Porto San Giorgio, “Giornata della memoria”. Baldassarri: “Eventi vietati ma doverose riflessioni sul passato”

1' di lettura 26/01/2021 - “Le disposizioni legate all’emergenza Covid 19 non ci permettono, come in passato, di coinvolgere cittadini e scuole in iniziative pubbliche per la Giornata della memoria".

Così l'assessore alla Cultura Elisabetta Baldassarri. "La data del 27 gennaio riveste profondi significati su cui riflettere. Ricorda la shoah, le leggi razziali, la persecuzione italiana dei cittadini ebrei, gli italiani che hanno subìto la deportazione, la prigionia, la morte, nonché coloro che, anche in campi e schieramenti diversi, si sono opposti al progetto di sterminio, ed a rischio della propria vita hanno salvato altre vite e protetto i perseguitati. Gli indirizzi nazionali e dell’Onu esortano a sviluppare programmi educativi per infondere la memoria della tragedia nelle generazioni future, mobilitare e sensibilizzare la società civile ed impedire che il genocidio si ripeta. Assembrarci non è possibile ma riteniamo sia doveroso utilizzare questo tempo per una profonda e sincera riflessione su un passato con cui, probabilmente, non si sono fatti ancora tutti i conti”.






Questo è un comunicato stampa pubblicato il 26-01-2021 alle 13:46 sul giornale del 27 gennaio 2021 - 158 letture

In questo articolo si parla di attualità, porto san giorgio, shoa, Baldassari, comunicato stampa

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bLbW





logoEV
logoEV