Amandola, venerdì con #Futuropresente: una nuova stagione di fermento, un Patto per il Futuro.

4' di lettura 08/03/2021 - “Dopo anni passati a piangerci addosso e guardare con occhi sconsolati il mondo che scivolava lontano dai nostri borghi, finalmente si apre una grande stagione di fermento culturale, una stagione di opportunità e vita. Una stagione fatta di ambiente, di impresa sostenibile, di bio-distretti agricoli e turistici, etc. etc.“

Esordisce cosi il consigliere comunale delegato alla cultura Riccardo Tassi nel presentare le prime impressioni sulla rassegna #futuropresente organizzata dal Comune di Amandola.

Il festival non è ancora terminato, venerdì ci sarà la penultima serata con un ospite di eccezione, il Commissario Straordinario alla ricostruzione Legnini, eppure è già ora di tratteggiare il plus valore prodotto da un piccolo progetto formativo avviato per mantenere il contatto con la popolazione in occasione del primo lockdown nel marzo 2020.

“In quell’occasione avevamo l’esigenza di buttare un occhio sulla pandemia, sui risvolti sociali e psicologici delle persone, oltre a consentire agli Amandolesi di potersi ritrovare, seppure virtualmente, in un contesto amichevole che ci tenesse tutti uniti difronte a tematiche serie e stimolanti” sottolinea il sindaco Adolfo Marinangeli. “Da quelle prime puntate abbiamo subito capito la portata di cosa si stava delineando all’orizzonte e abbiamo voluto investire su un programma che ci permettesse di confrontarci con il resto della Nazione. Lo scopo era apprendere, noi Amministratori in primis, da chi ne sa molto più di noi. Direi che, ormai giunti quasi al termine del percorso, questo scopo è stato pienamente raggiunto. Usciamo da ormai 10 serate svolte ai massimi livelli nazionali, con ospiti che ogni sera ci hanno arricchito di idee. Siamo ormai prossimi a riassumere questo enorme patrimonio culturale in un progetto integrato plurisettoriale che possa rilanciare Amandola e i Sibillini”.

Futuro presente, infatti, non è solo una rassegna in cui discutere dei vari settori e delle loro evoluzioni, è anche un laboratorio di idee con lo scopo di far crescere il capitale umano. “Per questo abbiamo deciso di rendere pubblici gli incontri tenuti tutti dietro la direzione di giornalisti locali professionisti. Tramite le dirette facebook registrate è stato possibile renderli fruibili anche in asincrono. Lo scopo è quello di consentire alla popolazione di sentirle, risentirle e focalizzare i punti che più interessano. Per giorni ho ricevuto messaggi su puntate andate in onda tempo prima, segno che le persone seguono e hanno voglia di contribuire” sottolinea Tassi. “Abbiamo toccato molti settori e incontrato molti relatori di eccezionale competenza. Ci hanno lasciato spunti di riflessione che come semi dovranno germinare nel futuro, #futuropresente appunto. Penso si stia delineando un nuovo rinascimento delle Aree Interne. Ce l’hanno detto tutti in queste serate, l’orizzonte ci prospetta questo e dobbiamo essere all’altezza della sfida storica.

#Futuropresente ha toccato infatti molti ambiti in una sorta di percorso culturale politematico e incontrato molti ospiti illustri: Paolo Grigolli, Turismo; Laura Agretti, Turismo e Place Branding; Angelo Frascarelli, Agricoltura e Ambiente; Lucia Berdini, "Coaching"; Marco Bussone, Presidente nazionale UNCEM, amministrazioni pubbliche nelle aree interne ; Fabio Fraticeli, lavoro agile e IT; Fabio Renzi, Segretario generale di Symbola, aree interne; Christian Elevati e Angelo Davide Galeati, Presidente CARISAP, terzo settore e Co-progettazione territoriale; Roberto Canu, patrimonio artistico e valorizzazione digitale.

Rimangono le ultime due puntate, quella di venerdì con il Commissario straordinario alla ricostruzione Giovanni Legnini, per parlare di ricostruzione post sisma e l’ultima con Jacopo Muzina, cofondatore di Copernico Milano un grande Hub di coworking, con cui discutere di business e nuovi modelli per il lavoro.

“Dopo le ultime due puntate ci prenderemo qualche giorno di tempo e stenderemo quello che vorrei fosse un vero e proprio progetto di rilancio del territorio,” conclude il Sindaco Marinangeli “un progetto che unisca la società, le attività economiche e le istituzioni: un vero e proprio “PATTO per il FUTURO" che ci consenta non solo di superare la doppia crisi (terremoto e covid) ma di rilanciare. Amandola può farlo, ha gli strumenti ed il capitale umano. In questi anni ci siamo impegnati senza riserve per accrescere i servizi e rinnovare le infrastrutture, ora che sono ormai prossime a conclusioni dobbiamo rilanciare e far si che Nuovo Ospedale, Banda Ultra Larga, Housing sociale, Nuova viabilità, rete dei commercianti, Centro Commerciale Naturale, stagione turistica, montagna e altre innumerevoli iniziative faticosamente realizzate fungano da supporto per una ripresa sociale ed economica potente e duratura. Ci crediamo sempre di più e per questo lavoreremo nei prossimi giorni per questo #Futuropresente. Per ora sono solo sogni, idee e progetti, anche se molto prossimi a prendere forma.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 08-03-2021 alle 14:44 sul giornale del 09 marzo 2021 - 255 letture

In questo articolo si parla di attualità, amandola, Comune di Amandola, futuro, comunicato stampa, Legnini, presente

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bRzX





logoEV