedendo un meccanismo di compensazione per un rincaro dei materiali dovuto all’emergenza Covid.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 29-07-2021 alle 13:44 sul giornale del 30 luglio 2021 - 296 letture

In questo articolo si parla di attualità, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/ccDn





logoEV