Raccolta differenziata: la provincia di Fermo mette a segno un 69,66%. 32 comuni su 40 superano la soglia del 65%

2' di lettura 18/06/2021 - Dati positivi, quelli della raccolta differenziata, nella provincia di Fermo. Positivo non è solo il 2020, come ha sottolineato il vice presidente Pompozzi: bene, infatti, è andata da sei anni a questa parte.

69,66% è il dato del 2020, in linea con la media regionale, partendo dal 49,26% del 2013. «Numero da leggere tenendo conto di due aspetti - precisa Pompozzi. Questo territorio, nel corso degli anni, ha sopperito alle esigenze di Pesaro, Ancona, Macerata e Ascoli. Inoltre, se guardiamo al 2013, possiamo affermare che partivamo anche con un certo svantaggio: eravamo di 11 punti percentuali indietro rispetto alla media regionale, pur avendo ottime prestazioni come produzione pro capite» dice.

Dal 2013 al 2020, dal -11% il fermano è arrivato al -1% rispetto alla media regionale. «Abbiamo recuperato tantissimo, riuscendo a raddoppiare la riduzione di consumo pro capite. Dal 2019 al 2020 abbiamo ridotto la produzione pro capite di 55 kili annui» afferma. Bravi sono stati i cittadini e le varie amministrazioni comunali. «A superare la soglia del 65% sono stati ben 32 dei 40 comuni della provincia di Fermo, ma comunque gli altri 8 non presentano situazioni affatto preoccupanti» conclude il vice presidente, annunciando la chiusura, per inizio autunno, della pianificazione d’ambito. Differenziare sì, ma bisogna farlo bene «L’obiettivo è il recupero del rifiuto. Se riusciamo a differenziare bene il rifiuto lo rendiamo meglio recuperabile, ed è difficile. Non solo i cittadini ma anche i produttori dei beni devono fare la loro parte» dice Fausti, dirigente del settore ambiente della Provincia di Fermo, evidenziando l’impegno dell’Ata anche sul fronte delle tariffe. «Stiamo lavorando per una tariffa uniforme, come è per l’acqua» conclude.


di Benedetta Luciani
redazione@viverefermo.it





Questo è un articolo pubblicato il 18-06-2021 alle 12:30 sul giornale del 19 giugno 2021 - 198 letture

In questo articolo si parla di attualità, articolo, Benedetta Luciani

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b7FF





logoEV
logoEV
logoEV