La Fondazione Carisap al fianco delle giovani imprese. Sarà capofila per il Progetto Appennino insieme ad altri 3 enti.

3' di lettura 10/02/2021 - Sostegno per gli imprenditori under 40, valorizzazione del tessuto già esistente e creazione di reti. “Obbiettivo il rilancio dell’Appennino”. La Carisap sarà capofila insieme al Comune di San Romano in Garfagnana e Dynamo Social Valley. “Sviluppare soluzioni innovative e mettere a reddito il capitale naturale. La marginalità può diventare un'occasione di ripartenza”.

Prosegue senza sosta l’operato della Fondazione Carisap a favore della zona dell’Appennino e delle aree interne marchigiane. Questa volta a suscitare interesse è il nuovo “Progetto Appennino 2021”, promosso dalla Fondazione Edoardo Garrone e per il quale la Carisap sarà capofila insieme ad altri due enti.

Si tratta di un’iniziativa basata sulla nascita di nuove imprese, sul consolidamento e l’innovazione di quelle esistenti, attraverso percorsi di accelerazione e laboratori di rete, coinvolgendo tutte le dimensioni della comunità e creando progetti realmente condivisi e inclusivi.

Insieme alla Fondazione guidata dal Presidente Galeati, hanno manifestato interesse anche il Comune di San Romano in Garfagnana, in Provincia di Lucca e la Dynamo Social Valley nel pistoiese. Tutti e tre i partecipanti rappresenteranno diverse aree appenniniche ed hanno espresso la volontà di ospitare sul proprio territorio il modello di rilancio presentato dal Progetto Appennino.

Da anni ormai un punto di riferimento per la zona montana e i Comuni fermani e ascolani, la Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno si prodiga per la ripartenza del territorio dell’Adriatico e dell’area dei Monti Sibillini. Al centro del suo operato vi è lo sviluppo locale di una comunità fertile e sensibilizzata, mettendo al centro il dialogo costruttivo con pubblico e terzo settore e la volontà di rendere il territorio attrattivo per i giovani, grazie a formazione d’eccellenza e imprenditorialità. Per la candidatura al Progetto Appennino, saranno partner della Carisap l’Associazione Bottega Terzo Settore, l’Ashoka Italia e la Fondazione Ottavio Sgariglia Dalmonte.

Tre saranno le iniziative che compongono nello specifico il Progetto Appennino 2021: il Campus ReStartApp, destinato a 15 giovani aspiranti imprenditori under 40 in possesso di idee di impresa o startup nelle filiere tipiche dell’economia montana, un percorso di accelerazione per imprese locali e i laboratori di creazione di reti. Da oggi saranno avviate le valutazioni e a seguire si procedere con la selezione delle candidature.

Una Fondazione che crede in questo Progetto e punta a rilanciare le sorti del territorio Appennino: «Il 72% dell’area di riferimento della Fondazione Carisap è classificabile come “montana”. Una superficie ampia, ricca di storia e di cultura, abitata da una comunità operosa, forgiata dalle difficoltà, duramente provata dal sisma, ma pronta a ripartire con il Progetto Appenino – chiosa Angelo Davide Galeati Presidente della Fondazione Cassa di Risparmio – Stiamo lavorando per sviluppare soluzioni innovative e mettere a reddito il capitale naturale, imprenditoriale ed umano di cui è ricca la nostra terra. Questa è una nuova visione di intervento che pone al centro la persona, la comunità tutta nella sua propensione all'intraprendere, nel cercare di migliorarsi e migliorare il proprio benessere, affinchè la marginalità possa diventare un'occasione di ripartenza, anzi di "nuova partenza" e di "nuova vitalità"».






Questo è un articolo pubblicato il 10-02-2021 alle 17:39 sul giornale del 11 febbraio 2021 - 291 letture

In questo articolo si parla di lavoro, imprese, monti sibillini, terzo settore, risorse, Fondazione Cassa di Risparmio di Ascoli Piceno, carisap, giovani imprenditori, progetto appennino, rilancio, comunità, articolo, sisma 2016, alto fermano, appennino alto fermano, ripartenza

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bNs3





logoEV
logoEV