Pedaso: addio alla poetessa centenaria Maria Mascaretti

2' di lettura 24/01/2021 - Pedaso piange la scomparsa della centenaria Andreina Maria Mascaretti, maestra elementare, poetessa, scrittrice, nonché pilastro e ultima custode della storia della comunità pedasina.

“I pirati erano stanziati lì da secoli, sugli isolotti della Dalmazia. Avevano queste imbarcazioni rapidissime e facevano incursioni anche nei paesi sulla costa marchigiana. Mio nonno allora, sulla prua della sua imbarcazione, aveva messo un cannoncino napoleonico con cui sparò alcune palle di ferro. Fu un fuggi fuggi generale. E non solo questo dovette affrontare. Mio nonno era un uomo di mare e di terra perché una volta al mese partiva da Pedaso con una pariglia diretto a Roma per vendere tutti i prodotti della Valdaso. E sui passi dell'Appennino c'erano i briganti, cui mio nonno concedeva qualche moneta d'oro per un lascia passare. Erano storie meravigliose ed io, con queste storie, mi ci addormentavo”.

Ricordi dei tempi che furono e che hanno segnato la prolifica produzione letteraria della Mascaretti nelle sue svariate pubblicazioni: “La mia voce vuole ricordare alla gente natia di Pedaso di oggi, quella della prima generazione del 1900. Una generazione semplice, coraggiosa, ricca di umanità, che si è espressa con dolci ninne-nanne, con preghiere, con inni e canzoni, con i fatti che accadevano nei principali luoghi del paese. La generazione del momento, l'ultima del ventesimo secolo, deve riverenza e rispetto verso i suoi progenitori, gente povera ma serena, poiché confidava nell'aiuto di Dio, coscienziosa nel lavoro, fedele alla Famiglia e alla Patria. Consapevole dell'antichissima storia del suo paese, deve sentirsi orgogliosa di farvi parte e fiera di conservare le radici sul monte, dove un tempo sorgeva il Castello e la Torre. Ognuno di noi sia degno di essere chiamato Pedasino” (I Pedasini del 900 - Una voce ricorda...).

Anche l'amministrazione comunale, nella sua nota, si stringe al dolore per la scomparsa della propria concittadina, avvenuta ieri, con estrema gratitudine per aver dato una così elevata importanza al paese lungo i suoi cento anni di vita con storie, poesie, racconti, momenti di vita che resteranno nella memoria collettiva di Pedaso come un prezioso tesoro da difendere strenuamente.






Questo è un articolo pubblicato il 24-01-2021 alle 11:44 sul giornale del 25 gennaio 2021 - 397 letture

In questo articolo si parla di attualità, storia, pedaso, poesie, racconti, memoria, scomparsa, comunità, poetessa, collettiva, articolo, Luigi De Signoribus

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bKTT





logoEV
logoEV
logoEV