A San Ruffino tornano di moda le vele. 15 e 16 Maggio week-end con le Regate al Lago.

4' di lettura 11/05/2021 - 11 edizioni di successi tra sport, imbarcazioni, equipaggi e le bellezze del territorio al primo posto. Due Province coinvolte, sei i Comuni che si daranno battaglia sul Lago dorato. Prodotti tipici e degustazioni a fare da contorno. Castori: “Nonostante il covid, non abbiamo mai pensato di fermarci. È una manifestazione troppo importante per il territorio”.

Un evento unico nel suo genere. Le vele in montagna. Si, avete letto bene. Una regata nel bel mezzo del paesaggio montano. Torna una manifestazione storica e tra le più seguite dell’Alto Fermano. Tornano “Le Vele di San Ruffino – Regate al Lago”.

Dopo l’edizione 2020 rinviata per covid e poi svoltasi nel mese di settembre, anche quella di quest’anno era stata messa a rischio dalla pandemia. Infatti, come da tradizione, si sarebbe dovuta svolgere intorno al 25 Aprile, ma le norme anti-covid erano ancora stringenti, così è stata posticipata a questo week-end, il 15 e 16 Maggio.

Adesso non ci sono dubbi, le vele torneranno a San Ruffino e il Lago sarà di nuovo protagonista. Questa sarà l’11esima edizione di un evento cresciuto molto negli ultimi anni, dapprima visto come una novità assoluta, poi col tempo diventato un appuntamento fisso per appassionati di vela e per i tanti turisti che visitavano la zona montana.

Sport, regate, bellezze in vetrina e territorio. Come sarà l’edizione 2021? “Per certi aspetti sarà un’edizione diversa dal solito, ma ci aspettiamo il successo degli scorsi anni – afferma l’organizzatore Stefano Castori – ci dedicheremo soprattutto allo sport e alle competizioni. Attraverso queste componenti cercheremo di valorizzare il territorio e le sue tante bellezze, come abbiamo sempre fatto”.

Una manifestazione che, ogni anno, ha richiamato interessati ed appassionati non solo dalla Provincia di Fermo, ma anche da tutta Italia: “Siamo stati i primi a creare questo genere di eventi in montagna. All’inizio sembrava impensabile, ma abbiamo avuto ragione. Le vele al Lago non solo erano una novità che incuriosiva, ma allo stesso tempo erano il veicolo per valorizzare queste zone. Attraverso le Regate molti visitatori e turisti hanno conosciuto il territorio, le sue tante bellezze e i Comuni limitrofi. Suscitare l'interesse dei media nazionali è stata una bella soddisfzione".

Come si svolgerà questa 11esima edizione? “Il programma è molto simile a quello dell’America’s Cup. Si parte sabato alle ore 14.00 con le prime gare. Il tutto si svolgerà con match race doppi, due il sabato e due la domenica – spiega Castori - a gareggiare saranno sia equipaggi guidati da esperti, sia vele capitanate da ragazzi di diverse età. Le imbarcazioni che vedremo saranno di due tipologie, le lightning dalla lunghezza di 8 m per i professionisti e le optimist per i più piccoli. La giornata di domenica si aprirà alle ore 10.00 con le gare conclusive e poi nel pomeriggio ci sarà la premiazione”.

Come da tradizione, ogni equipaggio sarà assegnato ad uno dei sei Comuni organizzatori, ovvero Amandola, Smerillo, Montefalcone, Santa Vittoria, Penna San Giovanni e Monte San Martino. Uno solo, quindi, sarà il Comune che vincerà.

Tra protocolli e norme da rispettare, l’obbiettivo è sempre la valorizzazione del territorio: “Com’è giusto che sia avremo molte regole da seguire. Abbiamo dovuto fare diverse modifiche rispetto agli scorsi anni. In questa edizione non ci sarà il classico mercato-esposizione di artigianato e prodotti tipici, le norme non lo consentono. Allo stesso tempo, la premiazione si svolgerà all’interno della sala del Ristorante Vecchio Moro. Non mancheranno, però, la degustazione dei tanti prodotti tipici che offre questo territorio. Presso i ristoranti nei pressi del Lago, sarà possibile assaggiare piatti dedicati”.

Una manifestazione molto seguita, ma difficile da organizzare in piena pandemia? “Si questo è vero. Non è stato semplice. Oltre alle autorizzazioni da chiedere ai vari Comuni che si affacciano sul Lago, abbiamo dovuto preparare protocolli che venissero accettati anche dalle due Province nelle quali si trova il Lago, Macerata e Fermo – sottolinea Castori – come la scorsa edizione, è stato complicato organizzare il tutto, ma non abbiamo mai pensato di fermarci. Prendersi un anno di pausa, vorrebbe dire far finire la manifestazione. Le Vele di San Ruffino sono un evento davvero importante per questo territorio ed era giusto continuasse”.

Intesa totale con le Amministrazioni e le Associazioni locali: “Il successo di questo evento passa anche dalla collaborazione con i Comuni. La collaborazione dei Sindaci è stata fondamentale e ci tengo a ringraziarli. Un grande grazie va anche alle Associazioni del luogo”. Questo week-end, quindi, appuntamento al Lago di San Ruffino. Le vele tornano in montagna.










logoEV