Porto San Giorgio, semaforo rosso: trasgressore condannato. Popolizio: "Inoltre non si deve cambiare corsia per approfittare del verde della corsia accanto"

1' di lettura 22/05/2021 - "Voler a tutti i costi sostenere la legittimità della violazione del rosso può costare caro. È quanto accaduto ad un trasgressore sangiorgese che nel 2017, non pago di aver violato il rosso fisso, soccombe in primo grado davanti al Giudice di Pace e poi, caparbiamente, si avventura in Tribunale con un appello infarcito da innumerevoli motivi di illegittimità".

Così il dirigente Affari legali, avv. Carlo Popolizio che spiega: "Grazie alla difesa dell’avv. Michelangelo Giugni, il Comune di Porto San Giorgio ha smontato uno ad uno gli otto motivi confermando la legittimità del procedimento ed il verbale dei vigili".

E’ del 20 maggio 2021 la sentenza del Tribunale di Fermo che rigetta l’appello e condanna il trasgressore a pagare anche cospicue spese di soccombenza. "Inoltre, sempre sul tema, attendiamo fiduciosi - dice Popolizio - gli esiti di diverse impugnazioni promosse dal Comune contro l’intollerabile, per quanto pericoloso, comportamento di quegli automobilisti che, fermi, sulla corsia di svolta a sinistra, con semaforo rosso, improvvisamente decidono di proseguire dritto tagliando la strada al veicolo posto sulla corsia di destra. Il messaggio che non può, e non deve, assolutamente passare, ed è per questo che sono state impugnate le illegittime sentenze del Giudice di Pace, è che non si può cambiare corsia per approfittare del verde della corsia accanto, mettendo a serio rischio l'incolumità propria e di tutti gli altri automobilisti coinvolti nell’incrocio".






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 22-05-2021 alle 12:55 sul giornale del 23 maggio 2021 - 1035 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto san giorgio, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/b38P





logoEV
logoEV
logoEV