Sarà un festival all’insegna del sorriso: la XXXII edizione di Teatri del Mondo al via dall’11 luglio a Porto Sant’Elpidio

4' di lettura 19/06/2021 -

Burattini, il Contafavole, clownerie, teatro delle ombre, spettacoli circensi, otto degli spettacoli partecipano al premio Porto Sant’Elpidio città dei bambini e tutte le compagnie partecipano al premio Gianni Battilà che ha una giuria composta da settanta bambini; due spettacoli internazionali e quattro laboratori: sono questi i numeri e le attività del festival. Le location? Pineta Nord, Piazza Garibaldi, Villa Murri, Torre dell’Orologio e Piazza F.lli Cervi. I laboratori in programma ogni mattina in collaborazione con Libri in festa, Archi in Villa e il Centro Studio Osvaldo Licini, “per aprirsi ad altre realtà” come sostiene Cesanelli, sono dedicati alla musica, alla pittura, alla grafica e uno incentrato su esercizi di stile con David Conati.

“Dopo un festival incerto come quello del 2020 – esordisce il Sindaco Franchellucci – sono fiero di presentare un approccio di grande entusiasmo per la trentaduesima edizione, a favore di un festival che è sempre importante per tutti i ragazzi a livello teatrale e sociale”. Il Sindaco ringrazia coloro che hanno supportato economicamente il festival e quindi il Presidente Grilli e dottor Montevidoni in rappresentanza della Carifermo SPA e della Cassa di Risparmio di Fermo. Da tantissimi anni la fondazione Cassa di risparmio di Fermo partecipa come sostenitore perché “crediamo nella cultura e supportiamo coloro che fanno teatro per avvicinare i ragazzi alla crescita culturale” come afferma Montevidoni. “È un’esperienza che dura da un terzo di secolo, e quando le cose durano così tanto vuol dire che c’è sostanza”, con queste parole il presidente Grilli sostiene il festival, assicurando ogni anno e per gli anni a venire la propria presenza. “Questo evento comunica alle nuove generazioni la voglia di ripartire e incoraggia verso un futuro più culturale”, afferma. Anche l’UNICEF patrocina la manifestazione in quanto come organizzazione “tenta di formare i cittadini di domani consapevoli dei propri diritti – come sostiene la responsabile Marina Vita – supporta il festival che già dalla sua nascita era all’avanguardia e oggi si riconferma come bisogno di riaprire le relazioni con altri bambini”. Ogni anno da tanti anni il Festival viene ospitato a Porto Sant’Elpidio in primis, proprio dov’è nato, e ormai forse lo si dà per scontato nel cartellone dell’estate: “Non diamo per scontato il festival” è l’appello che emerge da parte degli organizzatori, detto affinché si valuti il lavoro che c’è dietro ad ogni edizione come qualcosa di faticoso, impegnativo e importante prima di essere appagante come risulta una volta ultimato. Per agevolare tutti nel periodo post pandemia il prezzo dei biglietti rimane invariato anche quest’anno (3 euro in vendita presso Villa Murri e su liveticket).

La nuova edizione di Teatri del Mondo vede rinnovata la collaborazione con Lagrù e la direzione artistica di Oberdan Cesanelli, nonché quella con AMAT, che offre lo spettacolo di Nando e Maila (11 agosto in Piazza Garibaldi) perché, come sostiene Carlotta Tringali, “il lavoro svolto da Lagrù è un bellissimo lavoro di attenzione alle famiglie, come AMAT regaleremo uno spettacolo che è ideato e realizzato proprio da una famiglia”.

“Il lavoro fatto finora è stato preciso e puntiglioso – racconta l’assessore alla cultura Luca Piermartiri – lo scorso anno il festival non era scontato eppure ci siamo riusciti. Quest’anno siamo ancora qui, a vedere finalmente la fine di un tunnel fatto di difficoltà”. Quest’anno la cultura ha cercato di sopravvivere online, anche grazie alle iniziative svolte dall’Assessorato alla cultura, ma è il momento di tornare a vedersi, d’altra parte Porto Sant’Elpidio è città amica dei bambini e delle bambine ed è giusto che siano loro i protagonisti di un’estate all’insegna della cultura dal vivo.

Dall’11 al 17 luglio saranno 24 gli spettacoli a Porto Sant’Elpidio ma in totale 37 saranno in totale sparsi anche nei Comuni limitrofi e per I Teatri del Mondo alla ribalta saranno i Comuni di Macerata e Monte Urano a fare da apripista. Loretta Morelli, assessore alla cultura di Monte Urano ha voluto fortemente far parte del festival: “La collaborazione tra Comuni non è scontata perché ogni Comune sembra volersi tenere i suoi tesori, mentre in questo caso il Festival si è allargato a chi voleva accoglierlo”; a Monte Urano gli spettacoli si svolgeranno in via Patrioti il 7, 8 e 9 luglio. Gli altri Comuni sono Servigliano (18 luglio) Moresco (23 luglio) e Monte Rubbiano, la cui consigliera comunale Beatrice Mancini afferma: “credo che i bambini abbiano bisogno di farsi una risata, ecco perché accogliamo con entusiasmo i due eventi del 24 e del 25 luglio”.

Non mancheranno i fedelissimi Cris e Pino, mascotte del festival, e nemmeno il manifesto dedicato alla XXXII edizione, disegnato dall’illustratore e grafico Corrado Virgili, che rappresenta un personaggio fatato al galoppo su di un pesce-destriero diretto verso un nuovo regno, e a guardarlo bene sembra proprio dirci: “siate pronti, la fantasia sta tornando in città”


di Marina Mannucci
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 19-06-2021 alle 14:30 sul giornale del 20 giugno 2021 - 430 letture

In questo articolo si parla di spettacoli, articolo, marina mannucci

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7MN





logoEV