Aggressioni nei bus, Filt Cgil Fermo: "Attivare misure di sicurezza per passeggeri e lavoratori"

1' di lettura 24/02/2021 - Ennesimo episodio di violenza all’interno di un autobus dell’azienda pubblica locale Steat.

L’ultimo deprecabile episodio si è consumato ieri ai danni dei passeggeri del bus della Steat, nella tratta Porto San Giorgio-Lido Tre Archi. Gli autori sono giovanissimi, quasi tutti minorenni, e nonostante la presenza della vigilanza privata in servizio sui pullman Steat, non si è potuto evitare l’ennesimo atto di violenza all’interno di un bus. La Filt Cgil Fermo ha, da tempo, denunciato alla Prefettura questo fenomeno; in questo periodo di pandemia, sarebbe necessario potenziare i servizi educativi e sociali, soprattutto quando i minori mostrano segni di evidente disagio.

Allo stesso modo, per gli operatori front-line, siano essi conducenti di autobus o personale di bordo, addetti alla verifica dei titoli di viaggio o alla vendita e assistenza dei clienti, c’è la necessità di definire gli strumenti atti a contrastare e contenere il fenomeno delle aggressioni a tutela dei viaggiatori e delle lavoratrici e lavoratori del TPL attivando un tavolo di confronto con il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti, proponendo degli allestimenti per garantire livelli minimi di security sugli autobus.

La Filt Cgil ritiene indispensabile un’adeguata protezione posto guida attraverso porte anti-sfondamento, sistemi di chiamata di emergenza, video sorveglianza a circuito chiuso e dotazione di rilevamento satellitare su tutti i mezzi. Per questi motivi, proprio per contenere questo fenomeno di aggressioni di giovani e salvaguardare la salute e sicurezza dei lavoratori, sarebbe utile istituire anche un Osservatorio permanente dove istituzioni e sindacato possano trovare misure ad hoc per limitare questi episodi.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 24-02-2021 alle 18:53 sul giornale del 26 febbraio 2021 - 336 letture

In questo articolo si parla di attualità, autobus, aggressioni, filt, filt cgil, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bPKb





logoEV
logoEV
logoEV