Fermana, presentato il ds Scala "I pochi soldi non mi preoccupano, dobbiamo lanciare i giovani" 

5' di lettura 13/07/2021 - FERMO - In una conferenza stampa la Fermana ha presentato il nuovo direttore sportivo Matteo Scala che sostituisce Massimo Andreatini, arrivato in gialloblù quattro anni fa (subito dopo il ritorno della Fermana tra i prof) e che adesso è andato al Forlì insieme all’ex allenatore gialloblù Cornacchini. Comunicati anche l'ingaggio dell'attaccante Bugaro, la conferma di bomber Boateng e dell'addetto stampa Cruciani.

Abbiamo previsto un anno di contratto - le prime parole del nuovo ds - in merito al mio legame con Giuntoli, per me Cristiano è un fratello e, calcisticamente, un padre educativo; è il miglior direttore sportivo che ci sia".

Poi, parlando di Fermana: "Dei giocatori in rosa qui a Fermo, Sperotto lo ho avuto a Carpi, gli altri li conosco quasi tutti perchè seguo la serie C. Qui c'è un gruppo storico che ha un forte senso di appartenenza, nei prossimi giorni conoscerò tutti di persona. Bisogna coltivare il settore giovanile per far emergere il talento dei ragazzi. Diversi giocatori arrivati nella Nazionale che ha appena vinto gli Europei provengono dalla serie C, quindi si può fare”.

Su quest'ultimo fronte accennato, il nuovo ds Scala dovrà lavorare molto perché in realtà, in otto anni di gestione dell'attuale società canarina, nessun giovane che sia cresciuto per almeno un paio di annate nel settore giovanile della Fermana è mai riuscito ad entrare in pianta stabile nella prima squadra gialloblù con presenze da titolare a doppia cifra, né tantomeno è arrivato in pianta stabile in serie B o addirittura in serie A. Invece la priorità numero uno di una società piccola e con risorse limitate come la Fermana dovrebbe essere proprio il lancio di giovani (meglio ancora se locali) che è l'attività più proficua dal punto di vista finanziario rispetto ad attendere il semplice incasso di premi di valorizzazione dei giocatori di proprietà di altre società.

Proprio in merito al bilancio della Fermana, quest'anno ancora più limitato, Scala afferma: “avere budget faraonici può essere un’arma a doppio taglio perché si può sbagliare anche spendendo tanto, il modo di lavorare della Fermana è molto simile a quello che c'era a Carpi, quindi la cosa non mi preoccupa”.

RITIRO A FERMO POI SARNANO

La Fermana FC. comunica che il ritiro precampionato inizierà il 15 luglio, i primi dieci giorni a Fermo poi Sarnano. Tutte da fissare le amichevoli.

INGAGGIATO BUGARO
Ieri la società di viale Trento ha comunicato l’arrivo dell’esterno offensivo Gianluca Bugaro, nato nel 1993, con un contratto biennale. L'ultima annata al Pineto (serie D) con 26 presenze e due reti; in serie D in totale 158 presenze e 25 reti a Pineto, Matelica, San Marino ma soprattutto Vis Pesaro (cinque annate consecutive 2012-17), una quindicina di assist che hanno portato al gol e più di dieci rigori trasformati. Giocatore esperto e di buona tecnica, ma a parte l'unica annata in C due anni fa col Matelica, l'anconetano Bugaro ha militato solo in serie D; a Fermo lo ricordiamo perché siglò al "Recchioni" il primo gol (per la Vis) dell'indimenticabile derby terminato 4-3 per la Fermana con doppietta di Misin; anche al ritorno al "Benelli" (2-2) timbrò il cartellino col rigore dell'1-1.

RINNOVATO IL PRESTITO DI BOATENG
Il giorno prima era già arrivata la notizia del rinnovo del prestito, con diritto di riscatto a favore della società canarina, dell’attaccante Kingsley Boateng per la stagione 2021/22. Per Boateng si tratterà della seconda stagione in maglia gialloblù dopo essere arrivato alle pendici del Colle Sabulo un anno fa: per lui un totale di 22 presenze con 6 gol all’attivo e due assist confezionati per i compagni di squadra. Queste le sue prime parole, come diffuse dall'Ufficio stampa della Fermana:
Ho voluto fortemente rimanere a Fermo per dare continuità a quanto di buono fatto nella scorsa stagione e per ricompensare tutti coloro che hanno creduto in me sin da subito. Abbiamo disputato un buon campionato, raggiungendo l’obiettivo prefissato che era quello di salvarci: a livello personale sono soddisfatto di quanto fatto, pur avendo il rimpianto dei tanti infortuni che mi hanno fatto saltare diverse partite. Penso che una volta raggiunta la salvezza avremmo meritato di fare i playoff, ma ciò non toglie nulla all’ottimo lavoro fatto. La nuova stagione? Sono curioso di conoscere mister Domizzi e il suo staff, certo del fatto che ci aiuteranno molto in campo e fuori: mi fa piacere che l’allenatore arrivi da Pordenone, città che mi ha accolto in Italia sin da bambino. Penso e spero che finalmente potremo vedere il pubblico sugli spalti, per noi sarà fondamentale soprattutto in casa e ci darà una spinta ulteriore per vincere le partite”.

CONFERMATO ANCHE L'ADDETTO STAMPA CRUCIANI
Quasi tutto nuovo nello staff mentre arriva la conferma, dopo Boateng, anche dell'addetto stampa Roberto Cruciani che ricoprirà il ruolo di responsabile della comunicazione; accordo raggiunto di recente e che si conferma dunque per la terza stagione consecutiva dopo Sara Santacchi (un anno nel 2018/19), Marta Bitti (tre, l'ultimo insieme ad Ilenia Di Felice e con una breve parentesi con Matteo Achilli), e prima ancora Alessandro Eusebi che aveva iniziato esattamente dieci anni fa.

"Si riparte dal lavoro svolto in queste due stagioni non semplici in quanto caratterizzate purtroppo da vari stop ed enormi limitazioni legate al covid - le parole di Cruciani - il nostro compito è stato indubbiamente più complesso perchè abbiamo dovito far sentire il popolo gialloblù quanto più vicino alla squadra. Questo abbiamo provato a fare e continueremo a fare anche nella questa terza stagione consecutiva in questo ruolo: per questo il grazie va alla società per la fiducia accordata. Inizia una nuova stagione e quindi gli stimoli non mancano di certo, con la voglia di sempre di fare il massimo ed essere al servizio della società e dei tifosi gialloblù che ci auguriamo prestissimo possano tornare sugli spalti del Recchioni a far sentire il loro calore".

ARTICOLI CORRELATI

https://www.viverefermo.it/2021/07/10/la-fermana-entra-a-tutti-gli-effetti-nella-galassia-di-giuntoli-e-pompilio/989193/

https://www.viverefermo.it/2021/07/03/la-fermana-perde-anche-maistrello-dopo-andreatini-comotto-e-cornacchini/986009/

https://www.viverefermo.it/2021/06/30/fermana-depositata-la-documentazione-per-liscrizione-in-c/983893/

https://www.viverefermo.it/2021/06/25/dopo-sei-stagioni-comotto-saluta-la-fermana-e-cremona-entra-nello-staff-tecnico/980824/

https://www.viverefermo.it/2021/06/23/fermana-mister-domizzi-si-presenta-giocatoridalla-serie-a-devono-incastrarsi-tante-cose/979275/

https://www.viverefermo.it/2021/06/21/la-fermana-per-la-panchina-202122-scommette-sullesordiente-domizzi/978106/






Paolo Bartolomei


Questo è un articolo pubblicato il 13-07-2021 alle 12:29 sul giornale del 14 luglio 2021 - 517 letture

In questo articolo si parla di sport, fermana, bugaro, paolo bartolomei, scala, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b09L





logoEV
logoEV
qrcode