Fermana in vantaggio a Fano, i granata in dieci pareggiano (1-1)

5' di lettura 07/03/2021 - FANO - Per Neglia arriva il 9° gol stagionale. Per Giovanni Cornacchini ancora non arriva, questa volta per poco, la prima vittoria esterna della sua gestione 2.0 sulla panchina gialloblù, giunta oggi alla 15° partita. Per la Fermana invece arriva quota 35 (di cui 15 punti grazie ai gol di Neglia) che significa salvezza ancora più vicina, sebbbene oggi fino ad un quarto d'ora dal termine i canarini erano a -4 dai play off.

25° incrocio della storia al Mancini di Fano. Derby combattuto, forse anche troppo, ma sin dai primi minuti è la Fermana a predominare nel possesso palla e nel gioco, la rudezza del Fano viene pagata dai granata che restano in dieci per 3/4 di partita. Prima fase tutta per la squadra canarina, ad inizio ripresa arriva il vantaggio con Neglia, mentre nel finale i fanesi sono riusciti a provarci di più e pareggiare con Scimia nonostante il giocatore in meno.
Nella Fermana out Iotti (positivo al covid da una decina di giorni), e i lungodegenti Comotto e Bigica, mentre per De Pascalis e Demirovic, operati ai legamenti crociati in settimana, campionato concluso; rientrano Boateng dopo i problemi muscolari e Manetta dalla squalifica.

CRONACA - Giovanni Cornacchini conferma il 4-4-2 che si trasforma all'occorrenza in 4-3-3 con lo spostamento di Neglia in attacco, oppure in 3-4-3 quando Mordini sale; meccanismo già visto più volte e che alla prova dei fatti è ben applicato dai giocatori. Sperotto va in panca e sull'out sinistro c'è appunto solo Mordini; in difesa rientra Manetta dopo la squalifica, resta Bonetto mentre Rossoni sale sull'out destro di centrocampo.
Uno schieramento più propositivo rispetto a quello delle ultime due partite e che porta subito i suoi frutti, tant'è che la Fermana va vicinissima alla segnatura dopo appena 7' con Mordini, la sua punizione è deviata dalla barriera sul palo, la palla è poi bloccata a Viscovo dopo alcuni pericolosi rimpalli. Due gol annullati per parte per fuorigioco (meno chiaro quello di Cognigni per la Fermana, ma Elevensport stranamente fa rivedere il replay solo di quello del Fano, che era più netto). Giornata sfortunata per Cognigni che dopo poco deve uscire per problemi, dentro Cais, la Fermana perde una importante sponda in avanti e un elemento che fa sempre la "guerra" con le difese avversarie, creando spazi per i compagni, anche se Cais non lo farà rimpiangere più di tanto.
La sfortuna è subito compensata dall'espulsione del granata Brero per fallo sullo stesso neo entrato Cais, giudicata una chiara occasione da gol (Brero era l'ultimo uomo prima di Viscovo). Poco prima della fine della frazione Cais in rovesciata vicino alla segnatura (palla alta) con Viscovo in uscita che si scontra con un compagno. Primo tempo combattuto e con molte interruzioni per infortuni, come dimostrano i 5' di recupero.

La ripresa si apre con tre sostituzioni, due nel Fano, ma quelle granata servono a poco perché arriva l'immediato vantaggio della Fermana con Neglia che, innescato da D'Anna, scende sulla destra e, dopo aver superato un avversario prima con una bella sterzata e poi con un dribbling, gonfia il sacco con il suo destro: 0-1. 9° centro stagionale in assoluto e 4° su azione per l'attaccante nato a Torino 30 anni fa che al quarto d'ora quasi si ripete con Viscovo che si immola. Fano fino a questo momento non pervenuto, Sperotto spinge sulla sua fascia e poco prima della mezz'ora un suo cross aspettava solo di essere deviato in rete da Cais e D'Anna. La prima vera occasione del Fano arriva al 31' della ripresa con una bella conclusione di Gentile da lontano che scende bene e sfiora il sette opposto; è solo il preludio del pareggio del Fano che arriva al 35' con Scimia: 1-1, concretizzazione di una crescita dei granata e di un evidente calo del gialloblù, che Cornacchini tenta di arginare con gli innesti di Grossi e Grbac, poi non succede quasi più nulla fino al 4' di recupero.

Sabato prossimo Fermana ancora in trasferta ad Arezzo per l'ultimo di questa serie di scontri salvezza, poi i gialloblù tornano al Recchioni a tamburo battente il martedì successivo nel big match contro la Triestina, avversaria di alta classifica.

A.J.FANO (3-5-2): Viscovo ; Cargnelutti, Brero, Bruno; Rodio, Gentile, Amadio (29' st Scimia), Marino (1' st Carpani), Paolini; Barbuti (29' st Montero), Nepi (1' st Ferrara; 12' st Flores Heatley). A disp. Meli, Santarelli, Busini, Martella, Monti, Sarli. All. Flavio Destro.

FERMANA (4-3-3): Ginestra; Bonetto (1' st Bonetto), Manetta, Scrosta, Mordini; Rossoni, Urbinati, Graziano (37' st Grbac), Neglia; D'Anna (34' st Grossi), Cognigni (28' pt Cais). A disp. Colombo, Massolo, Manzi, Mosti, Kasa, Grbac, Fabris, Palmieri, Boateng, Cremona. All. Giovanni Cornacchini

ARBITRO: Federico Fontani di Siena; assistenti di linea Marco Orlando Ferraioli e Marco Croce di Nocera Inferiore; quarto ufficiale Francesco Carrione di Castellammare di Stabia.

RETI: 1' st Neglia; 35' st Scimia

NOTE: Espulso 34' pt Brero (AJF); ammoniti Bruno, Bonetto ; corner 1-4; recupero 5'+4'.






Paolo Bartolomei


Questo è un articolo pubblicato il 07-03-2021 alle 17:06 sul giornale del 08 marzo 2021 - 115 letture

In questo articolo si parla di sport, calcio, fermana, paolo bartolomei, Pareggio, articolo

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bRtd





logoEV
logoEV