“Il mondo di sotto”, di Luigi Finucci

3' di lettura 17/04/2021 - Ho qui, davanti a me, i suoi libri. Poesie e racconti. L'ultimo, di questi giorni, s'intitola Il Mondo di sotto, Giaconi editore. È il mondo dell'acqua dove, «come nello spazio, nell'acqua si può volare, si può restare in silenzio e si può fantasticare». L'acqua: elemento vitali ed elemento di libertà. Luigi Finucci, 37 anni, è fermano. Da otto scrive. Quest'ultimo lavoro è un volume per ragazzi, diviso in 17 filastrocche, ma non per questo inadatto agli adulti. Anzi..

«L’ho vista per caso da quel vetro, stavo lì, - è l'incipit - a quasi un metro, era pieno di gente, tutta felice, sembrava un quadro con una cornice tutta azzurra e cristallina, mi ha detto la mamma “È una piscina!”. Cos’L’hoè quella cosa che fa gli schizzi? Quando ci cadi non si fa a pezzi. È l’acqua, che strano elemento come la terra o come il vento? Senza di lei non c’è la vita, se l’afferri scivola, tra le dita, acqua di fiume, acqua di mare voglio imparare proprio a nuotare, acqua leggera, acqua che scorre come un salmone che all’indietro percorre, ecco che sogno di andare in quel mondo, di starci un giorno o almeno un secondo, esser felice come quella gente entrare in acqua, finalmente». Ma perché l'acqua? Perché è l'esperienza diretta dell'autore. Finucci lavora come coordinatore e istruttore di una struttura natatoria del Fermano (Q- Bo Wellness) ed è insegnante della Federazione Italiana Nuoto. Una professione, una passione, ma anche un modo di educare i bambini. Perché a loro si rivolgono le filastrocche che hanno come filo rosso la storia di un ragazzino che per la prima volta – spiega Finucci – entra in contatto con l'acqua, «e tutte le sue paure si dissolvono grazie al maestro – occorre sempre un maestro – che lo incoraggia a superarle, senza spingerlo però alla competizione esagerata, e grazie al gruppo di compagni, e grazie, ancora, alla famiglia pronta a supportarlo, e ad ascoltare i suoi entusiastici resoconti di “pesciolino”». Tra il 2013 e il 2018 ha pubblicato L'ultimo Uomo, Giaconi Editore; Le prime volte non c'era stanchezza, Eretica Edizioni, e Canto dell'attesa, Ladolfi Editore. Dal 2015 ha iniziato con i libri per bambini sempre con la Giaconi, tra cui L'aspirante Astronauta e Il paese degli Artigiani. Il nuovo libro è illustrato da Beatrice Finucci e Federico Appoggetti.

In apertura, le prefazioni di Paolo Barelli, presidente della Federazione Italiana Nuoto, Fausto Aitelli, presidente regionale F.I.N., e Piero Falzetti, coordinatore S.I.T., e comitato regionale Marche F.I.N.




adolfo leoni


Questo è un articolo pubblicato il 17-04-2021 alle 17:37 sul giornale del 18 aprile 2021 - 210 letture

In questo articolo si parla di adolfo leoni

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bX8X