x

SEI IN > VIVERE FERMO > ATTUALITA'

articolo
Smerillo visionaria. Case sugli alberi? E’ possibile! Un’idea unica per il turismo del futuro.

3' di lettura
1677

di Lorenzo Cortellucci


A lanciare il nuovo progetto è stato il Sindaco Vallesi. "Vogliamo offrire ai turisti una nuova prospettiva per ammirare il nostro paesaggio". Abitazioni sugli alberi interamente in legno e del tutto accessoriate. Avviata la procedura sperimentale, poi le prime costruzioni a Smerillo. "Si sposeranno perfettamente con il contesto paesano". Smerillo sarà il primo Comune nelle Marche a proporre questo nuovo servizio. "Il turismo sostenibile è la nostra risorsa più importante".

Come Cosimo di Rondò, del "Barone Rampante", anche nel 2021 c’è quel primitivo e viscerale desiderio di avventura e riconciliazione tra uomo e natura. Il protagonista della famosa opera di Calvino, scelse di vivere sugli alberi del suo giardino, guardando il mondo da un nuovo punto di vista. Oggi, vivere l’esperienza di avere una casa sugli alberi o di soggiornarci, non è più utopia, ma realtà.

Una casa interamente realizzata in legno, che poggia le sue mura tra rami ed alberi secolari, altamente sostenibile e situata ad 800 metri sul livello del mare. Un unico luogo può ospitare questo tipo di abitazione: Smerillo.

Questo è proprio ciò che sta sta accadendo nel borgo dell’Altro Fermano, alle pendici dei Monti Sibillini. L’Amministrazione Comunale, guidata dal Sindaco Antonio Vallesi, con la sua ormai consueta linea green e con la volontà di investire nel turismo sostenibile come strumento di sviluppo e valorizzazione delle zone montane, supportato dalla capacità tecnica e dallo spirito di sperimentazione e innovazione degli ingegneri e architetti della EnAr Conti srl, ha deciso di avviare un progetto unico nella Regione Marche.

“Lo presenteremo a breve – esordisce Vallesi - Il progetto sperimentale prevede la costruzione di 5 case sugli alberi, dotate di comfort e servizi essenziali, sicure e perfettamente integrate con il contesto paesano. Ognuna sarà unica nel suo genere. Varieranno da due a quattro posti, dotate di bagno, con terrazzo per ammirare il suggestivo paesaggio, dal Fiume Tenna ai vicini Monti Sibillini, dal con vista Monte Conero al mare Adriatico. Ogni abitazione sarà personalizzata per garantire emozioni e sensazioni uniche ai turisti che frequenteranno Smerillo e che vorranno vivere un’esperienza esclusiva, a contatto diretto con la natura incontaminata”.

Smerillo sarà il primo Comune nelle Marche a proporre questo nuovo servizio. Sono poche le Regioni che, al momento, stanno portando avanti un progetto simile. Per ora si contano solo Piemonte e Toscana. Il piccolo Comune fermano, quindi, sarà pioniere per l'intero territorio marchigiano di questa innovati tipologia di turismo.

Un’idea quasi impensabile. Ma da dove nasce? “Sono sincero, tutto è venuto fuori da primo lockdown. Pensavo ad un tipo di turismo sostenibile che risaltasse i nostri luoghi e desse un nuovo modo di guardarli e di ammirarli. Siamo sempre abituati ad osservare queste bellezze dalla stessa angolazione, magari è arrivato il momento di cambiare sguardo – spiega Vallesi – inoltre, dopo l'emergenza covid, è cresciuta quella ricerca del luogo isolato e tranquillo, lontano dal caos della città, un luogo che permettesse di vivere quella serenità e pace tanto cercate. Credo che queste abitazioni siano perfette in questo senso".

Ad oggi, grazie all’intesa vincente tra Sindaco e Consiglieri, si è arrivati all’avvio della procedura di progettazione sperimentale che, partendo dallo studio preliminare, giungerà alla realizzazione dei primi esempi nel Comune di Smerillo.

Dal continuo confronto con gli Enti, nasceranno le prime linee guida per la costruzione regolamentata al fine di favorire lo sviluppo del turismo sostenibile in tutto il territorio regionale. L’iniziativa coinvolgerà anche la Regione Marche con l’assessore alla ricostruzione Avv. Guido Castelli che ne sta seguendo con interesse l’evoluzione.

Smerillo allunga la mano verso il futuro e si proietta in avanti con uno sguardo nuovo, magari da un balcone in mezzo a splendidi alberi, ammirando un panorama mozzafiato.