Amore, paure e l’occasione giusta. “E’ successo così che mi hai salvata”, il romanzo di Sofia Giacomoni.

5' di lettura 28/04/2021 - La scrittrice di Falerone presenta la sua nuova opera. “Un libro che in realtà è un viaggio nella vita di ognuno”. Scritto da Sofia durante il lockdown, è uscito in questi giorni. “Una storia per chi ha il coraggio di credere nei propri sogni. Voglia di riscatto, paura di fallire e la forza di salvarsi a vicenda. “Per chi lotta e si fa trovare pronto, l’occasione giusta arriva”.

Una passione infinita per la scrittura, condita dallo sconfinato amore per i libri. Quel desiderio sempre vivo di raccontare agli altri i suoi pensieri e attraverso quelli ispirare e magari aiutare. Questo e molto altro è Sofia Giacomoni, giovane scrittrice di Falerone, che ha da poco pubblicato il suo secondo romanzo, “E’ successo così che mi hai salvata”.

Laureata in Teoria, culture e tecniche del Servizio Sociale, per Sofia si tratta della sua seconda opera, infatti nel 2017 Sofia aveva esordito con “Vorrei ripartire dalla felicità”, un romanzo incentrato sull’anoressia.

Il suo nuovo lavoro è uscito proprio in questi giorni: “A dire il vero hanno finito di stampare il libro proprio ieri, alcune copie sono ancora negli scatoloni – esordisce la giovane scrittrice – da oggi inizio la promozione con la mia casa editrice e cercherò di pianificare le varie presentazioni”. Una campagna promozionale, che, per il momento, sarà soprattutto digitale, ma appena ci sarà la possibilità Sofia vuole incontrare i lettori.

Andando in medias res, di cosa tratta questo tuo nuovo romanzo? E perché proprio “E’ successo così che mi ha salvata”? «Il titolo fa eco ad una frase inserita nel libro, che compare negli ultimi capitoli. Non posso scendere molto nel dettaglio per evitare spoiler. Diciamo che con queste parole ho volute richiamare quella forza che ci spinge a salvarci a vicenda – spiega Sofia – in sintesi, il romanzo racconta la storia di Maddalena ed Emanuele, due artisti che scelgono di andare a Parigi e scommettere su se stessi, credendo fermamente nel desiderio di riscatto. Tra sogni da realizzare e paura di fallire, Maddy e Manu vivranno dinamiche simili. A guidarli saranno complicità, passione, incomprensioni, solitudine e la forza di appoggiarsi l’uno all’altra. Entrambi i protagonisti vivranno un percorso ricco, fatto di cadute e riprese, fino a compiere quel cambiamento decisivo che spesso la vita richiede, attraverso un incontro importante”.

E come nasce una storia così? “Non saprei dare una data di nascita precisa a questo romanzo. L’idea iniziale è venuta rileggendo il diario del mio viaggio a Parigi. Per due mesi sono stata in Francia come ragazza alla pari e com’ è mio solito, ho appuntato e raccolto impressioni e pensieri sul mio taccuino – sottolinea Sofia – poi, durante il lockdown, ho deciso di riordinare il tutto e da lì è nato il romanzo”.

Scrivere, quindi, ti ha aiutato ad affrontare quel difficile momento? “Assolutamente si. La scrittura è stata una liberazione per me. Era una distrazione fondamentale nelle mie giornate. La fantasia mi ha permesso di volare altrove, in un altro mondo dove non c’era paura, ma solo coraggio e sogni da realizzare. Fuori dalla finestra una pandemia, ma dentro la mia camera e dietro un PC, parole di vita semplice e di normalità prendevano forma. Prima di tutto, questo libro è stato un mio amico in quei mesi difficili. Ho raccontato questa storia per me, per aiutarmi ad affrontare quel periodo e spero che possa raggiungere il cuore di molti”.

E da dove viene la tua grande passione per la scrittura? “Ce l’ho sempre avuta. Fin da piccola amavo inventare storie e fantasticare. Per me è più facile relazionarmi scrivendo, perché riesco ad esprimere meglio il mio pensiero e cosa voglio trasmettere all’altro”.

Cosa pensi di trasmettere ai lettori con la tua nuova opera? “Di sicuro vorrei lasciare loro qualcosa di buono, qualcosa che, una volta chiuso il libro, rimanga impresso nella mente e nel cuore. Spero che il romanzo sia di aiuto per affrontare la vita che spesso non va nel verso che vogliamo e sia un monito che spinga il lettore a credere nei propri sogni. Vorrei far passare il messagio che a volte è necessario lasciarsi alle spalle il passato e abbandonare quelle catene che ci bloccano, per ripartire con più slancio, perchè l'occasione giusta arriva sempre – afferma Sofia – poi è ovvio, ognuno quando legge mette in quella storia sempre qualcosa di nuovo, è come se il lettore riscriva logni volta con occhi diversi”.

E quanto c’è della Sofia scrittrice nella vita dei protagonisti? “Difficile da dire. Potrei dire molto, ma allo stesso tempo mi verrebbe da dire nulla, perché con i miei personaggi ho un rapporto di amore e odio, un po' ci litigo, un po' li ammiro. Certo, nelle loro vicende c’è un pizzico della mia esperienza personale e del mio percorso, ma allo stesso tempo anche i lettori possono rispecchiarsi in queste storie”.

E Sofia cosa vorrebbe fare da grande? “Essere una scrittrice a tempo pieno sarebbe un sogno. Al momento cerco di tenere i piedi per terra e vivere giorno per giorno. Cerco di alternare il mio lavoro con la passione per la scrittura, che non mi abbandona mai. L’ispirazione arriva in ogni momento, basta avere con se un buon taccuino”.

Un romanzo per ogni età. Una storia che affronta temi profondi attraverso personaggi all’apparenza semplici, ma nei quali è possibile rispecchiarsi a pieno. Il libro è già disponibile online nel sito Leucotea.it e a breve sarà possibile trovarlo nelle librerie delle Province di Fermo e Macerata.








Questo è un articolo pubblicato il 28-04-2021 alle 20:29 sul giornale del 29 aprile 2021 - 1284 letture

In questo articolo si parla di cultura, storia, parigi, libro, presentazione libro, Comune di Falerone, racconti, scrittrice, romanzo, rilancio, librerie, Personaggi, Diario, articolo, alto fermano, lockdown, ripartenza, protagonisti

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bZV6





logoEV
logoEV
logoEV