A tutta scena!

4' di lettura 28/03/2021 - Idee per l'animazione teatrale nella scuola primaria e secondaria di primo grado.

Gianmarco Cornolti insegna francese all'I. C. di Gorlago (Bergamo). Autodidatta con la passione per la scena, adora organizzare laboratori di teatro a scuola.

Da cosa deriva questa tua passione per il teatro?
La mia più che una passione per il teatro è una passione per la comunicazione tutta, declinata nei vari mezzi e con le varie tecniche possibili: scrittura, audiovisivo, televisione, tecnologia digitale, teatro. Ho iniziato a recitare sin da piccolo e il mio percorso è stato perlopiù da auto-didatta. All’epoca il modello televisivo mi stregava; tuttavia, non sono mai stato un fruitore passivo dei mezzi di comunicazione: ho sempre voluto creare, mettermi in gioco, studiare (non conto quanti libri ho letto sulla televisione!!). Ecco lo sguardo critico, di quello che vuole sapere cosa ci sta dietro, come funziona, che guarda tutti gli aspetti tecnici, da regista, mi ha sempre, fortunatamente, accompagnato. Nel 2010, appena laureato, iniziai a trasformare in lavoro quello che per tanti anni avevo svolto come gioco all’oratorio: l’animazione teatrale. E così, in parallelo allo studio di libri specifici (che sono anche parte della mia bibliografia) ideai e realizzai dei laboratori alla scuola primaria. Oggi, a distanza di dieci anni, continuo a promuovere il teatro nella scuola “media” cercando di far emergere negli alunni il potenziale umano, creativo, espressivo che è in loro e che spesso, in classe, nella routine-disciplinare, resta sopito. Ma se posso fare questo con amore e dedizione è perché trovo sempre sul mio cammino delle persone affini che completano “la mia follia”. Dico quindi grazie a Marilisa Gusmini e a Donatella Lecchi che impreziosiscono il mio amore per la comunicazione.

Come ti è venuta l'idea di scrivere questo libro?
Perché in questo periodo di pandemia, ricco di sacrifici emotivi e materiali, ho avvertito il bisogno di trovare un senso al mio agire e, il fatto di mettere nero su bianco “un capitolo” della mia esperienza professionale, mi sembrava un’ottima occasione per proseguire quella comunicatività di cui mi sento portatore. Ho pensato che qualche collega che vuole utilizzare il teatro con i suoi alunni potesse trovarvi degli spunti interessanti, e poi ho pensato al “me” di dieci anni fa, esordiente nel mondo dell’insegnamento e bisognoso di una bussola. Insomma, in una parola, uno spirito di condivisione. Ed è anche un gridare “Viva il teatro”, in un momento in cui quest’arte soffre così copiosamente. Cosa non è? Chiariamolo subito! Non è un romanzo dalla trama avvincente che ti regala suspense né tantomeno un trattato cervellotico sul teatro e sulla sua valenza formativa. È un manuale che promette emozioni nel momento in cui lo si mette in pratica nella magica dimensione del “fare teatro a scuola”.

Come lo definiresti?
È una guida che parte da alcune mie riflessioni personali sulla figura dell’animatore teatrale paragonata a quella di docente, per poi fornire strumenti utili per organizzare un vero e proprio laboratorio di animazione con gli alunni della scuola primaria.

A chi si rivolge?
È un libro per quegli insegnanti che amano il teatro ma non hanno mai avuto il coraggio di cimentarsi con i loro alunni. È per gli educatori che pensano che il teatro sia un valido strumento didattico-pedagogico per crescere, prima di tutto, come persone. È per i miei colleghi che già fanno teatro e vogliono trasmettere questa passione ai loro studenti. Il testo è per la scuola primaria perché si presuppone che il cammino cominci dalla giovane età e per via della sua declinazione ludica. È, tuttavia, adattabile anche per la scuola di primo grado.

Cosa include?
Raccoglie sessanta esercizi propedeutici all’attività teatrale, tutti da me sperimentati negli anni, personalizzati e ricchi di suggerimenti, malgrado l’esperienza teatrale non possa mai ripetersi uguale a sé stessa per via di un materiale umano (alunni e animatori) che cambia ogni volta. Sono partito dall’assunto che una sessione di laboratorio di animazione sia suddivisa in diverse fasi. Gli esercizi-giochi sono classificati, quindi, per tipologia e presentano obiettivi generali e specifici da raggiungere.

Dove trovarlo?
https://www.amazon.it/tutta-scena-lanimazione-teatrale-primaria/dp/B08Y4LKH4Q
Disponibile anche su IBS e Mondadori store sia in versione cartacea che e-book.


di Michele Peretti
redazione@viverefermo.it







Questo è un articolo pubblicato il 28-03-2021 alle 15:35 sul giornale del 29 marzo 2021 - 1327 letture

In questo articolo si parla di cultura, teatro, bambini, didattica, guida, francese, gioco, attività, lettura per l'infanzia, passione, articolo, Michele Peretti, espressioni, scuola 2020

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bUQX

Leggi gli altri articoli della rubrica Espressioni





logoEV
logoEV
logoEV