Di Ruscio (FdI): "Occorre discontinuità col passato. La sanità è una priorità, ora non si peschi dal solito mazzo di carte"

2' di lettura 13/04/2021 - "Da ex Sindaco della Città di Fermo e da politico iscritto a Fratelli d’Italia – quinto candidato più votato tra i 180 presenti nelle liste del Centro Destra alle ultime elezioni regionali con 3939 voti - radicato fortemente nel territorio fermano alla luce della gravità e dell’urgenza della situazione attuale non posso rimanere in silenzio".

Così Saturnino Di Ruscio dopo le dimissioni del direttore di Av4 Livini, affermando come il Fermano presenti rilevanti problematiche la cui colpa va imputata in primis alla classe politica. Le elenca:

- Confindustria sta deflagrando con ripercussioni che si sentiranno nei prossimi anni;

- Segnali di rottura si avvertono anche da Confagricoltura;

- La sanità fermana, come è ormai riconosciuto da tutti, è ridotta ai minimi termini, dietro il miraggio del nuovo Ospedale.

"Oggi - dice l'esponente di Fratelli d'Italia - raccogliamo i cocci di venticinque anni di governo di centro sinistra ma il centro destra, oltre a denunciare le mancanze dei precedenti governi, non può tirarsi indietro da questa situazione. I miei 3.939 elettori di questo territorio stanno aspettando un reale cambiamento di passo che disegni nuovi equilibri per il territorio fermano nella geografia politica regionale e non una restaurazione analoga al Congresso di Vienna del 1815. In maniera provocatoria mi sono rivolto ai vertici del partito per rivestire il ruolo di Commissario Straordinario dell’Area Vasta 4 in attesa che venga individuata una nuova figura di alto profilo. Ovviamente in maniera provocatoria.

Va dato ora più che mai un segnale di discontinuità con il passato, pertanto andare a pescare nel solito “mazzo di carte”, non è proprio il caso, nonostante l’emergenza.

In questo quadro complesso, si delineano già le prossime sfide da affrontare con urgenza, per la leadership del centro-destra nella Provincia di Fermo:

-la Sanità in maniera prioritaria;

-le Infrastrutture (Mare-Monti-Mezzina);

- la bonifica e la gestione del territorio;

-la ricostruzione del tessuto socio-economico .

Se il Centro-Destra si accontenterà di gestire l’ordinaria amministrazione invece di promuovere e realizzare l’auspicato cambiamento, la responsabilità sarà chiara per tutti. Come molti sanno, non cesserò mai di denunciare le problematiche di questo territorio unitamente alle sue potenzialità di crescita.

In una visione etica della politica - conclude - giova qui ricordare quanto detto da G. Almirante “Se un ladro ruba, merita il carcere. Se ruba uno dei nostri merita l’ergastolo”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 13-04-2021 alle 17:04 sul giornale del 14 aprile 2021 - 327 letture

In questo articolo si parla di politica, fermo, saturnino di ruscio, di ruscio, comunicato stampa, livini

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bXjk





logoEV
logoEV