Monteleone: il Festival “I Giorni e la Storia” riscuote successo. Ora tocca a Giuliano e alla Fermani.

3' di lettura 22/07/2021 - La rassegna culturale, nata nel Borgo fermano, raccoglie consensi ed apprezzamenti. “Molto partecipata la prima serata. Adesso spazio al giornalista Giuliano e poi recupereremo l’appuntamento con la filosofa Arianna Fermani, posticipato per maltempo”. Testimonianze, eventi e racconti di periodi storici che hanno segnato la nostra società. “Felici ed orgogliosi di dar vita a questo festival per il 5° anno consecutivo. Monteleone si sposa perfettamente con questi eventi”.

Non chiamatelo piccolo borgo, perché Monteleone sa bene come si organizzano grandi eventi e lo fa nel migliore dei modi. Per il 5° anno, il Comune dell’entroterra fermano ospita l’interessante kermesse culturale “I Giorni e la Storia”. 4 serate ricche di ospiti, che avranno il compito di sviscerare ed illustrare determinati periodi storici, fondamentali nello sviluppo della società odierna.

Il primo appuntamento è già stato messo in archivio. Si trattava della serata del 9 Luglio, che ha visto come protagonista lo storico santavittoriese Bernardo Tanucci. Esperto bibliografo e grande conoscitore di storia locale, Tanucci ha aperto il Festival trattando la peculiare tematica dei mulini idraulici, fondamentale risorsa dei secoli scorsi nella Valle dell’Aso.

Venerdì 23 Luglio a salire sul palco di Largo Mazzini, sarà il noto giornalista Roberto Giuliano, che, alle ore 21.30, guiderà il pubblico negli anni bui di Tangentopoli, fino ad arrivare alla seconda Repubblica. L’ospite svelerà le ombre del passato che ancora si celano sotto questi eventi. Una serata ricca di spunti ed argomenti, insomma, un appuntamento davvero importante che è stato anche riconosciuto come evento formativo da parte dell’Ordine degli Avvocati di Fermo. Infatti gli avvocati che parteciperanno riceveranno 2 crediti formativi.

Domenica 25 luglio toccherà all’ospite di punta del festival guidare la serata, la Filosofa Arianna Fermani. L’appuntamento si sarebbe dovuto svolgere la scorsa settimana, ma il maltempo ha posticipato il tutto. Alle ore 21.30, la docente di Storia della Filosofia Antica all’Unimc, proporrà un excursus su quelle verità eterne e sempre attuali, che i filosofi della scuola greca ci hanno regalato. Saranno declinati ed illustrati quegli insegnamenti quanto mai veri e che, a distanza di secoli, continuano ad essere presenti nella nostra quotidianità.

Con all’attivo numerose pubblicazioni e premi in giro per l’Italia, la Fermani è la maggior esperta di Aristotele nel panorama nazionale, nonché una delle filosofe più apprezzate della sua generazione.

A chiudere la kermesse ci penserà lo scrittore-giornalista Diego Zandel. Venerdì 30 Luglio, alle ore 21.30, l’ospite riporterà alla mente le vicende della tragica guerra in Jugoslavia, a trent’anni dai primi scontri.

Un Festival innovativo, che sta riscuotendo grande interesse. Una rassegna culturale che sa guardare alla nostra storia con occhi nuovi, cercando di comprenderne le dinamiche e gli influssi sulla società di oggi. “Siamo estremamente felici del risultato raggiunto. Il nostro piccolo Comune è stato, per il quinto anno consecutivo, un punto di riferimento per tutti coloro che hanno voglia di approfondire le tematiche del nostro passato, guardando con consapevolezza al presente – afferma il Sindaco Fabiani – Monteleone di Fermo è la location perfetta per questo genere di eventi e la partecipazione del pubblico ci sta dando ragione. Conoscere la storia è un utile esercizio per costruire un futuro migliore”.








Questo è un articolo pubblicato il 22-07-2021 alle 13:06 sul giornale del 23 luglio 2021 - 278 letture

In questo articolo si parla di cultura, storia, spettacoli, università di macerata, filosofia, festival, borgo, Monteleone di Fermo, Ordine degli Avvocati, testimonianze, filosofi, articolo, alto fermano

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/cbwY





logoEV
logoEV
logoEV