Fermana, il sogno playoff sfuma all'ultimo secondo

3' di lettura 25/04/2021 - FERMO - Il palo e un gol di De Marchi in pieno recupero negano alla Fermana la possibilità di sognare ancora i play-off e portano la seconda sconfitta casalinga consecutiva (0-1) nella gestione di mister Cornacchini. Una chiusura amara sul proprio terreno di gioco, difatti quella di oggi era l'ultima partita casalinga stagionale, domenica prossima a Legnago si disputerà l'ultima di campionato che assumerà valore solo per i veneti.

Il traguardo importante per i gialloblù era la salvezza, è stato raggiunto domenica scorsa, e non era per nulla scontato considerando come era cominciata la stagione.

Contro la Virtus Verona Cornacchini, come già preannunciato, ha fatto giocare chi è sceso in campo di meno nel corso del torneo, dal 1' Massolo tra i pali e Cremona in attacco, confermando il 4-3-3 già visto col Feralpisalò in casa due settimane fa.

Primo tempo equilibrato, ripresa a ritmi più alti con protagonista la Fermana in particolar modo Boateng che ha due grosse occasioni, la prima neutralizzata dal portiere Sibi e la seconda dal palo.
Quando tutto faceva credere ad un finale sullo 0-0, arriva il gol di De Marchi con un tiraccio dalla distanza a seguito di un'azione che provoca le proteste dei gialloblù. Palla al centro e nel giro di pochi secondi Neglia ha l'occasione per pareggiare ma subito dopo arriva il triplice fischio arbitrale.

Arrivederci al Bruno Recchioni al prossimo campionato di serie C 2021/22.
Sarà il quinto consecutivo di serie C (e nono in assoluto) della gestione di patron Maurizio Vecchiola, e anche questo era tutt'altro che scontato
ricordando le condizioni (drammatiche) in cui si trovava la società Fermana Calcio nel biennio 2011-2013, cioè prima dell'arrivo dell'attuale patron, quando in una disperata conferenza stampa capitan Dario Bolzan disse che mancava anche la carta igienica; non era scontato guardando in quali categorie si trovano a giocare da alcuni anni squadre che rappresentano città importanti della nostra regione (Ancona, Maceratese, Civitanova, Jesina, Vigor Senigallia) e pensando a quello che sta rischiando in questi giorni un club blasonato come la Sambendettese che la prossima settimana potrebbe essere dichiarato fallito (sarebbe la quarta volta negli ultimi 15 anni).
I tifosi tutto questo lo sanno benissimo e lo striscione che appare sotto alla Curva Ovest dello stadio di Fermo lo dimostra (vedi foto).

FERMANA (4-3-3): Massolo; Manzi, Bonetto, Scrosta, Sperotto (41' st Palmieri); Urbinati, Graziano (24' st D'Anna), Grbac (8' st Iotti); Neglia, Boateng, Cremona (8' st Cais). A disp. Colombo, Manetta, Rossoni, Mosti, Grassi, Fabris, Bigica. All. Giovanni Cornacchini.

VIRTUS VERONA (4-3-1-2): Sibi; Daffara, Visentin, Pellacani, Amadio (28' st Delcarro); Lonardi, Cazzola, Danieli (36' st De Rigo); Danti; Pittarello (28' st Arma), De Marchi. A disp. Giacomel, Chiesa, Pinto, Mazzolo, Pessot, Paloka, Carlevaris, Marcandella, Bridi. All. Luigi Fresco.

ARBITRO: Adolfo Baratta di Rossano; ass. Ivan Catallo di Frosinone e Franck Loic Nana Tchato di Aprilia; quarto ufficiale di gara Marco Russo di Torre Annunziata.

RETE: 47' st De Marchi

NOTE: ammoniti Urbinati, De Rigo. Recupero 0'+4'.




Paolo Bartolomei


Questo è un articolo pubblicato il 25-04-2021 alle 23:07 sul giornale del 27 aprile 2021 - 346 letture

In questo articolo si parla di sport, paolo bartolomei, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bZqG





logoEV
logoEV