"Ciclo dei rifiuti, Biodigestori…..vediamoci chiaro!": l'iniziativa online della Cgil

2' di lettura 03/03/2021 - L’acceso dibattito scaturito alla notizia di un progetto per la realizzazione di un Biodeigestore anaerobico nella Valdaso, a scavalco tra le province di Fermo ed Ascoli Piceno, ha fatto maturare nel gruppo dirigente della Cgil di Fermo l’esigenza di fare chiarezza sulla vicenda.

Da qui l’idea di promuovere un iniziativa pubblica che, da una parte abbia un carattere didattico, dall’altra metta a confronto sensibilità diverse che in queste settimane si sono palesate.
L’iniziativa, dal titolo Ciclo dei rifiuti, Biodigestori…..vediamoci chiaro!, si svolgerà in modalità streaming venerdì 05 marzo dalle ore 21:15 e sarà possibile seguire la diretta tramite la pagina Facebook Camera del Lavoro Cgil Fermo o tramite il canale YouTube Cgil Marche.
Dopo un breve intervento introduttivo del Segretario Provinciale della Cgil Alessandro De Grazia, interverrà il Direttore Generale dell’Armpam Marche Giancarlo Marchetti che, in qualità di soggetto istituzionale superpartes, curerà la parte tecnico scientifica dell’iniziativa.
Dopo la parte “didattica” affidata all’Arpam, metteremo a confronto sensibilità diverse con gli interventi del Direttore Generale Legambiente Marche Marco Ciarulli e a seguire della Dirigente dell’Associazione per tutela e valorizzazione della Valdaso Tullia Costa. Le conclusioni verranno affidate al Segretario della Cgil Nazionale Emilio Miceli.
Auspichiamo che l’iniziativa di venerdì, possa essere l’occasione per aprire a livello provinciale e regionale un’attenta riflessione ed un confronto, che sia prima di tutto politico, sul tema del ciclo dei rifiuti e degli impianti per la gestione dei rifiuti.
Il progetto del Biodigestore anaerobico di Force, non è l’unico in cantiere, di sicuro ci sono altri 2 progetti al vaglio delle autorità competenti, uno a Fermo e l’altro a Torre San Patrizio, tre progetti d’iniziativa privatistitca, quindi fuori da una programmazione d’ambito, che avrebbe dovuto definire ed approvare l’ATA 4 ma, purtroppo, di questa programmazione non c’è traccia e non ci consola il fatto di essere in buona compagnia, visto che in nessuna delle altre province marchigiane è stato fatto.
Siamo fortemente convinti che la politica debba finalmente farsi carico di un tema cosi importante, sia sul fronte della programmazione d’ambito, sia su una corretta campagna d’informazione ai cittadini i quali, nella vicenda Valdaso, non sono stati adeguatamente coinvolti, formati ed informati.
La Green Economy non può essere solo un slogan, deve essere al centro dell’iniziativa politica a tutti il livelli, per costruire una nuova prospettiva di sviluppo economico, sociale, produttivo ed occupazionale, capace di cogliere anche le opportunità, che in tal senso, l’Europa mette in campo con i fondi del Recovery.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 03-03-2021 alle 11:29 sul giornale del 04 marzo 2021 - 183 letture

In questo articolo si parla di attualità, cgil, incontro, online, valdaso, biodigestore, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bQOt





logoEV