Montegiorgio: dalla Centrale idroelettrica all'opportunità del Parco Fluviale. L'Associazione Viarum fa sapere come è andata

3' di lettura 15/01/2021 - Soddisfacente l'incontro tra le parti. Inizio lavori per la centrale previsto a settembre prossimo

I lavori per la realizzazione della centrale Idroelettrica lungo la sponda del fiume Tenna nel luogo denominato cascatelle del Sasso, sono calendarizzati per il prossimo settembre, data dentro cui la Società concessionaria “ Picena Energia Srl ”dovrà produrre al Comune di Montegiorgio adeguata polizza fideiussoria per un importo di circa 120.000 euro. Sono Informazioni che emergono dal verbale dell’incontro tra le parti al quale erano presenti il Sindaco del Comune di Montegiorgio Michele Ortenzi, la Picena Energia Srl rappresentata da Malavolta Domenico e dall'Amministratore Unico Francesco Maria Vespasiani, e l’Associazione Viarum rappresentata dal Presidente Marco Ramadori, a sua volta assistito dall’avvocato Donatella Sciarresi del Foro di Fermo.

Riunione convocata dal Sindaco Ortenzi, come si evince dal verbale, per chiarire tutti punti critici della vicenda, in quanto proprio l’Associazione Viarum, la scorsa estate aveva sollevato forti dubbi sulla costruzione della centrale, contestando in particolare che l’attuazione del progetto non era stata condivisa con la popolazione montegiorgese, sollevando le proteste della cittadinanza.

Ed è stato lo stesso Presidente di “ Viarum” a rappresentare la valenza paesaggistica storica e sociale del sito in questione, per il quale in questi anni l’Associazione si è sempre prodigata fattivamente, creando e segnalando percorsi per una migliore fruibilità e promozione del luogo.

“ E’ proprio in ragione della nostra determinazione come Viarum- riferisce il presidente Marco Ramadori- se si è arrivati ad una evoluzione equilibrata della questione che consentirà da una parte di vedere rispettati i principi ambientali del luogo della cascata mitigandone l’impatto, e dall’altra di ottimizzare l’opera di valorizzazione della zona attraverso la realizzazione di un Parco Fluviale. La nostra associazione presenterà un progetto e lo attuerà insieme all’amministrazione comunale che, allo scopo, metterà a disposizione l’importo corrisposto dalla concessionaria Picena Energia, cioè i 6000 euro annui per 15 anni , per un totale di 90.000.

“Non solo- continua Ramadori - nell’incontro, tra le altre cose, si è anche stabilito che una volta realizzato l’impianto, La Picena Energia dovrà ripristinare il sentiero che porta alla cascata e il Belvedere che la nostra Associazione aveva realizzato nell’estate 2020, ricollocandolo in aree demaniali. Inoltre, nel caso in cui il progetto del Parco Fluviale dovesse interessare terreni di proprietà della Società, la stessa con spirito collaborativo, si è impegnata a donarli alla nostra Associazione”.

Si è conclusa dunque in maniera soddisfacente per le parti la tanto discussa vicenda della Centrale elettrica sulle Cascatelle del Tenna a Piane di Montegiorgio. Non potendo impedirlo, data la competenza della regione Marche che , espletate le Conferenze dei Servizi ed acquisiti tutti i pareri del caso aveva autorizzato l’opera nel febbraio 2020, l’Associazione Viarum insieme al Comune, ha cercato di trasformarla in opportunità , puntando alla sistemazione dell’area e alla creazione di un Parco Fluviale a vantaggio di tutto il territorio dell’entroterra fermano.






Questo è un articolo pubblicato il 15-01-2021 alle 19:41 sul giornale del 18 gennaio 2021 - 818 letture

In questo articolo si parla di cronaca, montegiorgio, articolo, marina vita, viarum,

Licenza Creative Commons L'indirizzo breve è https://vivere.me/bJCU





logoEV
logoEV